EuroLeague - AEK, Angelopoulos denuncia le pratiche fasciste delle undici sorelle

05.01.2019 12:22 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1798 volte
EuroLeague - AEK, Angelopoulos denuncia le pratiche fasciste delle undici sorelle

In un'intervista rilasciata a SPOR FM 94.6, il proprietario dell' AEK Atene Makis Angelopoulos ha parlato di "fascismo totale" nel basket europeo e di abitudini di concorrenza sleale da parte di alcune squadre. Angelopoulos ha descritto quanto sia stato difficile persuadere Jordan Theodore ad accettare l'offerta dell' AEK per diventare il nuovo membro della squadra di Luca Banchi.

Entrate e ingaggi. Questi ingaggi sono molto difficili. I nostri concorrenti hanno contratti garantiti decennali che danno loro da sette a otto milioni di entrate in più rispetto a noi all'anno. Le nostre entrate sono comprese tra 2,0 e 2,2 milioni di euro. Questa è la differenza tra noi e i nostri principali avversari (Olympiacos e Panathinaikos, ndr) in Grecia.Siamo costretti a spendere più denaro di loro.

Dominanti sleali. Purtroppo c'è un problema che credo sarà presto risolto in qualche modo. Circa 650 squadre giocano a basket in Europa coinvolgendo migliaia di giocatori e allenatori. Undici team dominanti non possono comandare il resto con pratiche di concorrenza sleale. Questo è sia un desiderio che qualcosa su cui sono stato informato (è da molto tempo che diciamo come EuroLeague stia cercando di staccarsi da FIBA come la NBA, ndr).

Il modello del calcio UEFA. Chiunque ami il basket dovrebbe preoccuparsi di questo perché la ECA la pensa diversamente. C'è un modello di successo dimostrato dal calcio. Doveva esserci una connessione diretta tra le gare, quindi le entrate e l'immagine generale sarebbero state chiare per gli sponsor. L'altro modo, il più breve credo, è che la Champions League del basket arrivi al punto che le squadre non vogliano giocare un anno in EuroLeague per realizzare i loro sogni. Vediamo già l'Hapoel Jerusalem e il Brose Bamberg che preferiscono la BCL. Se la Basketball Champions League migliora, lo faranno anche i campionati nazionali.

Slealtà anche dentro EuroLeague. C'è anche una concorrenza sleale all'interno della EuroLeague, tra le undici squadre fondatrici e le altre cinque che partecipano per una stagione e poi vanno in bancarotta o sull'orlo della bancarotta. È anche una concorrenza sleale per i campionati nazionali, perché le entrate di una lega privata offrono un vantaggio rispetto alle squadre con entrate minori. Questo crea una lega nazionale non competitiva.

Discriminazioni nazionali. In Spagna, alcuni posti in EuroLeague si basano sulla classifica delle squadre. In altri paesi come la Grecia, l'Italia e Israele c'è un totale fascismo. Si decide prima dell'inizio del campionato quali squadre otterranno questi soldi. Solo il denaro conta, non ci sono criteri sportivi o pallacanestro. Perché non dovremmo avere la possibilità di vedere una nuova Pop 84? L'elemento sorpresa è stato soppresso. Non ci sarà mai un esempio di Leicester nel basket.

Jordan Theodore Ovviamente convincere un giocatore di livello EuroLeague a giocare per l'AEK è difficile e un onere finanziario. Per giocatori come Jordan Theodore, il primo problema è la parte finanziaria, segue l'ambiente della squadra. Oltre alle squadre EuroLeague, AEK è il posto migliore in cui ogni giocatore può ristabilirsi. Vedo che molte persone sanno cosa significa AEK come club. È una squadra che rappresenta la sua ricca storia. Certo, il nostro allenatore ci ha aiutato.