A2 - L’Agribertocchi Walcor Orzinuovi esce sconfitta nella battaglia con Verona

23.12.2017 23:03 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 133 volte
Greene
Greene

L’Agribertocchi Walcor Orzinuovi perde al termine di una partita che ha avuto bisogno di un tempo supplementare per decretare il vincitore. La squadra orceana non è riuscita a gestire il vantaggio di 9 lunghezze a poco meno di 3 minuti al termine dell’incontro. Non bastano all’Agribertocchi le ottima prove di Strautins (16 punti con 13 rimbalzi) e Sollazzo (23 punti), per i veneti decisivi Jones e Greene.
Ottimo inizio di partita per l’Agribertocchi, in vantaggio per 8 a 2 dopo un minuto di gioco. Orzinuovi continua a cavalcare l’alto ritmo iniziale portandosi 13 a 4 al 3’. Verona, con un fulmineo parziale di 9 a 0, si porta in parità e coach Crotti chiede timeout quando mancano 5’25’’ al termine del primo quarto (13-13). Il primo vantaggio veronese arriva con l’incursione a canestro di Palermo (17-18). Le due squadre si rispondono colpo su colpo e chiudono il primo quarto in parità (25-25).
È Udom a sbloccare il punteggio del secondo quarto (25-27). Verona tenta l’allungo con 5 punti in fila di Totè e l’appoggio di Udom (31-37). La tripla di Ruggiero e l’appoggio su
rimbalzo offensivo di Strautins riportano a contatto gli orceani (38-39). Palermo da tre
riporta i suoi sul +4 (40-44). Raffa dal perimetro tiene a galla l’Agribertocchi (44-46).
Timeout Orzinuovi con 27’’ sul tabellone. La squadra orceana spreca l’ultima occasione ed
è costretta ad andare negli spogliatoi sul -4 (44-48).
Raffa è il primo a segnare nel terzo quarto (46-48). Verona tenta la fuga con il canestro di
Greene dal perimetro (46-53). Orzinuovi tiene botta con il libero di Sollazzo e la tripla di
Touré (50-53). Green continua a macinare punti (52-57), ma Raffa dal perimetro tiene vivi i
suoi (55-57). Pierich da tre insacca il +6 (56-62). Strautins è un portento in entrambe le
metà campo e, anche grazie allo zampino di Raffa, permette all’Agribertocchi di impattare
il punteggio (62-62). Orzinuovi gestisce bene gli ultimi possessi del quarto e riesce a
chiudere in vantaggio per 66 a 62 il terzo parziale.
La tripla di Palermo apre l’ultima frazione (66-65). Verona riesce ad andare in vantaggio
con il piazzato di Jones, ma Ruggiero nell’altra metà campo risponde in penetrazione (68-
67). Timeout per Dalmonte quando mancano 6’13’’ al termine della partita ed il punteggio
è di 70 a 67. In uscita dal minuto di sospensione Sollazzo trova due punti di rapina,
nell’altra metà campo Udom accorcia le distanze con un tiro da tre (72-70). Le giocate di
Touré permettono ad Orzinuovi di portarsi sul +6 (76-70). La squadra orceana, adesso in
fiducia, riesce ad allungare ulteriormente (78-70). Timeout Verona con 3’26’’ sul tabellone.
Jones schiaccia il -6, Tourè nell’altra metà campo trova la tripla del +9 (81-72). Udom dal
perimetro e Greene in lunetta riavvicinano i veneti (81-76). Dalla linea della carità Verona
riesce a portarsi sul -2 ed in seguito a pareggiare con un canestro in post basso di Jones
(81-81). Timeout orceano quando mancano 32’’ allo scadere del tempo. Orzinuovi spreca
palla per violazione dei 24’’ e lascia 7’’ a Verona per un’ultima occasione, timeout
Dalmonte. Greene sbaglia sulla sirena il tiro della vittoria. Si va ai supplementari.
Adam Sollazzo in penetrazione trova i primi punti dell’overtime, nell’altra metà campo Totè
pareggia (83-83). È ancora Sollazzo a segnare per gli orceani, ma Verona in lunetta con
Udom trova di nuovo la parità (85-85). Continui botta e risposta portano il punteggio sull’89
pari con 46’’ da giocare. Strautins sbaglia il piazzato per il vantaggio e nell’altra metà
campo Jones insacca la tripla (89-92). Mancano 6’’ e coach Crotti chiede timeout. Tourè
sbaglia da tre e Verona porta a casa la partita. Il punteggio finale è di 89 a 93.
Così il coach al termine dell’incontro: “Avremmo potuto chiudere questa partita nei tempi
regolamentari, merito di Verona e demerito nostro se non ci siamo riusciti. Abbiamo
sbagliato i possessi importanti, anche con occasioni importanti in mano. Nell’insieme non
abbiamo giocato una brutta partita, ma c’è mancato quel killer instict che fa una squadra
normale in una squadra forte. Perdere così brucia, siamo sempre lì, ci manca sempre un
centesimo per fare una lira e vincere la partita.”

AGRIBERTOCCHI WALCOR ORZINUOVI-TEZENIS VERONA 89-93
Orzinuovi: Strautins 16, Raffa 18, Borghetti ne, Zanardi ne, Antelli, Ghersetti 15, Zambon 2, Scanzi, Yabre ne, Ruggiero 5, Touré 10, Sollazzo 23 All. Crotti
Verona: Dieng ne, Greene 21, Visconti, Jones 22, Amato 3, Guglielmi ne, Palermo 14, Nwohuocha 2, Udom 18, Ikangi, Totè 7, Pierich 6 All. Dalmonte
Note – Parziali: 25-25; 44-48; 66-62; 81-81; 89-93
T.l. Orzinuovi: 18/20, Verona: 18/22
Tiri da 2: Orzinuovi: 25/45, Verona: 21/42
Tiri da 3: Orzinuovi: 7/26, Verona: 11/26
Falli: fallo tecnico alla panchina di Verona al 17’27’’, fallo tecnico a Nwohuocha al 22’51’’, nessuto uscito per falli
Spettatori: 1300