Giovedì 17 Aprile 2014
ZOOM
All Star Game 2014
Daily Network
© 2014
ZOOM

Petrucci: "Io non sono Putin. Meneghin? Avrà un importante incarico Federale"

PROPOSTE E PROGRAMMI «La Gustizia sportiva da rivedere ma a sentenze definitive. Il mio futuro nel basket, se eletto...»
18.09.2012 10:11 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 942 volte
Fonte: La Stampa

(Guido Boffo) - Gianni Petrucci, dopo quattordici anni alla guida del Coni, e con le elezioni fissate il 19 febbraio per l'elezione del suo successore, come vive il semestre bianco? «Con gioia. Non vedo l'ora di attraversare il portone di ingresso del Foro Italico e salutare. Prima o poi tutti i percorsi vanno completati». Quattro mandati consecutivi non sono troppi? «Infatti la legge è cambiata, ora sono due. E probabilmente è giusto così, anche se l'esperienza a livello internazionale conta. Rischiamo di pesare di meno. In ogni caso, vi faccio io una domanda: perché il rinnovamento si pretende dal Coni, dove tutti gli organi sono eletti democraticamente, mentre in altri settori i presidenti, pur non eletti, possono restare in carica a vita?». Sta di fatto che Raffaele Pagnozzi, uno dei due candidati alla successione, è anche il suo delfino, oltre che segretario generale del Coni. Non è che le terrà il posto caldo per quattro anni, stile Medvedev e Putin? «Vorrei rassicurare tutti: Petrucci non è Putin». Di certo non fa il tifo per Giovanni Malagò, presidente del circolo Aniene, il candidato esterno. «Mettiamola così: la legge mi assegna il diritto di voto e io lo eserciterò a favore di chi ha esperienza acquisita in tanti anni, colui che ha dimostrato di avere capacità e al quale sono legato da un profondo rapporto umano. Quanto a Malagò, è persona degna». Semestre bianco ma con qualche disputa da sedare. Una su tutte: Pellegrini versus federazione italiana nuoto sulla scelta del nuovo tecnico. Il solito Lucas.  «Da che mondo è mondo, quando si tratta di atleti nazionali, la scelta finale degli allenatori spetta alla federazione, a nessun altro. Ed è la federazione che paga. Poi ovviamente la Fin farà il possibile per venire incontro alla Pellegrini ma l'anno scorso la trattativa Lucas venne gestita insieme, non venne imposta da una parte all'altra». «Zeman dice quello che tutti gli altri pensano». Sono sue parole. E la Juve non deve averla presa benissimo. «Io non sono uno che si schiera, chi mi conosce lo sa bene. E sa bene anche quanto siano buoni i miei rapporti con Agnelli e Elkann. D'altra parte ci sono state dichiarazioni del boemo, quelle su Abete dannose per il calcio italiano, che ho trovato infelici. Per fortuna le ha ritrattate». Gli consiglia di mordersi la lingua? «No, Zeman abita vicino casa mia, non potrei permettermi. Continui a essere se stesso». Lui sostiene che Conte, dopo la squalifica, avrebbe dovuto farsi da parte. E' d'accordo? «Non posso entrare nel merito perché proprio in questi giorni è pendente presso il tribunale sportivo del Coni un procedimento sul tecnico della Juve». Le piace questa giustizia sportiva? «Qualcosa va rivisto ma solo al termine dei processi, dopo le sentenze definitive. Ad esempio chiederò al governo di mettere mano al sistema di nomina dei giudici sportivi. Oggi si segue un concorso, sulla base di punteggi che non sempre rispecchiano una effettiva conoscenza del nostro mondo». E la responsabilità oggettiva? «Principio da salvaguardare, norma da correggere. Per esempio oggi, in relazione al problema scommesse, bisognerebbe valutare bene la posizione dei club estranei ai comportamenti dei tesserati e di quelli che, addirittura, hanno cercato di fare opera di prevenzione». Il governo del calcio resta problematico. I seggi in consiglio federale saranno assegnati da un commissario ad a età, Giulio Napolitano, figlio del presidente della Repubblica. «E sarebbe bene che qualche presidente di Lega (Macalli, ndr) le cose che dice in privato le ripetesse anche in pubblico. E cioè che il commissario non è dio. Dio no, ma di sicuro sarà legge». E di sicuro il futuro di Petrucci sarà alla presidenza della federbasket. Sorride: «Se mi eleggono». Che fine farà Meneghin? «Gli ho chiesto di entrare nella mia squadra con un importante incarico federale». Pianigiani in Turchia risolve il conflitto di interessi? «Sapete che ero contrario al doppio incarico, commissario tecnico e allenatore di club. Mi devo ricredere, il part-time ha funzionato bene». Ancora arrabbiato per il no di Monti alla candidatura di Roma 2020? «Oggi come oggi ha avuto ragione lui. La situazione nel Paese la conosciamo tutti, i giornali non parlano altro che di spread, occupazione in calo, crisi. In queste condizioni portare avanti una candidatura sarebbe stato complicatissimo». Quattordici anni. La soddisfazione più grande? «Aver risanato il Coni insieme al segretario generale Pagnozzi e al Consiglio Nazionale e mantenuto lo sport italiano su livelli finanziari competitivi». E l'opera incompiuta? «La lotta al doping, anche se risultati ne abbiamo ottenuti. La positività di Schwazer è stato un momento nerissimo, sarà la magistratura a chiarire i punti interrogativi di questa vicenda ma una cosa voglio dirla: giudichiamo l'atleta senza crocifiggere l'uomo».

