Serie C - Strapotere ducale. Ora Vigevano cerca nuove motivazioni

Otto successi di fila e con scarti ampi. Benzoni: «Dobbiamo tenere alto il livello di impegno»
 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 208 volte
Fonte: La Provincia Pavese
Serie C - Strapotere ducale. Ora Vigevano cerca nuove motivazioni

La Pallacanestro Vigevano vince ancora, e sono otto partite di fila. Vince ancora con un distacco superiore ai venti punti (quasi trenta), che porta la differenza canestri complessiva del gruppo allenato da Paolo Piazza a 171. La seconda in classifica Gazzada ne ha poco più della metà: 79. Tradotto in termini pratici significa che i gialloblù sono il secondo miglior attacco dopo Milano 3, e la seconda miglior difesa, dopo Opera, ma nel complesso rappresentano la squadra più forte al momento in entrambi i settori. La gara di domenica contro Cerro Maggiore è stata gestita dall’inizio alla fine dai gialloblu che hanno sbagliato pochissimo.

Il rischio però è che in un campionato, dove i ducali sembrano essere molto più forti degli altri, la squadra allenata da coach Piazza si rilassi troppo e tenda a perdere la motivazione, in vista di quello che è l’obiettivo ultimo, cioè vincere i play off e strappare la promozione in serie B. Il problema è stato ampiamente discusso sia dallo staff tecnico che dai giocatori e sembra essere presente a tutti. «Sapevamo – dice il capitano Andrea Pilotti – che c’era un divario tecnico alto anche a livello di panchina. Siamo stati bravi a iniziare la partita nel modo giusto e a gestirla noi. Dovremmo sempre fare così, anche perché ci consente di auto-motivarci». 

Proprio la ricerca della motivazione potrebbe diventare un problema. Forse il più agonistico dei giocatori gialloblu è Daniele Benzoni, che messo sotto pressione, ad esempio contro Saronno, ha dato il meglio di sé. Benzoni è un giocatore noto per la necessità di avere agonismo, e quando le partite si chiudono in due periodi non sempre potrebbe essercene a sufficienza. «Siamo riusciti – dice Benzoni – a superare senza difficoltà lo scoglio delle tre partite giocate in due settimane. Certo ora abbiamo bisogno di trovare sempre nuove motivazioni. A questo in un certo senso ero preparato, perché quando sono arrivato sapevo di affrontare un campionato complicato. In tutto avremo una decina di partite competitive, mentre le altre non servono certo ad allenarci per arrivare ai play off, che sono la fase importante della stagione. È quindi compito nostro riuscire a tenere alto il livello del nostro impegno in allenamento». Intanto la squadra si sta preparando per la sfida di sabato sera, il derby con Mortara. 

Andrea Ballone