Lega A - Brindisi ha paura di vincere, l'Orlandina non perdona

16.12.2017 22:13 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 868 volte
Lega A - Brindisi ha paura di vincere, l'Orlandina non perdona

Una partita senza padrone, una buona occasione per Brindisi di bagnare la prima sulla sua panchina di Frank Vitucci che sfuma nei secondi conclusivi senza riuscire a segnare! Betaland e Happy Casa giocano una pallacanestro compassata, cercando di creare con movimento e passaggio dei buoni tiri, evitando di forzare situazioni e di andare a beccare contropiedi fatali. Così se ne scorre il primo tempo (37-37), così non vorrebbe essere la ripresa, con la formazione salentina che cerca di prendere l'abbrivio ma, di fronte a tante buone cose, soffre la cattiva applicazione al tiro da tre punti (3/23 alla fine) e perciò non concretizza un certo vantaggio +4 al 30' anche perché l'Orlandina ha una buona attitudine a non mollare nei momenti di difficoltà, anche se qualche scivolone recente possa far pensare il contrario. 

Nell'ultimo periodo si accende Mesicek e Tepic fa vedere qualcosa di buono. Brindisi prende un certo abbrivio 55-63 ma quasi si ferma. Cinque punti in fila di Ikovlev rimettono in pista i padroni di casa, che con Delas pareggiano con un 2+1 che fa male a Vitucci. Suggs manda a segno Lalanne quando mancano ancora 3', ma è chiaro che saranno gli episodi a decidere una gara dove manca il giocatore con il colpo del ko - forse il maggior problema di Brindisi adesso, Tepic vorrebbe far bene contro la sua ex, ma si ferma sul più bello. La sua tripla sbagliata è seguita dal pareggio di Maynor, poi Suggs perde palla e Delas fa +2 Capo. Mancano 105 secondi alla sirena conclusiva e, a parte un libero di Smith, non segna più nessuno in un gioco kafkiano quanto angosciante di incapacità di piazzare la stoccata vincente per entrambe le squadre. L'ultimo attacco è dei pugliesi, e finisce contro il cronometro, senza arrivare a esprimere nemmeno un tiro sbagliato.

Finisce 67-66. Boxscore: 15 Ikovlev, 13 Wojciechowski, 11 Maynor, 9 Alibegovic e Atsur, 6 Delas, 2 Kulboka e Ihring per Capo d'Orlando, che porta a casa la quinta vittoria in campionato. 15 Lalanne, 11 Suggs, 10 Tepic, 9 Mesicek, 7 Smith, 6 Moore, 4 Oleka, 2 Giuri e Cardillo.