NBA - Green più forte di tutto, anche della coppia Lillard-McCollum (75 punti)

 di Alessandro Palermo  articolo letto 2009 volte
NBA - Green più forte di tutto, anche della coppia Lillard-McCollum (75 punti)

Una domenica di Pasqua con i fiocchi, Golden State-Portland di Gara 1 ha tenuto tutti incollati al televisore. Una partita di playoff bellissima, equilibrata per 36' abbondanti, vinta poi con merito dagli Warriors di Draymond Green, decisivo nel quarto periodo con giocate difensive di grande qualità. 121 a 109 il finale, di seguito la cronaca del match:

LA GARA
Nel primo quarto, un po' sorpresa, i Blazers tengono botta nonostante le pesanti assenze nel reparto lunghi, fuori sia Jusuf Nurkic (oltre 15 punti e 10 rimbalzi a partita) che Festus Ezeli (ex della partita). Nei primi dodici minuti il protagonista è CJ McCollum, mentre dall'altra parte Klay Thompson fatica a trovare la via del canestro da oltre l'arco.

Nella seconda frazione si siede in panchina Damian Lillard per riposare ma Portland, anziché incassare, mette la testa avanti contro ogni pronostico. La reazione dei padroni di casa è affidata a Ian Clark, il quale effettua il controsorpasso (44-39) con 5 punti consecutivi che scaldano la Oracle Arena. Tuttavia, a prendersi la scena è McCollum, che nel primo tempo domina per larghi tratti. 27 punti dopo un quarto e mezzo di gioco, è lui il vero incubo di Golden State. 56 pari intervallo, con Portland che ha 48 punti dalla coppia Lillard-McCollum, letteralmente indemoniati contro la seconda miglior difesa dell'intera NBA. Soltanto 8, invece, i punti degli altri Blazers.

Nel terzo quarto le due squadre rispondono colpo su colpo, come fossero in trincea. Draymond Green e JaVale McGee piazzano un muro in difesa e gli ospiti incominicano a faticare ad andare a canestro. Tre stoppate per i due, con McGee che strappa una standing ovation al ritorno in panchina dopo una doppia stoppata clamorosa. Nel frattempo Damian Lillard e Steph Curry si sfidano dai 10 metri ma le loro triple sono preda del ferro. Gli Warriors volano sul +7 (87-80), tentando la prima fuga del match, tuttavia Portland riesce a pareggiare nel giro di un minuto. 88 pari al termine della terza frazione, la battaglia è rimandata al quarto periodo.

In avvio di quarto quarto Golden State prova subito l'allungo, trascinata dai 5 punti consecutivi di Ian Clark, proprio come nel primo tempo. La Oracle Arena ringrazia, 97-90 Warriors. Quest'ultimi volano anche sulla doppia cifra di vantaggio ma i Blazers reagiscono con il solito McCollum e con un Evan Turner sontuoso. Sul -8 (107-99) Lillard prova a dare la scossa ai suoi con una schiacciata ma Green gliela nega, mandando in delirio il pubblico di casa. I decibel della Baia aumentano e con loro le speranze di vittoria di Golden State, avanti di quattordici a 3' e mezzo dalla fine (113-99). Nel finale gli ospiti non mollano ma il ferro non è amico di Turner e compagni, finisce 121 a 109 per i locali, che conquistano Gara 1. Cinque stoppate per Green, decisivo come sempre nella metà campo difensiva.

L'MVP secondo Pianetabasket.com: Draymond Green (GSW)
Prestazione magnifica. Sfiora una clamorosa tripla doppia da 19 punti, 12 rimbalzi e 9 assist.

GOLDEN STATE: 32 Durant, 29 Curry
PORTLAND: 41 McCollum, 34 Lillard

Alessandro Palermo