Alla Pepsi Caserta non basta il cuore contro l' Alba Berlino

30.11.2010 22:50 di Lorenzo Belli  articolo letto 690 volte
Fonte: casertace.biz
Alla Pepsi Caserta non basta il cuore contro l' Alba Berlino

CASTELMORRONE - Avrebbe meritato una cornice più degna la prova gnereosa della Juvecaserta che ha tenuto testa sino alla fine alla corazzata Alba Berlino. Il dato ufficiale dice 1618 spettatori, incasso 9144 euro. Insomma, Caputo non ha tutti i torti. Passiamo alla gara. Un successo meritato del team tedesco, dotato di un roster molto profondo e solido. Qualche fischio malandrino (arbitri duramente contestati da pubblico e squadra), un po' di sfortuna al tiro hanno impedito ai bianconeri di portare a casa il match che valeva il primo posto nel girone H. Primo quarto dominato da Jenkins, riscossa bianconera nel secondo quarto. Partita sempre in bilico anche nella ripresa con la Pepsi che arriva sempre sotto ma non riesce a dare la stoccata decisiva mentre l'Alba sembra giocare al gatto col topo. Molti problemi di falli nei momenti clou, quando la difesa cercava di recuperare il gap sempre qualche fischio al limite. Eric Williams, top scorer con 14 punti, è stato in campo soli 16 minuti. Terzo e quarto fallo in sequenza all'inizio del secondo tempo, l'ultimo poco dopo il rientro nell'ultimo quarto. Una presenza notevole quella del centro americano che si sta integrando molto bene col tempo dando alla squadra una doppia dimensione pericolosissima. In doppia cifra anche il resto del quintetto titolare, andato molto a sprazzi. Poco incisivi gli altri della panchina. La solita brutta serata al tiro da tre che quest'anno non entra proprio: 6/27 dice la statistica. Per l'Alba uno splendido Dragicevic, oltre al citato Jenkins, ma anche grandi stoccate nel finale di McElroy e Marinovic. La Juve esce comunque a testa altissima, confermando i progressi mostrati e rimanendo in piena corsa per la qualificazione alle top 16.

Primo quarto

Solito quintentto per la Pepsi, l'Alba schiera Jenkins, Marinovic, McElroy, Dragicevic, Femerling. Striscione dell'Ibn dopo le parole di allarme di Caputo: "Politici come al slito latitanti, ci rivedremo quando serviranno dei votanti". Apre la schiacciata di Dragicevic, risponde la Juve coi liberi di Di Bella e l'affondata di Eric Williams. Partita sul filo dell'equilibrio nei primi 5 minuti con Jenkins che fa subito soffrire Bowers in difesa. L'Alba va sul 12-8 ma ci pensa Jones con la sua seconda tripla, nonostante la fasciatura per la contrattura al polpaccio. Williams segna e subisce fallo, libero sbagliato, 13-15. Jenkins è inarrestabile, tripla che lo manda già in doppia cifra dopo 6 minuti. Sacripanti corre ai ripari con una mossa decisa, Doornekamp in marcatura sull'americano. Williams, servito benissimo, va ancora a segno e poi stoppa Price. Jenkins invece è instoppabile e mette la bomba anche in faccia a Doornekamp. Si cambia di nuovo marcatura con Di Bella su Jenkins. Williams mette l'ottavo punto ma l'Alba tira 10/12 con 4 triple su 4. Price porta gli ospiti a +5, Taylor segna un libero su due. Dopo 10 minuti Berlino conduce 27-21.

