EuroCup - Trento, Aaron Craft: «A Gdynia partita da dentro o fuori, ci faremo trovare pronti»

09.12.2019 17:43 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroCup - Trento,  Aaron Craft: «A Gdynia partita da dentro o fuori, ci faremo trovare pronti»

Il playmaker americano e coach Nicola Brienza presentano il decisivo Round 9 di 7DAYS EuroCup che porta i bianconeri dell'Aquila Trento in Polonia, ospiti dell'Asseco Arka Gdynia: palla a due mercoledì sera alle 20.00, diretta Eurosport Player.

Asseco Arka Gdynia (3-5) vs. Dolomiti Energia Trentino (3-5)

Round 9 - 7DAYS EuroCup | Gdynia Arena | mer 11.12 | h 20.00 | Eurosport Player

AARON CRAFT (Playmaker DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Mi sento bene, sia dal punto di vista fisico che mentale mi sento ristabilito e pronto a tornare sul campo e giocare al massimo: nei dieci minuti al PalaDozza mi sono sentito bene, ovviamente la partita non è andata come avremmo voluto ma per me è stato bello ritornare in campo e in questi giorni spero di fare altri passi in avanti per essere di nuovo al massimo della condizione. Sono contento di esserci per questa partita decisiva contro Gdynia perché per noi è davvero un match da dentro o fuori che dovremo vivere con la massima concentrazione e la massima voglia di vincere: non stiamo facendo grandi partite e non abbiamo mostrato la giusta consistenza e continuità in questa prima parte della stagione, ma abbiamo nelle mani il nostro destino e non vogliamo farci scivolare via l'occasione di andare al prossimo turno di 7DAYS EuroCup. Sono convinto che saremo pronti. Il prossimo passo? Non è facile trovare delle cose buone nella nostra prestazione di Bologna, dobbiamo ripartire dalle cose facili, dalle basi, e giocare di squadra in attacco e in difesa, assieme».

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Per noi quella con l'Arka Gdynia è una partita importante, fondamentale per il nostro cammino in 7DAYS EuroCup: dovremo interpretarla con la massima attenzione, mettendo in campo una prestazione di alto livello e di cura dei dettagli sui due lati del campo. I polacchi hanno un'ottima organizzazione difensiva e in attacco giocano al loro ritmo, mettendo in condizione i loro leader tecnici Szubarga e Bostic di avere impatto e di prendersi tante responsabilità. Sarà importante riuscire, per quanto possibile, a non adattarci ai loro ritmi ma a giocare la nostra pallacanestro con carattere, qualità e voglia di riscatto».