Nel silenzio di Avellino si sente solo la Sidigas

I padroni di casa nonostante le porte chiuse non danno scampo a Trento: Fesenko mvp, Auda e Wells altre punte di una prova robusta. Serata nera al tiro per Trento
 di Massimo Roca  articolo letto 981 volte
(foto www.avlive.it)
(foto www.avlive.it)

Atmosfera irreale per un match che avrebbe meritato altra cornice: la Sidigas porta la serie con Trento sull’1-1 in un PalaDelMauro deserto. Le porte chiuse non frenano la determinazione dei padroni di casa che fanno gara di testa sin dall’avvio. Protagonisti i due centri di Sacripanti: Fesenko ne piazza 20 in 19 minuti con 8/9 dal campo: Auda ribadisce la doppia cifra dopo il buon esordio in gara 1. Il resto lo fa Wells: 11 punti con 4/4 da due, 8 assist e la migliore valutazione stagionale (26). Trento naufraga nelle percentuali al tiro (22/66 dal campo), in un serata in cui Sutton non va oltre le solite sportellate (9 punti con 4/11 dal campo e -26 di plus minus). Flaccadori e Forray restano all’asciutto, Silins fa 1/5, Gutierrez 4/14 ed è l’unico ad andare in doppia cifra insieme a Shields. Avellino ritrova il 60% da due, decisivo nei due precedenti successi contro la Dolomiti, e soprattutto inverte la tendenza di gara 1 in tema di palle perse (17 per Avellino, 20 per Trento). L’arbitraggio di Seghetti-Filippini-Bettini, seppur con qualche sbavatura e qualche concessione alla difesa trentina nel terzo quarto, riesce a garantire una maggiore tutela del gioco rispetto ai disastri dei colleghi di gara 1. Nell’ultima frazione Beto Gomes si rende protagonista di un episodio increscioso: tenta di aggredire l’arbitro Seghetti dopo che questi lo sanziona di un fallo tecnico per proteste. Solo l’intervento di Gutierrez evita che passi alle vie di fatto. Sarà molto interessante capire il tipo di sanzione che sarà applicata al caso specifico. Una bottiglietta che colpisce un arbitro ed un giocatore che tenta di aggredire un arbitro, questa volta come funzionerà la bilancia della giustizia sportiva? Il finale è tutto per i tifosi: Sacripanti festeggia il suo compleanno e gli dedica la vittoria: I biancoverdi salutano il pubblico festante rimasto fuori dai cancelli del palasport.

SIDIGAS AVELLINO – DOLOMITI TRENTINO: 80-59 (24-15, 20-18, 16-10, 20-16)

Sidigas Avellino: Zerini 4, Wells 11, Sabatino n.e., Leunen 5, Scrubb 3, Filloy 9, Renfroe 5, D’Ercole 12, Rich 12, Auda 11, Fesenko 20, Parlato n.e. Coach: Sacripanti

Dolomiti Trentino: Franke 8, Sutton 9, Silins 5, Czumbel n.e., Forray, Flaccadori, Gutierrez 10, Gomes 7, Hogue 8, Lechthaler 2, Shields 10. Coach: Buscaglia