Serie C - Mortara, a Saronno fatali gli ultimi 3 minuti. Zanellati: "Serve più personalità"

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 152 volte
Fonte: La Provincia Pavese
Serie C - Mortara, a Saronno fatali gli ultimi 3 minuti. Zanellati: "Serve più personalità"

La sconfitta maturata beffardamente nel finale di gara sabato a Saronno allunga a tre turni la serie negativa della Expo Inox Mortara ed è una fotocopia che brucia ancor di più di quella patita sette giorni prima a Gazzada. «La partita l’abbiamo condotta noi, siamo stati davanti per oltre 36 minuti. A dispetto del forte avversario, a quel punto era una partita da vincere, e perdere in questo modo lascia molto amaro in bocca», spiega coach Alfonso Zanellati. In effetti, Saronno ha dovuto rincorrere fin dai primi palloni una Expo Inox ispirata e combattiva, condotta al primo strappo iniziale da un buon approccio del lettone Kalvis Sprude, quindi all’allungo dai canestri di Bossi. 27 i punti segnati da Mortara nel primo quarto, 46 a metà gara. 

Saronno ha provato a ridurre il ritardo senza riuscirci, ma anche per la Expo Inox la partita ha iniziato a inerpicarsi presto a causa del carico di falli decretato da una coppia arbitrale molto penalizzante. «Per noi era sempre fallo quando ci avvicinavamo a Politi, secondo un metro che non ho condiviso», afferma coach Zanellati a margine di una gara persa negli ultimi tre giri di lancetta dopo aver subito in tutto 40 tiri liberi, 28 falli e due tecnici contro, rispetto ai soli 11 liberi tirati e ai 18 falli fischiati agli avversari. «La squadra deve crescere, avere più personalità ed esperienza. Non ci sta che uno esperto come Pontisso, dopo aver commesso il quarto fallo ad inizio terzo quarto, si faccia fischiare a ruota tecnico per proteste. Diverso il tecnico fischiato nel finale a Bossi che aveva subito un sfondamento non visto dagli arbitri, che hanno voluto giustificare l’errore imputandogli la simulazione». 

Nella seconda parte di gara Mortara resiste in testa, ma perde pure Ferretti per falli e nel finale la stanchezza di Dronjak, mai seduto in panca neppure un istante, costa qualche errore poi fatale. 

La nota positiva viene dai giovani Mezza ed Orlandi, in campo a lungo e, soprattutto Mezza, molto prolifici. Prossima gara in casa con Milanotre, Cattaneo potrebbe rientrare fra due turni. (f.ba.)