LIVE EuroCup - Troppo fisico questo Lokomotiv Kuban per la Grissin Bon (1-0)

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1461 volte
LIVE EuroCup - Troppo fisico questo Lokomotiv Kuban per la Grissin Bon (1-0)

Eccola gara 1 di semifinale di EuroCup che vede la Pallacanestro Reggiana di fronte all'impresa più difficile: infliggere due sconfitte alla squadra imbattuta del torneo, che ha finora collezionato 18 vittorie in altrettanti incontri. E alle 17:30 italiane si comincia! Nel quintetto del Loko c'è solo Antipov che non abbia giocato in Italia...

Quello che non vorresti scrivere è affermare che sia pesata l'assenza di Amedeo Della Valle. Il modo con cui è maturato il punteggio finale grazie al quale il Lokomotiv di Obradovic porta a casa la vittoria in gara 1 regala invece una speranza alla truppa di Menetti che dovrà trovare velocemente in difesa il modo di limitare il potere fisico russo (35 a 26 i rimbalzi). Mentre in attacco non dovrà perdere disciplina nell'arco dei 40' del PalaBigi con una freccia in più nell'arco e negando minuti di ritmo accellerato al Kuban. La sconfitta è netta, la lezione altrettanto ma pensiamo esista il margine per rimettersi in carreggiata. Poi ci vorrà anche il pubblico... ma a Reggio emilia lo sanno bene.

La cronaca: Reggio Emilia alla palla a due senza Della Valle. La prima azione è già una lotta sotto il canestro emiliano, ma ne Esce Markoishvili con la tripla 0-3. Kuban in attacco ma contropiede per Nevels! Il Loko ci mette un pò ad ingranare, stringe la difesa, e piazza il controbreak 6-5 con 6'20". Per i russi già qualche rimbalzo in attacco di troppo, Markoishvili commette il secondo fallo personale al 5', e dopo Elegar a 7 punti personali entra nel tabellino anche Collins 10-7. Anche Ragland comincia a ingranare ma con 2/4 ai liberi; Reynolds sfrutta l'alley-oop di Chris Wright 11-9, la Reggiana c'è! Ma il Krasnodar preme e strappa: 4-0, due liberi per Kulagin (e siamo a 9 tentativi per il Loko), timeout Menetti per rimediare a un attacco che si sterilizza da solo. Kulagin allunga 16-9 con 2'21". La Grissin Bon trova due falli per mandare i russi in bonus, però a canestro ci va Babb chiudendo un ricciolo da tre. Il 9-0 è chiuso da Julian Wright 19-11. Il Loko si apre in attacco due volte; nella prima Chris Wright trova due preziosi liberi, nella seconda è l'omonimo Julian a fare 2/2: 0-6 Reggiana, il tentativo di Ragland sulla sirena è un airball, 19-15 dopo 10'.

Lo splendido assist di Reynolds lancia Chris Wright, Kulagin risponde su rimbalzo d'attacco. Solite difficoltà di stazza fisica e rimbalzo d'attacco per Reggio, ma De Vico in lunetta va per il -2 dopo 100 secondi del secondo quarto. Sfidato da tre il Loko risponde male 1/6; Reynolds stoppa Ragland e poi va per il pareggio a quota 21 al 13'. QVale muove il tabellino, poi Ragland si prende una seconda stoppata da Reynolds. E sempre il 10 della Grissin Bon va a prendersi due liberi per un altra parità con 5'45". E il Loko, che soffre molto la zona emiliana, va in lunetta con Lacey, ex Pesaro e Sassari, 25-23. Collins ruba palla a Markoishvili +4, White accorcia immediatamente al 15'. Poi l'intercetto di Llompart lancia la transizione reggiana, con Reynolds a prendersi altri due liberi.

Timeout Obradovic: è l'ora di alzare il ritmo per i russi. Dall' 1/2 riparte il Kuban con la tripla di Antipov (2/8 di squadra) e il viaggio in lunetta per Kulagin con 3'39" 32-26. Pressa con successo la formazione russa, e Collins trova un canestro incredibile, per un 7-0 chiuso da Chris Wright. gioca di corsa il Lokomotiv e torna a +8 con 1'55". Si confonde in attacco Reggio, Elegar schiaccia il +10, poi Ilnitskiy con i liberi del +12. Due minuti di timeout per giocare 1,1 secondi, tripla sulla sirena di Chris Babb per un +15 43-28 all'intervallo lungo.

Menetti chiede negli spogliatoi ai suoi uomini di ritrovare la concentrazione dei primi 14', la Reggiana torna in campo prende la tripla di Babb e piazza il 5-8 su cui Obradovic chiama timeout 48-36. Il Krasnodar riprende a macinare di forza, la schiacciata di QVale del +18 per un altro strappo terribile 6-0 chiuso al 25' da Nevels. Reggio ci crede ancora a piazza uno 0-6 (con stoppata di Reynolds su Lacey) chiuso però dalla bomba di Antipov. Timeout Menetti al 27' +15 Kuban. Super sforzo emiliano per rimanere a -12, ma Collins rimette il +14 entrando nell'ultimo minuto. White finalizza una bella azione 63-51 al 30', con la Reggiana a infilare 23 punti nel quarto.

Ragland infila i primi due dell'ultimo quarto dopo 90 secondi, Cervi da sotto risponde. QVale va, ma va anche Candi dall'angolo 67-55. Llompart guadagna un antisportivo di Ragland, ma valutato fallo normale e Lacey fa +14. Il Loko preme in difesa, anche premiato dal permissivismo arbitrale, come spesso succede. Ma sa approfittare dei vantaggi che ha a difese spiegate, e la Reggiana soffre per la mancanza di Della Valle, capace di trovare quei canestri estemporanei che servirebbero stasera come il pane. Timeout sul 71-55 con 5'36". 0/2 di Julian Wright sa quasi di resa, con 4'10" Ilnitskiy fa 2/2 in lunetta, poco dopo imitato da Reynolds con 4' sul cronometro. Obradovic sente puzzo di bruciato, rimanda in campo il pretoriano Collins, ma De Vico gli piazza una tripla che gli fa chiamare timeout con 3'26". La Grissin bon trova qualche canestro consecutivo per tenere almeno in attacco il ritmo del Kuban, ma senza riuscire a fermarlo in difesa alla lunga il divario aumenta. Ragland infiamma l'ultimo minuto spintonando Candi e beccandosi l'antisportivo dopo il fallo a favore. Reynolds va in panchina, poi un libero a testa per Ragland e Candi e il tempo scorre verso la sirena.

Finisce 82-65. Boxscore: 16 QVale, 11p+9r Elegar, 11 Babb, 10 Collins, 9 Ragland per il Kuban; 14 C. Wright, 13p+9r Reynolds, 10 Nevels per la Reggiana.