A2 F - Il derby va alla B&P Autoricambi Costa Masnaga, Carosello Carugate finisce ko

10.02.2019 14:14 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 128 volte
A2 F - Il derby va alla B&P Autoricambi Costa Masnaga, Carosello Carugate finisce ko

Bella vittoria nel derby contro Carosello Carugate per le pantere, che provano a scappare già nel primo quarto, ma Carugate si riporta subito in carreggiata sul 21-15. Basket Costa trova risorse importanti a rimbalzo e quando riesce a muovere con velocità la palla punisce la difesa a zona delle ospiti: al 20' il margine sale a 14 punti, 43-29. Dopo l'intervallo calano le percentuali al tiro, ma l'intensità difensiva e a rimbalzo rimane: i tentativi di Carugate di riportarsi sotto la doppia cifra di vantaggio vengono sempre rispediti al mittente, con Basket Costa che mette in cassaforte il match sul 68-51.

La cronaca
Dopo il minuto di raccoglimento per onorare la memoria del presidentissimo di Basket Carugate, Giuseppe Mirarchi, inizia il match: Basket Costa parte con Frustaci al fianco di Baldelli e Rulli, mentre sotto canestro ci sono Picotti e Vente; le ospiti rispondono con Diotti, Gambarini, Colombo, Albano e Molnar, ma devono fare i conti con il forfait della loro top scorer in campionato, Giulia Maffenini. La partenza è tutta marchiata Basket Costa, con Frustaci e Picotti subito attive a rimbalzo offensivo: Rulli e Vente ringraziano e firmano il 5-0. Diotti risponde per Carugate, ma è un gioco da tre punti di Albano a riportare quasi in equilibrio il punteggio, 7-5 al 4’. Picotti trova due punti in transizione e poi trova Rulli sotto canestro per un altro mini-break delle pantere, 11-5. Frustaci serve bene Vente che, sotto canestro, punisce ancora Carugate, ma è l’asse Picotti-Rulli a prendersi la scena con un alley-hoop da applausi che porta le pantere sul +8, 15-7. Time-out immediato di coach Cesari, che prova a mettere in difficoltà Basket Costa con una zona mista che produce qualche frutto, soprattutto in transizione: al 10’, le padrone di casa sono avanti 21-15. Il secondo quarto si apre con Discacciati attiva in difesa (e sfortunata su alcune triple sputate dal ferro) e l’asse Balossi-Tibè che prova, nell'altra metà campo, a far scappare Basket Costa: il secondo canestro della numero 21 della B&P Autoricambi Costa Masnaga significa il +12, 27-15. Carugate annaspa in attacco e Baldelli la fa sprofondare a -18 con due triple, inframmezzate dai canestri di Vente e Picotti: 39-21 al 16’. Le pantere hanno un piccolo calo di tensione e Carugate ne approfitta subito, con un parziale di 6-0 e due contropiedi che portano anche coach Pirola a chiamare time-out. Nel finale ci pensa Vente, con 4 punti di fila, a ridare un po’ di fiato a Basket Costa: il canestro di Gambarini sulla sirena fissa il punteggio sul 43-29 al 20’. Dopo l’intervallo Basket Costa riparte con Longoni in quintetto, ma è sempre Vente che riprende da dove aveva lasciato, con un altro rimbalzo offensivo che produce un canestro da sotto. Le pantere si disimpegnano benissimo a rimbalzo (alla fine saranno 56, con Vente 10, Picotti e Rulli 9, Spinelli 8 sugli scudi) e due triple consecutive di Rulli ampliano nuovamente il margine sul +18, 51-33 al 24’. Baldelli e Spinelli fanno volare Basket Costa sopra i venti punti di vantaggio, ma Carugate risponde con un mini-break in transizione che fa arrabbiare in panchina coach Pirola: al 30’, il tabellone dice 55-39.Un bel canestro di Tibè apre l'ultimo parziale, ma è Carugate a prendere fiducia, riportandosi fino al -12, 57-45. La risposta delle padrone di casa è, però, quella giusta: nonostante qualche errore di troppo al tiro, l’intensità e l’attenzione in difesa non mancano mai. Baldelli, Balossi in contropiede e ancora Rulli dalla lunga ricacciano Carugate a -19. È la fuga decisiva, le ospiti sbagliano troppo da sotto canestro, ma provano comunque a rifarsi sotto con l’orgoglio. Non basta, però, perché a scrivere la parola fine sul match ci pensa Tibè, con quattro punti di fila, frutto di altrettanti ottimi pick&roll con la capitana Michela Longoni: negli ultimi minuti c’è spazio anche per Allevi e Colognesi che danno un buon contributo in difesa nei minuti in campo. Finisce 68-51.

