EuroCup - Virtus Bologna, Teodosic "Troppo presto per giudicare"

20.01.2020 22:00 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroCup - Virtus Bologna, Teodosic "Troppo presto per giudicare"

Javier Gancedo, per il sito di EuroCup Basketball, ha realizzato una bella intervista a Milos Teodosic dal titolo: 'Too early to judge', in cui il playmaker #44 bianconero.

Teo, bentornato in EuroCup dopo oltre un decennio. Com’è cambiata la competizione dai tempi in cui giocavi con FMP?
“È passato un po’ di tempo, ma l’EuroCup è ancora una competizione molto entusiasmante con grandi squadre. Ora che abbiamo iniziato le Top 16, il livello è aumentato ulteriormente, ma essere in un processo di crescita significa che il club deve superare questo tipo di difficoltà”.

Congratulazioni per il tuo premio da MVP per la stagione regolare, con la Virtus che ha avuto un record di 8-2 nonostante molti nuovi giocatori. Come sono andate le cose?
“I record dipendono sempre dalla squadra e mai dai singoli; questo gruppo sta dimostrando partita dopo partita ciò di cui siamo capaci. Non ci sono segreti. Come dice il nostro allenatore: ‘Come ti alleni è come giochi.’ E ci siamo allenati con la giusta concentrazione ed energia dall’inizio della stagione. Dobbiamo continuare in questo modo per essere pronti per la fase decisiva della stagione”.

Stai iniziando in panchina in tutte le partite di Eurocup. Come usi i minuti di apertura mentre guardi la partita dalla panchina?
“È iniziata in quel modo a causa di un infortunio, ma sono entrato in una dinamica che stava producendo buone prestazioni ed è stato bello continuare. In realtà, non c’è troppa differenza tra iniziare il gioco o entrare dopo pochi minuti.”

Conosci l’allenatore Sasha Djordjevic e Stefan Markovic dalla Nazionale. Quanto ti hanno aiutato?
“È una relazione importante, lunga e duratura, ma è qualcosa che si aggiunge a un gruppo già forte.”

Uno dei tuoi momenti che tutti ricordano è stato il tiro vincente contro il Monaco. Cosa ricordi di quell’azione?
“Ricordo di aver vinto con meno di un secondo alla fine. Avevamo lavorato per un gioco leggermente diverso, ma in un momento così intenso, ciò che spesso fa la differenza è la nostra capacità di leggere le situazioni e fare le cose giuste. Ho apprezzato l’abbraccio dei miei compagni di squadra; è stato un momento molto significativo anche per il proseguimento della nostra stagione regolare”.

Tutte e quattro le squadre italiane sono entrate nella Top 16 di EuroCup. Quanto sta crescendo il basket italiano?
“La pallacanestro italiana sta crescendo, ma c’è ancora molto lavoro da fare per essere veramente competitivi nelle fasi finali dell’EuroCup. Far passare quattro squadre in questa fase è stimolante e dobbiamo continuare il lavoro in questa direzione”.

Dopo aver battuto il Darussafaka, la Virtus è 6-0 in casa. Quanto vantaggio dà giocare davanti ai fan?
“In casa, siamo riusciti a creare un buon feeling con i nostri fan, ed è importante sentire il supporto dei fan che hanno avuto la possibilità di vedere e applaudire grandi campioni in passato. È un circolo virtuoso: i tifosi stimolano noi, li stimoliamo “.

Bologna è sempre stata conosciuta come Basket City. Quanto sono ben informati i fan?
“Bologna ama la pallacanestro e vive per la pallacanestro. Quando sono arrivato quest’estate, 500 fan mi hanno accolto all’aeroporto. Capisci subito quanto sia importante la Virtus e quanto amore per lo sport ci sia in città.”

Oltre alla Virtus, quali squadre sono le principali candidate per il titolo in EuroCup?
“Vincere l’EuroCup non è affatto facile ed essere favorito non ti dà la certezza di vincere il trofeo. Non guardo le altre squadre; siamo tutti concentrati sulla prossima partita, che è la più importante. È ancora troppo presto per giudicare la finale”.

La Virtus non ha nascosto il suo obiettivo di giocare in EuroLeague. Quanto sarebbe importante per il club arrivarci vincendo l’EuroCup?
“Il club sta crescendo, sta facendo importanti investimenti, come dimostrato dall’arena in costruzione per il mese di dicembre. Sicuramente, l’EuroLeague è la competizione più importante a livello europeo, ed è giusto che un club distinto come il nostro aspiri per tornare in esso. Questo è un obiettivo ambizioso, per il quale è essenziale lavorare un giorno dopo l’altro “.