EuroLeague - Terza sconfitta in fila per il Khimki: il Fenerbahce resiste alla rimonta russa e vince

71-67 il punteggio finale. Agli ospiti non bastano i 21 punti di Shved
24.11.2017 21:04 di Fabrizio Fasanella Twitter:   articolo letto 527 volte
EuroLeague - Terza sconfitta in fila per il Khimki: il Fenerbahce resiste alla rimonta russa e vince

Il Fenerbahce (quattro vittorie nelle ultime cinque gare) domina difensivamente il primo tempo, tocca il +17 nel terzo quarto ed è avanti 58-46 al trentesimo minuto. Il Khimki, però, non è mai domo e sorprende i turchi con una grande rimonta, trasformando la gara in un’appassionante battaglia. Le sorti del match sono decise dal canestro di Vesely a meno di 90 secondi dalla fine e dai tre liberi di Wanamaker, autore di 16 punti con 5 rimbalzi e 6 assist. Il miglior realizzatore turco è Nunnally (20 punti con 4 triple), mentre Datome segna 14 punti in 34 minuti; 0 punti con 0/2 dal campo in 18 minuti per Melli. È la terza sconfitta consecutiva in EuroLeague per la truppa di coach Bartzokas.

 

Il dominio del Fenerbahce. Il Fenerbahce parte forte con tre triple di Nunnally, un buon movimento di palla e un’ottima presenza a rimbalzo d’attacco. Quindi i turchi portano avanti due parziali di 8-0 (il primo all’inizio del quarto d’apertura, il secondo verso la fine) e i campioni d’Europa sono avanti 24-15 al decimo minuto. All’inizio della frazione successiva, però, il Khimki cambia faccia e fa arrabbiare coach Obradovic con un break di 8-0 (canestro di Anderson, tripla di Markovic e tripla di Anderson) che accorcia a -1 lo svantaggio russo. A questo punto, il rientrante Dixon segna cinque punti consecutivi e Istanbul torna a mordere in difesa. Mosca, quindi, smette di segnare per più di 7 minuti e Datome, con un tiro dalla media e una tripla in uscita dal blocco, partecipa al parziale (12-0) per il 37-23 dei padroni di casa. Infine, Shved ricuce con una tripla da 8 metri e il punteggio all’intervallo è fermo sul 38-26. La partita, nonostante il dominio del Fenerbahce, è ancora aperta.

I turchi reagiscono alla rimonta russa. I padroni di casa escono bene dagli spogliatoi, piazzano un parziale di 7-0 e toccano il +17 (45-28) grazie alla tripla di Wanamaker. Il Fenerbahce, però, perde tre palloni banali e pasticcia in fase offensiva, quindi il Khimki ne approfitta e rientra rapidamente con un 9-0. Poi Monia segna da tre, Shved mette 4 punti consecutivi e il Khimki torna a -4 a 3 minuti dalla fine della frazione. A questo punto, con esperienza, Nunnally realizza una tripla con il fallo, Datome buca la retina e Istanbul torna in doppia cifra di vantaggio: 58-46 al trentesimo.

Mosca rientra ancora, ma il finale premia i campioni in carica. Il Khimki non muore mai: Markovic segna da tre, il Fenerbahce perde palla e Todorovic accorcia a -5. Poi Vesely prova a svegliare Istanbul con una feroce schiacciata, ma Markovic realizza di nuovo e Shved fa centro dall’arco per il -3 a metà frazione. Il finale è tutto da seguire, con un indiavolato Markovic che firma il -1 russo e Vesely che replica per il +3 a meno di 90 secondi dal termine. L’incontro è deciso dal fallo di Anderson sulla tripla di Wanamaker, autore di un cruciale 3/3 dalla lunetta (+4 Fener). Infine, Shved sbaglia la tripla sulla sirena e finisce 71-67 per i padroni di casa.