NBA Sundays: i Boston Celtics sfidano i Toronto Raptors in prima serata

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 114 volte
NBA Sundays: i Boston Celtics sfidano i Toronto Raptors in prima serata

L’appuntamento di questa settimana con le NBA Sundays, le partite domenicali della NBA in prima serata per l’Europa, vede i Boston Celtics, capolisti della Eastern Conference, ospitare i Toronto Raptors al TD Garden, con diretta domenica 12 novembre a partire dalle 21:30 su Sky Sport 3 e su NBA League Pass.

• Boston Celtics: I Celtics sono andati all-in acquisendo Kyrie Irving nello scambio con Cleveland e aggiungendo al roster il free agent Gordon Hayward. Con le partenze di Isaiah Thomas, Avery Bradley, Jae Crowder e Kelly Olynyk la squadra ha perso un po’ di profondità, ma il GM Danny Ainge ha ritenuto ne valesse la pena. Sfortunatamente Hayward ha subito un terribile infortunio alla caviglia durante la opening night e salterà tutta la stagione. Dopo le battute d’arresto nelle prime due partite, i Celtics hanno aperto una striscia di 11 vittorie consecutive. Irving si è inserito alla grande nel nuovo contesto, realizzando almeno 20 punti in nove delle 13 partite giocate. Jaylen Brown e Jayson Tatum, terze scelte degli ultimi due Draft, stanno giocando alla grande su entrambi i lati del campo. Con un gran mix di gioventù ed esperienza, Boston può vantare la miglior difesa della NBA.

• Toronto Raptors: I Raptors stanno vivendo la fase migliore nella storia della franchigia: sono infatti una delle quattro squadre ad aver vinto almeno 48 partite in ognuna della ultime quattro stagione, insieme a Warriors, Spurs e Clippers, conquistando per quattro volte consecutive i playoff e giungendo alle Eastern Conference Finals nel 2016. I tre volte All-Star DeMar DeRozan e Kyle Lowry sono risultati una delle migliori coppie della Lega negli ultimi anni. DeRozan è un abile realizzatore dalla media distanza, mentre Lowry, per il suo modo di giocare, sembra mettere in campo più centimetri di quelli effettivamente presenti sulla sua carta di identità e ha lavorato molto per diventare un solido tiratore da tre punti. I Raptors si trovano in una posizione invidiabile, grazie a un roster composto da veterani del calibro di DeRozan, Lowry, Serge Ibaka, CJ Miles e Jonas Valanciunas, uniti a giovani talenti futuribili come Norman Powell, Delon Wright, Jakob Poeltl, OG Anunoby e Pascal Siakam

• Leader di squadra Celtics: Kyrie Irving (20.3 ppg); Al Horford (9.2 rpg); Marcus Smart (5.5 apg)

• Leader di squadra Raptors: DeMar DeRozan (24.7 ppg); Jonas Valanciunas (8.3 rpg); Kyle Lowry (6.5 apg)

• Precedenti in stagione: E’ la prima sfida in questa stagione tra le due squadre. Nella scorsa il bilancio è stato di 3-1 in favore dei Raptors.

• Chiave del match: I Raptors stanno impostando un nuovo assetto offensivo meno dipendente dalle giocate di Kyle Lowry. Lowry non ha iniziato la stagione ai suoi livelli, e sta cercando di adattare il suo gioco, con meno a disposizione. In casa Celtics Kyrie Irving è partito alla grande, risultando il punto focale dell’attacco di Boston. La seconda linea difensiva di Boston, composta da Marcus Smart e Terry Rozier, cercherà di mettere molta pressione sulle guardie di Toronto più giovani. Brad Stevens potrà inoltre opporre a DeMar DeRozan dei difensori di qualità. Toronto, invece, può fare la differenza nel pitturato, grazie a Jonas Valanciunas, Serge Ibaka e Jakob Poeltl.

• Lo sapevi? I Raptors, insieme agli Utah Jazz, sono la squadra NBA col maggior numero di giocatori internazionali, ben sette: OG Anunoby (Inghilterra), Bruno Caboclo e Lucas Nogueira (Brasile), Serge Ibaka (Repubblica del Congo), Jakob Poeltl (Austria), Pascal Siakam (Camerun) e Jonas Valanciunas (Lituania) … DeMar DeRozan è uno degli 11 giocatori in attività ad aver giocato almeno 600 partite con la sua squadra attuale: questo gruppo comprende Dirk Nowitzki, Tony Parker, Manu Ginobili, Nick Collison, Udonis Haslem, LeBron James, Mike Conley, DeAndre Jordan, Russell Westbrook e Marc Gasol … Jaylen Brown e Jabari Bird (Celtics) sono stati compagni di squadra al college a California nella stagione 2015-16. Bird, all’epoca uno junior, prese il talentuoso freshman Brown sotto la propria ala protettrice. Brown sta ora aiutando Bird, scelto al secondo giro dai Celtics nel 2017, ad inserirsi nel migliore dei modi nella NBA.