Serie B - Stella Azzurra Roma, un ritorno al successo contro Catanzaro

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 79 volte
Serie B - Stella Azzurra Roma, un ritorno al successo contro Catanzaro

Torna a gioire la Stella Azzurra Roma nel campionato di Serie B. La formazione di Germano D'Arcangeli fa restare a casa la vittoria contro la Mastria Vending Catanzaro, battuta all'Arena Altero Felici per 58-49 nella settima giornata d'andata del Girone D. I nerostellati pongono fine alla striscia di tre sconfitte con una bella volata negli ultimi 5 minuti, un 10-3 per spezzare una gara quasi sempre vissuta in equilibrio e intascare il terzo successo in sei partite, in attesa del recupero-derby di mercoledì prossimo in casa della Tiber Roma. Ancora una volta è la panchina a dare un apporto decisivo per il successo, fondamentale soprattutto l'ingresso in cabina di regia di Otis Reale (nella foto di repertorio di Gennaro Masi), la cui opera ad inizio gara e a cavallo dei due quarti finali viene rifinita dallo stoccatore Lorenzo Donadio, che ha mostrato ancora una volta qualità, carattere e freddezza superiori ai suoi 16 anni. La difesa ha fatto il resto, permettendo alla Stella Azzurra di ritoccare il suo record stagionale minimo di punti subiti con 49.

 

CRONACA D'Arcangeli butta nella mischia per la seconda volta consecutiva da titolare il 14enne Matteo Spagnolo, la partenza dei padroni di casa è però stentata (2-7 al 3°, Morici 5 per i calabresi) ed è necessario il time-out e il conseguente ingresso di Reale a mettere in partita gli stellini, che chiudono avanti il primo quarto 16-12 guidati dai 7 punti del nuovo occupante della cabina di regia e da capitan Bayehe, i cui 2 falli al pari dell'altro lungo titolare Cassar preoccupano tuttavia un po' per il prosieguo della sfida. Il secondo periodo è il più sterile offensivamente della Stella, solo 9 i punti segnati, appena due in più rispetto a quelli messi a referto da solo nel parziale dalla guardia catanzarese Di Dio, che permette agli ospiti di andare negli spogliatoi avanti di 3 lunghezze, 25-28, al termine di un primo tempo non brillante per nessuno dei due attacchi (10/32 al tiro i nerostellati, pari al 31%, un po' meglio i calabresi con il 10/28, 36%). Al rientro in campo per Catanzaro si accende Battaglia, una sua sfuriata comprensiva di una tripla dà alla Mastria Vending il suo massimo vantaggio della partita, +7 (30-37 del 24°), ma ancora una volta nel momento più difficile dei padroni di casa arriva in soccorso Reale e, più in generale, una maggiore precisione da oltre l'arco. Un missile del mancino classe '98 e due del neoentrato Panopio significano 9-0 e sorpasso, 39-37 al 27°, margine esiguo che la Stella Azzurra riesce a mantenere all'arrivo dell'ultima minipausa grazie ad uno splendido finta-passo-e-tiro, quasi di altri tempi, di Donadio all'avvicinarsi del suono della sirena. E' appena l'inizio del prepotente finale della giovanissima guardia romana, che prosegue con un botta e risposta di triple con Pichi che fissano prima il 48-46 a 5' esatti dal termine e poi il 51-49 a -4'30”. Il tabellone elettronico resta ancorato a questo punteggio per quasi due minuti, fino a quando Corbinelli - importante nel finale anche con due recuperi difensivi - non riscatta una prestazione realizzativa poco esaltante con la tripla più fallo per il 54-49 su assist di Reale. Che poco più tardi toglie di nuovo le castagne dal fuoco per i suoi segnando un bell'appoggio a canestro in penetrazione allo scadere dei 24 secondi per il 56-49 con meno di due minuti sul cronometro. E' la mazzata finale per Catanzaro, costretta a subire un altro elegante passo e tiro di Donadio che chiude il suo bel quarto periodo fissando il +9 conclusivo. Un successo che stacca in classifica la Stella Azzurra dallo stesso Catanzaro, costretto al terzo ko di fila malgrado arrivasse con il dente avvelenato per i due overtime finiti male con Tiber e Valmontone.

 

SINGOLI & NUMERI In uscita dalla panchina Otis Reale si toglie la soddisfazione di chiudere da top scorer dell'intero incontro con 14 punti (3/6 da due, 2/4 da tre, 2/4 ai liberi), un miglioramento notevole per un giocatore che non era mai andato oltre i 2 nelle precedenti cinque gare, mentre in doppia cifra ci va per la seconda volta in fila il 2001 Lorenzo Donadio con 12 punti, 8 dei quali nell'ultimo quarto. L'imprecisione in attacco di Catanzaro (19/61 al tiro, pari al 31%) contribuisce al dominio a rimbalzo della Stella Azzurra, che vince 51-30 la lotta sottocanestro con 16 carambole conquistate da Kurt Cassar (6 in attacco) e 14 da Jordan Bayehe, entrambi alla migliore performance dell'anno nella specifica voce statistica.

 

PROSSIMO TURNO C'è poco tempo per festeggiare il ritorno al successo per Bayehe e compagni, mercoledì c'è da recuperare la quarta giornata in casa della Tiber, sfida che riprenderà dal punteggio di 0-0 a seguito della sospensione del 21 ottobre scorso per la condensa sul parquet del PalaTiber all'inizio del secondo tempo.

 

 

STELLA AZZURRA ROMA – MASTRIA VENDING CATANZARO 58-49 (16-12, 25-28, 43-41)

STELLA AZZURRA: Corbinelli 6, Panopio 6, Cassar 4, Ianelli 2, O. Reale 14, Penè, Caceres 4, Bayehe 5, Spagnolo, Donadio 12, D. Alibegovic 5, Rinaldi. Coach: D'Arcangeli.

CATANZARO: Pichi 9, Calabretta, Battaglia 8, Procopio, Di Dio 8, Morici 10, Dell'Uomo 2, Botteghi 7, Biordi 5, Dolce ne. Coach: Tunno.

ARBITRI: Napolitano di Quarto (NA) e Fiore di Scafati.