Le interviste
Ecco le dichiarazioni al termine del match di coach Pirola. Un derby portato a casa che vale la testa della classifica, seppur insieme ad Alpo e Crema. Qual è il tuo giudizio sulla partita?
"Non era una partita semplice dal punto di vista tecnico, in quanto contro una serie di difese diverse non abbiamo trovato una buona giornata al tiro da 3 e abbiamo perso qualche pallone di troppo. Può accadere, siamo state però brave a stare sul concreto: controllare i rimbalzi e limitare le loro giocatrici migliori".
Avresti voluto che le ragazze attaccassero la zona facendo girare la palla con maggiore velocità, ribaltando di più il lato? Quando l'avete fatto, ne sono nati tanti tiri puliti, nonostante stasera le percentuali, soprattutto da 3 punti, ma anche ai liberi, sono state basse: la bravura è stata quella di alzare i giri anche in difesa e concedere poco o nulla a Carugate, che ha segnato solo 22 punti nella ripresa? "Carugate ha proposto zone diverse, alcune più aggressive, altre meno, altre miste. Devi sempre prendere un po’ le misure. Potevamo farlo più velocemente, questo si. In ogni caso, con basse percentuali da tre abbiamo comunque trovato spazi per segnare".
Sotto canestro avete fatto la differenza, con ben 56 rimbalzi: a parte qualche passaggio a vuoto, tra tagliafuori e aggressività anche a rimbalzo offensivo, si può dire come sia stato un fattore chiave in questo derby?
"Era nel piano partita: controllare i rimbalzi e il ritmo gara".
Se volessimo cercare il pelo nell'uovo, ce ne potrebbero essere due: qualche palla persa di troppo che sembra derivare più che altro da cali di tensione e attenzione (spesso magari dopo aver accumulato un bel vantaggio nel punteggio) e riuscire a trovare un po' più di ordine nei momenti di maggiore confusione e intensità del match. Cosa ne pensi? "Concordo, potevamo adattarci più velocemente e non calare di tensione. In ogni caso contro 30’ di zona è difficile restare sempre a mille".

Tabellino 
B&P Autoricambi Costa Masnaga – Carosello Carugate 68-51 (21-15; 43-29; 55-39)
B&P Autoricambi Costa Masnaga: Discacciati (0/2 da tre), Colognesi, Allevi, Longoni (0/6, 0/1), Frustaci 1 (0/2 da tre), Rulli 17 (4/7, 3/5), Balossi 4 (2/3, 0/1), Baldelli 10 (1/4, 2/7), Spinelli 4 (2/5, 0/3), Picotti 4 (2/4, 0/1), Tibè 13 (6/10), Vente 15 (6/10, 0/1). All: Pirola

Rimbalzi 56 (38 dif + 18 off): Vente 10, Rulli e Picotti 9, Spinelli 8
Assist 21: Baldelli 5, Picotti 4, Tibè e Longoni 3
Note: 2P 23/44, 3P 5/28, TL 7/14, PP 18, PR 12, VAL 87

Carosello Carugate: Giulietti 4 (2/3, 0/3), Usuelli ne, Diotti 12 (6/12, 0/2), Molnar 12 (4/12, 0/2) Possali (0/1 da tre), Maffenini ne, Gambarini 10 (5/17, 0/2), Fossati (0/1), Colombo 6 (3/5, 0/3), Albano 7 (2/10, 0/2). All: Cesari

Rimbalzi 42 (28 dif + 14 off): Molnar 14, Albano 7, Giulietti 6
Assist 10: Gambarini e Albano 3
Note: 2P 22/58, 3P 0/15, TL 7/9, PP 15, PR 11, VAL 47