A2 F - Stanchi Athena vince il derby romano con l'Elite

07.01.2019 00:20 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 133 volte
A2 F - Stanchi Athena vince il derby romano con l'Elite

Il derby di A2 di basket femminile che a Roma non si vedeva da anni a questi livelli, l’ha vinto la squadra padrona di casa: Gruppo Stanchi Athena-Integris Elite Basket 66 a 60. Ma è servito un tempo supplementare per dirimere la questione che le due formazioni romane hanno portato avanti con la determinazione e grinta necessaria a giocare un derby così importante per la classifica del girone Sud.

Una partita bellissima, corretta come pochi altri derby lo sono stati in generale in qualunque sport e nel quale la differenza per le padrone di casa l’hanno fatta le giocatrici che fino ad ora avevano giocato di meno e quindi reso di meno. Giulia Grimaldi in serata di grazia (20 punti) fino a che le gambe le hanno retto, Gaia Raveggi superlativa, precisa e punto di riferimento sui due lati del campo, Elena Russo playmaker metronomo e decisiva nel finale, Laura Gelfusa pivot di esperienza  he non ha fatto una piega di fronte alla gioventù ed all'esuberanza delle sue avversarie;  Marta Verrecchia in crescita esponenziale, che è esplosa in tutta la sua velocità e potenza.

Elitè ha risposto con quello che aveva perché alcuni infortuni l’hanno messa in emergenza ma ha giocato una partita molto importante con la Masic e la Crhrysanthodou oltre che qualche sprazzo di Grattarola e con la sua organizzazione di gioco molto puntuale. Quando sembrava che Athena avesse vinto – punteggio sempre in equilibrio tranne uno strappo di Athena per un più 10 con recupero di Elìte - a 5” dal termine Introna dall’angolo ha messo una tripla bellissima, 56 a 56 che ha mandato le squadre al supplementare. Qui Elisa Volponi – che già stava giocando una partita di grande concretezza, forza ma anche fantasia come il suo talento le può permettere - ha guidato la squadra al successo con l’aiuto delle triple di Russo, Raveggi ed Gelfusa.

I complimenti vanno ad Elìte che si è arresa solo a 8" secondi dal termine dell'overtime. Perché la partita è stata in equilibrio sin dalla palla a due anche se nel punteggio ha guidato Athena. I piccoli parziali messi in piedi dalla squadra di casa sono stati puntualmente rintuzzati nel primo e secondo quarto dalle ospiti anche perché tra le fila della squadra di coach Goccia, si è fermata dopo nemmeno 9 minuti di gioco il capitano, Giulia Bernardini, per un problema al ginocchio. Un problema non da poco dal punto di vista tattico, tecnico ed emotivo. La squadra però ha risposto e nel terzo quarto, Grimaldi ha fatto il vuoto con 11 punti creando il primo vero break della gara, 45 a 35, che Elìte ha recuperato con la classe e la genialità della mancina serba Mia Masic.

Quando anche Giulia Grimaldi si è fermata per crampi la situazione per Athena sembrava difficile ed infatti Elìte ha proseguito nella sua rimonta. Coronata a 5" dal termine,56 a 53" da una tripla di Natalia Introna dall'angolo destro della difesa Athena, 56 pari sulla sirena e supplementare. Giocato con le forze residue perchè Eliè si è presentata in dieci a causa di una serie di infortuni pregressi che ne hanno limitato al minimo le rotazioni ed Athena - che gli infortuni seri li ha subìti in partita - aveva sulle spalle una settimana di febbri varie, mal di gola debilitanti e placche assortite. Eppure anche questi 5 minuti le due squadre li hanno resi bellissimi, intensi, incerti. Almeno fino a quando due triple (entrambe di tabella ma un certo Tim Duncan ha costruito una super carriera su "amico tabellone) di Russo e Raveggi hanno fatto 63 a 58 e dopo il canestro di Crhrysanthodou per il 63 a 60, Gelfusa ha messo uno dei suoi colpi preferiti d'esperienza al centro del pitturato ospite 65 a 60 con 50" secondi da giocare. Lo 0 su 2 dalla lunetta di Introna a 15" sono stati il segnale di resa di Elìte e l'inizio di un grande applauso del Pala Donati per la squadra vincitrice certamente, ma anche alle avversarie che hanno contribuito ad una bella partita.

Marta Verrecchia :"E' una partita che sentivamo dall'inizio della stagione, ci tenevamo tanto sia noi che loro. Siamo arrivate cariche e gli infortuni in corsa prima di Giulia Bernardini e poi di Giulia Grimaldi ci hanno caricato ancora di più. E quando noi nelle difficoltà ci compattiamo non ce ne è per nessuno. Io sono molto contenta della mia prestazione perché so di essere stata utile alla squadra ed ho tirato fuori quello che fino ad oggi non ero riuscita a tirar fuori"

Francesco Goccia coach Athena "Complimenti alle nostre avversarie, hanno giocato una grande partita. Contento per le nostre ragazze perché vincere dopo le feste non è mai facile, perché vincere un derby contro una squadra forte come Elìte è difficile. Abbiamo giocato bene, abbiamo giocato di cuore ma anche con molta testa: c'è stata continuità nella ricerca dell'esecuzione dei nostri giochi ed ottime scelte quando abbiamo giocato uno contro uno".

Massimo Prosperi coach di Elìte:" Voglio complimentarmi con Athena. E' stata una bellissima partita giocata bene da tutte e due le squadre. Alle mie ragazze non posso dire nulla anzi solo battere le mani. Peccato per un canestro segnato secondo noi dopo la sirena dei 24" ma lo sport va accettato così come è, dunque brave alle nostre e penso sia stato un bello spettacolo per la pallacanestro femminile".