Serie B - Oleggio ingaggia Alessandro Spatti

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 155 volte
Serie B - Oleggio ingaggia Alessandro Spatti

Grandi novità in casa Squali. L’Oleggio Magic Basket comunica di aver raggiunto un accordo con
Alessandro Spatti, ala grande classe 1995, già esperto della categoria e anche del girone dal momento
che ha iniziato la stagione 2016/2017 a Cecina, dove ha segnato una media di 7.9 punti in 20 minuti di
gioco a partita. Un innesto di qualità che va a rinforzare e rafforzare il reparto lunghi in vista di un
finale di stagione importantissimo.
Nato il 23 marzo, di Costa Volpino in provincia di Bergamo, Alessandro ha iniziato a giocare nella
società di casa da piccolino, grazie alla passione trasmessa dal papà, allenatore. E’ cresciuto nelle
giovanili della Bluorobica Bergamo disputando sempre campionati di Eccellenza e raggiungendo quasi
tutti gli anni le finali nazionali. Ha giocato per la prima volta un campionato senior tre anni fa, nella
stagione 2013/2014 a Treviglio, in serie C Silver. L’anno successivo ha vissuto la sua prima esperienza in
B ad Alto Sebino per poi ritornare a Treviglio alla Remer, nel 2015/2016, nella massima serie in A2: in
quella stagione Alessandro si è allenato con atleti di altissimo livello, facendo tanta esperienza e
guadagnando anche minuti che lo hanno fatto crescere.
Il neo Squalo ha anche indossato la maglia azzurra: è stato fra i protagonisti insieme ad atleti come
Fontecchio, Vildera e Maccaferri agli Europei Under 16 giocati nel 2011 in Repubblica Ceca e poi agli
Europei Under 20 del 2015 in Italia insieme a Fontecchio ancora, Flaccadori, La Torre, Mussini
raggiungendo i quarti di finale.
Le parole del presidente Mauro Giani: «Sono e siamo molto felici di avere Alessandro con noi, è un
giocatore che stavamo cercando da un po’ e siamo certi potrà dare un importante contributo alla
squadra e ai compagni per questo finale di stagione. Ci teniamo, teniamo al gruppo, alla categoria e il
suo arrivo auspichiamo possa essere un segnale importante per ambiente e tifosi: le prossime dieci gare
le affronteremo come fossero dieci finali, credendoci come abbiamo sempre fatto».
Le parole del neo Squalo: «Le primissime impressioni non possono che essere positive, ringrazio la
società per questa opportunità, - commenta – sono stato accolto molto bene e l’ambiente mi è parso
subito famigliare. Sono qui perché so che il campionato non è ancora finito, abbiamo ancora dieci
partite e farò del mio meglio per poter dare il mio contributo ai compagni».