LBA - Virtus, Ronci: "Siamo in linea, in squadra un bellissimo clima"

Fonte: BolognaBasket
Kyle Weems
Kyle Weems
© foto di Savino Paolella

Paolo Ronci, direttore generale della Virtus Bologna, ha parlato questa mattina a Radio Nettuno Bologna Uno. “Siamo in linea, anche se per noi ogni posizione in classifica diversa dalla prima è migliorabile. Forse l’unica pecca fino ad oggi è stata la sconfitta con Valencia, anche perché sappiamo quanto siano importanti le partite in casa soprattutto in EuroCup. La formula di quest’anno della coppa è davvero complicata, mantenere il fattore campo è un aspetto importante anche se in questo periodo di limitazioni e partite a porte chiuse parlare di fattore campo è difficile.”

Sulla squadra: “In squadra c’è un bellissimo clima, lavoriamo tutti i giorni per questo grazie all’aiuto di tutti, anche quelli che lavorano negli uffici di Casa Virtus. Siamo stati tutti felici di rivedere Udoh a Bologna, lui era il perno difensivo pensato durante l’estate. Non l’abbiamo mai avuto e abbiamo dovuto ripensare a tante cose. L’esempio è Jaiteh, arrivato come cambio di Udoh per imparare da lui e adesso, dopo un periodo di assestamento, è in continuo miglioramento grazie all’aiuto di tutti. Soprattutto grazie a Teodosic? Hanno un bel rapporto, parlano spesso, non da ieri ma da inizio stagione ed è sicuramente un plus per lui, anche perché poi in campo molto per lui passa dalle mani di Milos. Questa è una squadra che vuole sempre cercare il compagno libero, che ama passarsi la palla. Al di là di Teodosic, che sta insegnando a tutti la voglia di divertirsi passandosi il pallone, abbiamo anche un Pajola che nelle ultime gare sta dispensando assist, Nico è un ottimo passatore e anche Belinelli, che tutti conosciamo come un ottimo tiratore, ha aumentato in maniera sostanziale anche gli assist. Questo è sintomo di una squadra che sta crescendo grazie al lavoro in palestra, sta aumentando la fiducia reciproca tra i giocatori.”

Su Sampson: “È un giocatore arrivato per sostituire un giocatore infortunato e in quel momento era la miglior scelta possibile. Stiamo chiedendo a JaKarr di interpretare un ruolo che in NBA è diverso da quello del basket europeo. Per lui è necessario un cambio di mentalità, ci vuole pazienza perché deve assumersi più responsabilità in campo. Lo staff tecnico crede in questo giocatore e lo sta aiutando: la base di partenza è la sua energia e l’impegno difensivo, in un contesto di squadra che in attacco non dipende direttamente dai suoi punti. Lui sta lavorando, è sempre disponibile al lavoro e vuole far vedere con orgoglio il suo potenziale. È ovvio che in questo momento gli viene chiesto qualcosa di diverso rispetto a quello che faceva in NBA.”

Su Nico Mannion: “Nico lo vedo tutti i giorni in allenamento, il trend è positivo ed è in crescita. Sta ritrovando le sue giocate, grazie ai nostri veterani il livello degli allenamenti è sempre alto e questo lo aiuta. È spettacolare vedere come Teodosic, Belinelli, Weems in allenamento non mollino di un centimetro per vincere ogni partitella o ogni esercizio. In questo contesto la crescita di Mannion fa ben sperare, non ha ancora il ritmo partita ma quello si prende giocando.”