LIVE EuroCup - Upset a Trento, cade Gran Canaria col brivido finale

30.11.2022 22:08 di Martino Parise Twitter:    vedi letture
LIVE EuroCup - Upset a Trento, cade Gran Canaria col brivido finale

Ultima nel gruppo B ancora senza vittorie, al pari dello Slask Wroclaw, la Dolomiti Energia Trento affronta un altro impegno molto difficile dopo il trionfo in volata sul campo della Reyer in LBA: alla BLM Group Arena è di scena il Gran Canaria.

Il coach ospite, l'ex grande playmaker sloveno Jaka Lakovic, guida una squadra che vanta un record di 4-1 in EuroCup e di 7-2 in Liga ACB grazie a interpreti di livello internazionale come Andrew Albicy, Nicolas Brussino e AJ Slaughter.

I padroni di casa ritrovano Diego Flaccadori.

Formazioni

Trento: Flaccadori, Spagnolo, Forray, Lockett, Crawford, Conti, Grazulis, Udom, Atkins, Ladurner, Zangheri, Dell'Anna

Gran Canaria: Albicy, Slaughter, Bassas, Benite, Brussino, Shurna, Mutaf, Salvo, Inglis, Balcerowski, Diop, Stevic

Quintetti

Spagnolo, Lockett, Crawford, Udom, Atkins vs Albicy, Slaughter, Brussino, Shurna, Diop

Approccio ideale per i gialli: palla rubata e and one in contropiede per Shurna, pick and roll vincente Slaughter-Diop, ma l'Aquila risponde con la tripla di Spagnolo, la transizione vincente di Lockett e l'and one di Udom. Parziale di 8-0, 8-5 dopo 2'. Diop sovrasta Atkins per il terzo "fallo e canestro" della serata e impatta. L'intensità non è quella delle grandi occasioni e lo score è 10-13 per merito della tripla dall'angolo di Shurna e dell'appoggio di Diop: il #14 e il #18 sono gli unici andati a segno per gli ospiti. Inglis fa sentire la superiorità fisica battendo Grazulis sulla linea di fondo per replicare al canestro facile che proprio il lettone trentino aveva depositato pochi istanti prima, mentre in seguito si guadagna un fallo a rimbalzo offensivo e concretizza dalla lunetta il bonus già speso dai padroni di casa. Un passaggio complicato di Flaccadori favorisce la ripartenza avversaria, portata a termine da Bassas con la tripla. 14-20 a 2'24" dalla prima pausa. Buono stint bianconero in uscita dal timeout, segnato dalla tripla ben costruita di Crawford e dalla transizione conclusa da Grazulis vicino a canestro. Allo scadere Bassas manca il bis dall'arco e i precedenti due tiri liberi di Salvo valgono il 19-22 al minuto 10.

Di forza, Forray inaugura le marcature del secondo periodo, poi subisce il fallo in attacco di Inglis, ma nel possesso conseguente Grazulis sfiora solo il sorpasso con una conclusione mancina e Benite punisce prontamente dalla distanza. La sfortuna colpisce ancora Trento, in particolare la bomba, ancora per il sorpasso, di Flaccadori, e per la seconda volta è sempre Benite ad approfittarne anche lui dall'arco. L'arresto e tiro di Conti dalla lunetta vale il -3, 25-28. Udom, Atkins e Conti si mangiano ulteriori occasioni di passare avanti nel punteggio, non approfittando dei quattro errori consecutivi degli ospiti dai 6.75. La gara stagna sul 27-28 con 3'46" prima dell'intervallo. Finalmente, ci pensa Lockett in penetrazione a mettere il +1 nonostante la stoppata di Inglis, anche se Stevic viene subito innescato sotto canestro e cancella il vantaggio Aquila. Un pallone intercettato vale però la transizione in superiorità numerica che Lockett chiude al ferro, convincendo coach Lakovic a chiamare timeout. Sul tentativo di schiacciata di Diop arriva il terzo fallo di Atkins e il 20enne senegalese ne approfitta dalla lunetta. Il match ora è un botta e risposta, con Flaccadori e Brussino a scambiarsi la tripla e AJ Slaughter a rubare la sciagurata rimessa trentina per siglare la cocente bomba del 34-38 allo scadere. Fino a quel momento il "polacco" era a 0/5 dal campo.