Secondo quarto

Allen a segno ma Di Bella reagisce con una rubata, canestro e fallo subito. L'Alba in attacco perdona poco, ma anche quando sbaglia, il quintetto piccolo della Juve non produce tanti punti. Sul 24-30 timeout di Sacripanti. La Juve concede tre possessi consecutivi agli avversari, Doornekamp e Koszarek soffrono, meno 9. Terzo fallo del canadese su Dragicevic. Ere in ennesima serata negativa, 0/4, ma si riprende con un jumper che vale il 26-35. Sbagliano Colussi e Garri, Ere fa il meno 7 in penetrazione ma il gigante Femerling segna col fallo e rimette 10 punti fra le squadre. Colussi e Koszarek accorciano a meno 6 anche se per Caserta è l'ennesima serata storta da 3: 2/10. Due recuperi difensivi consecutivi della Pepsi, timeout Berlino. Colussi va in lunetta per il meno 4, 34-38. Dragicevic risponde con un altro post basso di gran classe ma Ere è entrato in ritmo e mette la tripla del meno 3 sul finire del quarto. Si va al riposo con l'Alba Berlino che conduce 40-37. Un buon recupero della Juvecaserta per quanto si è visto contro una squadra chiaramente tra le top europee. Jenkins top scorer con 13 punti ma 0 nel secondo quarto. Per Caserta Di Bella e Williams 8.

Terzo quarto

Subito terzo fallo di Williams che resta in campo. Bowers parte in panchina, resta Koszarek in campo. Dragicevic mostra ancora la sua classe con la tripla, 12 punti per lui. Ebi Ere accorcia con la bomba del 42-46, ma Williams commette immediatamente il quarto fallo su Femerling. Resta comunque sul terreno il centro che riceve l'assist di Jones e schiaccia il 44esimo punto. Dragicevic lasciato ancora solo punisce con un'altra tripla, sempre meno 7 per la Pepsi. Torna Bowers che firma subito due canestri e fallo subiti consecutivi, meno due! Esce Williams e torna Martin che subito si tuffa su un pallone recuperato, timeout di Pavicevic. Martin fa solo 1/2 e non c'è il pareggio. Canestro avventuroso di Marinovic e due appoggi sbagliati da Ere e Martin. In un amen l'Alba ritorna sul +6. Dopo il timeout splendida sospensione di Ere ma gli arbitri puniscono ancora la Juve mandando in lunetta Taylor. Diciotto liberi per i berlinesi. Un quintetto piccolo con Doornekamp e Martin soffre tantissimo subendo un 9-1 di parziale. Un po' di luce con la bomba del canadese e un canestro di Colussi che valgono il 58-63 con cui si chiude il terzo periodo, ma sulla sirena gli abitri non vedono un fallissimo su Di Bella. Direzione un pochino penalizzante per Caserta, sotto di 5.

Ultimo quarto

Sospensione vincente di Bowers che gioca con 4 panchinari. Due recuperi non sfruttati, un contropiede mangiato clamorosamente e McElroy punisce con il gioco da tre punti, 60-66 dopo un possibile pareggio. Doornekamp sbaglia ancora e Idbihi fa ancora male con un altro canestro e fallo del neo-entrato Garri. Ogni volta che la Pepsi si avvicina l'Alba sembra giocare al gatto col topo. Esce la tripla di Jones, si resta sul meno 9. Sacripanti si ricorda di avere Williams in freezer e il pivot va subito a segno. La Juve però viene frustrata dai continui fischi su ogni tentativo di difesa forte. Jones arrabbiatissimo, poi butta una palla. Meno 9, 4:18 al termine ma non si vede molta speranza. Timeout. Come preventivato arriva il quinto fallo di Williams, oltretutto con canestro di Femerling. Meno 11, palla buttata da Bowers che poi si fa perdonare con una rubata e l'Alba, forse già rilassata, butta la palla. Timmy trova JJ che spara la tripla nel momento più importante: 67-73, timeout a 2:44 dalla fine. Marinovic segna ma Jones risponde subito e la difesa forza una palla persa. Non va il tiro di JJ e Jenkins segna i liberi della sicurezza. Gli arbitri fischiano qualsiasi cosa facendo innervosire tutti, anche se l'Alba vince meritatamente. FInisce 73-79.

Alfonso Norelli