A2 - Latina vs Scafati. Hairston:«Intensità in difesa per vincere».

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 148 volte
A2 - Latina vs Scafati. Hairston:«Intensità in difesa per vincere».

La Benacquista Assicurazioni Latina Basket, è pronta a disputare il terzo incontro in otto giorni, il secondo consecutivo tra le mura amiche del PalaBianchini. Domenica 19 novembre alle ore 18:00, infatti, i nerazzurri ospiteranno la formazione della Givova Scafati in occasione dell'ottavo turno di gare del Girone Ovest del Campionato di Serie A2 Old Wild West. Una gara difficile al cospetto di una delle squadre più forti del girone, che ha al suo attivo 5 vittorie su 7 partite giocate e che arriverà a Latina intenzionata a mantenere il trend positivo, come evidenzia anche il capo allenatore della Benacquista, Franco Gramenzi: «Dopo un anno di crisi, Scafati è tornata a essere grande. Per noi si tratta della terza partita in otto giorni e sul nostro campo arriva un’altra squadra tra le migliori del campionato, profonda ed esperta dall’allenatore al gruppo di giocatori base con due giovani interessanti, Romeo e Trapani. Il cammino della Givova fino a oggi è composto da cinque vittorie e due sconfitte e questo aspetto ci conferma che sarà un avversario complicato da affrontare». 

Dopo il bel successo conquistato nel derby con la Npc Rieti nel recupero della seconda giornata, andato in scena lo scorso mercoledì al palazzetto di via dei Mille, i pontini hanno il desiderio di continuare a sorridere di fronte al proprio pubblico, anche se coach Gramenzi ricorda che:«per quanto ci riguarda siamo ancora in emergenza, considerato che giocheremo la quinta partita consecutiva senza il nostro playmaker titolare, Riccardo Tavernelli». Anche in questa occasione il calore e il sostegno dei tifosi sarà una componente determinante, per questo motivo Capitan Pastore e compagni auspicano che, anche nella sfida con Scafati, le persone affollino le tribune del palazzetto per provare tutti insieme a conquistare un'altra importante vittoria.

Josh Hairston: «Con Scafati servirà intensità in difesa per vincere» -  Lo statunitense arrivato in corsa nel team nerazzurro, ha giocato 3 partite con la maglia della Benacquista e il suo inserimento si sta rivelando, gara dopo gara, una scelta adeguata alla tipologia di squadra. Dopo i primi giorni di conoscenza e ambientamento, il centro americano sembra cominciare a trovare la sua identità nel gruppo, che lo ha accolto con piacere ed entusiasmo: «Il campionato italiano è molto competitivo, questo è il mio quarto anno oltreoceano e credo che il campionato italiano sia quello più duro al quale abbia partecipato, specialmente nelle mie prime tre partite - evidenzia Hairston -  So che sono arrivato tardi, ma vedendo queste tre partite, questo è senza dubbio il campionato più duro  al quale io abbia preso parte dai tempi del college. Si deve lavorare molto, ogni singola sera, se non si è pronti si perde e questo è stimolante per me. A me piace competere e non mi piace perdere, per questo sono convinto che questo campionato tirerà fuori il meglio di me. Nelle prime due gare in cui ho giocato, ho cercato di entrare in sincronia con la squadra, ero un volto nuovo in un gruppo di ragazzi che gioca insieme da agosto - racconta il centro della Benacquista -  Ho usato i primi dieci giorni per ambientarmi, capire i compagni e il loro modo di giocare ogni giorno. Ho notato che avevamo bisogno di migliorare l’intensità e con alcuni ho parlato riguardo l’energia in campo, applaudo sotto canestro per cercare di generare energia. È questo il tipo di giocatore che sono sempre stato».

Parlando del match con Rieti, in cui ha giocato un'ottima partita, Josh spiega quali sono state le accortezze che hanno permesso di conquistare la vittoria: «Nella sfida con Rieti abbiamo giocato la prima parte di gara in equilibrio, mentre nel secondo tempo abbiamo gestito meglio perché dopo il riposo lungo siamo tornati in campo con un’intensità diversa. Credo che siamo migliorati nel reparto difensivo, abbiamo difeso molto bene, dal secondo quarto abbiamo portato degli aggiustamenti e la difesa è migliorata ancora di più ed è per questo che abbiamo vinto. Era una vittoria molto importante quella con Rieti, ne avevamo bisogno e dobbiamo sfruttare  il momento per le gare successive». 

E guardando alla sfida con la Givova, Hairston ha le idee molto chiare: «Nel prossimo match con Scafati la chiave sarà avere la stessa intensità che abbiamo mostrato con Rieti, dobbiamo essere consapevoli che dovremo scendere in campo e giocare in difesa per vincere. Per noi significa lanciarci a terra, giocare con energia, fare tutte le piccole cose. Credo che siamo molto forti in attacco, abbiamo molti ragazzi che possono realizzare, quindi l’attacco non è un problema. Credo, però, che dobbiamo migliorare come gruppo in difesa, abbiamo visto molti segnali positivi nella scorsa partita, ovviamente è solo una partita e non ci si può affidare solo a quella, ma sono eccitato all’idea di vedere come continueremo. Se riusciamo a difendere per 40 minuti come abbiamo fatto nel match con Rieti, possiamo essere una squadra ostica. Credo che lo abbiamo capito tutti e se manterremo quell’intensità per tutta la gara, andrà bene».

Arbitri dell’incontro: Paternicò Carmelo di Piazza Armerina (EN), Callea Marcello di Sassari, Morassutti Alberto di Sassari