Il terzo quarto si scalda dopo la schiacciata in solitaria di Diop grazie a due incursioni di Spagnolo e alla tripla di Lockett per il -1. Dopo 4' è 41-42 e Ladurner raggiunge il compagno di reparto Atkins a quota tre falli per poi commettere immediatamente anche il quarto. Brussino mette fine a un lungo possesso ospite tagliando, ricevendo sul gomito e firmando il jumper, subito cancellato con gli interessi da un'altra tripla di Lockett, questa volta dall'angolo. A metà frazione è 44-44. Trento non punisce i due errori consecutivi di Brussino dall'arco e torna in svantaggio dopo i due liberi conquistati da Benite, facendo poi confusione anche in attacco. Un gancio mancino in corsa di Miquel Salvo ristabilisce il margine dell'intervallo, +4 Gran Canaria. Nemmeno il finale di terzo quarto porta l'allungo ospite, anzi, il palasport trentino si riaccende sulla tripla di Atkins allo scadere: dopo essere andata sotto 47-53, l'Aquila chiude sul 53-55.

Come 10 minuti prima, è il capitano Forray ad aprire la frazione, siglando un fallo e canestro di mestiere per il 56-55. La serata poco positiva di Flaccadori prosegue con il suo quinto errore al tiro e una scivolata in difesa che facilita il ribaltamento per la tripla di Benite, poi però è lo stesso ex Bayern a guadagnarsi i liberi del pareggio. L'instant replay non trasforma il fallo di Benite in antisportivo, ma il bonus speso dagli ospiti regala comunque i liberi dell'ennesimo sorpasso (Udom ne fallisce uno). Albicy in incursione riporta avanti i suoi, che salgono a +4 con la devastante schiacciata di Diop. Timeout Molin con 5'48" da giocare. Nuovo pareggio grazie a una dimenticanza difensiva canaria, che manda Spagnolo al ferro, e al gancetto di Atkins, poi c'è anche il sorpasso di Grazulis dall'angolo ad allungare il parziale a 6-0 in appena 95". A Spagnolo mancano i polpastrelli per firmare il +4 in entrata e il punteggio torna a stagnare: dall'arco sbagliano Slaughter (1/6 in serata) e Grazulis. 68-66 a 1'29" dal termine. Dal blocco irregolare di Atkins nasce l'alley oop chiuso da Diop su invito di Albicy. Con 36.6" rimasti c'è la tripla frontale di Flaccadori: 71-68, timeout ospite. Slaughter sbaglia ancora un tiro ben costruito (1/11 dal campo), poi dopo il rimbalzo offensivo c'è un incredibile airball di Brussino. Udom punisce il fallo sistematico coi liberi del +5 con 26.8". Altra buona costruzione da parte di coach Lakovic, questa volta Brussino è preciso dall'angolo per il 73-71 a 21.5". Flaccadori si fa mettere in gabbia sulla linea di fondo e regala palla ad Albicy, che per poco non trova l'and one. Il nazionale francese fa 1/2 e manca il pareggio, Spagnolo è più preciso e sigla il +3 con 8.3". Il tentativo finale di Shurna è difficile e finisce sul ferro: Trento completa l'impresa e supera Gran Canaria, togliendo lo 0 dalla casella delle vittorie.

Da chiarire le condizioni di Crawford, uscito infortunato nel terzo quarto.

Tabellini

Trento: Spagnolo 13, Flaccadori 12, Lockett 12, Udom 9, Atkins 8, Grazulis 6, Crawford 5, Conti 5, Forray 5, Ladurner 0, Dell'Anna ne, Zangheri ne

Gran Canaria: Diop 21, Benite 14, Brussino 8, Inglis 6, Shurna 6, Bassas 5, Salvo 4, Albicy 3, Slaughter 3, Balcerowski 2, Stevic 0, Mutaf ne