Serie C - Frascati, perdere di un pelo contro Formia

05.03.2018 12:12 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 92 volte
Serie C - Frascati, perdere di un pelo contro Formia

Non è davvero una stagione fortunata per la serie C Gold del Club Basket Frascati. La squadra di coach Marco Martiri, che ha nuovamente dovuto fare i conti con tante assenze, ha perso 62-64 contro Formia al termine di una gara giocata a testa alta e che, alla fine, poteva anche regalare due punti pesantissimi. L’ultimo pallone dell’incontro lo ha avuto Damiano D’Angelo, guardia (o ala piccola) classe 1992 autore di una partita da 18 punti, 7 rimbalzi, 3 assist, 4 palle rubate e 2 stoppate. «Purtroppo non sono riuscito a concretizzare il tiro della vittoria – si rammarica l’atleta del Club Basket Frascati – Ma la squadra ha fatto il possibile nelle condizioni in cui era: le assenze di Triggiani, Chute e all’ultimo anche di Tiago Ramos hanno accorciato parecchio le nostre rotazioni. Tutti i ragazzi hanno dato il loro contributo e pure Manuel (Monetti, ndr) è stato praticamente immarcabile per tutta la sfida, basti pensare che all’andata perdemmo di 40 punti con il roster praticamente al completo. Avremmo meritato qualcosa in più per quello che siamo riusciti a esprimere, ma anche stavolta la fortuna ci ha voltato le spalle». D’Angelo e il gruppo, comunque, non hanno nessuna intenzione di mollare. «Dobbiamo cercare di “ribellarci” a queste situazioni sfortunate, uscendo dal campo sempre a testa alta. Qualche partita fa abbiamo perso con Anzio dando segnali preoccupanti, ma poi la squadra ha saputo riprendersi». Ora il calendario metterà di fronte al Club Basket Frascati una partita estremamente importante. «Domenica faremo visita all’Alfa Omega che ha i nostri stessi punti. Quello è un campo complicato dove i nostri prossimi avversari hanno fatto soffrire molte squadre. Sarà tosta, ma noi siamo consapevoli che questa è probabilmente una delle partite più importanti della stagione. Subito dopo affronteremo Sora, quindi il momento è indubbiamente delicato e noi dovremo dare tutto quello che abbiamo» conclude D’Angelo.