ELETTO IL 29 GENNAI01999 È stato riconfermato presidente del Coni per altre tre volte Medaglie VINTE DALL'ITALIA Al GIOCHI Sotto la presidenza Petrucci in quattro Olimpiadi (Sydney, Atene, Pechino e Londra) Febbraio 2013 ELEZIONI DEL PRESIDENTE CONI È la data in cui verrà eletto il nuovo numero uno: i candidati sono Pagnozzi e Malagò.


Altre notizie - Zoom
Altre notizie
 

MA LE VERE STELLE SONO ITALIANE

Ci rende felici ogni vittoria della Nazionale, a qualsiasi livello e contro qualsiasi squadra giochi, e così il successo nell'All Star Game, che è tornato a ripetersi anche quest'anno ad Ancona (l'ultimo stop nel 2003, ma sul sito della Lega almeno fino ...

PASSA DI MANO LA PROPRIETÀ DEI MILWAUKEE BUCKS

Alle 2:30 pm CT del 16 aprile 2014 (l'ora in cui andiamo on line con questo articolo, ndr) il presidente dei Milwauk...

DANIEL HACKETT «DEVO DIVENTARE IL MIGLIORE INSIEME A MILANO»

Se leader si nasce o si diventa a lui non importa. L’importante è raggiungere i propri obiettivi. Daniel Hackett...

DIENER, POLONARA, GENTILE E I CAMPIONI DEL BEKO ALL STAR GAME ALL'ASTA PER UNA BUONA CAUSA

Le maglie autografate dei campioni del Beko All Star Game, svoltosi ieri ad Ancona, vanno all'asta sulla piattaforma Char...

SUTOR: SANTORO RILASCIA DICHIARAZIONI SUL PARZIALE ASSOLVIMENTO DEGLI OBBLIGHI COMTEC

In riferimento agli adempimenti Comtec di oggi 16 aprile, la S.S. Sutor comunica di aver adempiuto parzialmente agli stessi e...

SIGMA BARCELLONA, AMICHEVOLE CON LA NEOPROMOSSA AGRIGENTO A CEFALÙ

La Sigma Basket Barcellona comunica che, venerdì 18 aprile 2014, alle ore 17,15 al Palazzetto "Marzio Tricoli&quo...

ADECCO SILVER: TUTTE LE IPOTESI DI PARITÀ

ADECCO SILVER 2013-2014  PARITA’  A PUNTI      AGRIGENTO E’ GIA’ ...

NELLA FASE AD OROLOGIO LA PRIMATISTA GIVOVA AFFRONTA SAN SEVERO

Dopo la prima fase, eccoci pronti con le 4 gare della fase ad orologio: tutte le squadre incontreranno tra le mura amiche le ...

LA MAMY.EU OLEGGIO PERDE L'IMBATTIBILITÀ CASALINGA ALL'ULTIMA GIORNATA CONTRO DESIO

Finisce con quest’ultima giornata la prima fase del campionato DNC. La Mamy.eu, neopromossa in DNB, chiude la stagione ...

PLAYOFF: LA GESAM GAS SCONFITTA AL PALATAGLIATE, SCHIO VOLA IN FINALE

La Gesam Gas non riesce a ripetere l’impresa di gara uno e termina la stagione nella quarta sfida della serie di semifi...
   Editore: Roberto Bernardini Norme sulla privacy