ABA League: vittoria al cardiopalmo per il Partizan di Trinchieri

La sintesi del quattordicesimo turno di Lega Adriatica
07.01.2019 10:00 di Marco Garbin  articolo letto 297 volte
A. Renfroe (Partizan)
A. Renfroe (Partizan)

Quando le storie sono già scritte dal destino nulla è troppo sorprendente. La vittoria del Partizan contro i coriacei montenegrini del Mornar doveva infatti essere da tempo annotata nell'almanacco del Dio del basket, ma negli ultimi centesimi di secondo del match forse nessuno l'avrebbe neanche immaginata. Difficile, o forse inutile, cercare di descrivere con le parole cosa possa essere successo in una manciata di centesimi di secondo, meglio lasciar parlare le immagini. 
Nei match più "normali" da notare il ritorno alla vittoria del Buducnost a guida Repesa, che rompe così un digiuno lungo 8 match fra ABA ed Euroleague.
E se l'ennesima vittoria della Stella Rossa non fa quasi notizia spazio al successo in trasferta del Cedevita contro l'ottimo Mega: dopo la partenza a razzo degli orange (+20 già nei primi 7') e nonostante l'ennesima ottima prestazione di Pullen (31p) il Mega, trascinato da Edin Atic (20p), riesce nell'aggancio e trascina i croati al supplementare, dove il "fattore Pullen" scrive la parola fine di un match bello quanto combattuto.  

I risultati:
Buducnost - Igokea 96:70; Krka - Stella Rossa 66:96; Cibona - FMP 90:71; Zadar - Olimpija 84:80; Partizan - Mornar 75:73; Mega - Cedevita 101:107.

La classifica:
Stella Rossa 28, Cedevita 24, Buducnost 23, Partizan e Mega 22, FMP e Cibona 20, Zadar, Mornar e Igokea 19, Olimpija e Krka 18.