LIVE EuroBasket 2017 - Fuori Doncic e Dragic, la Slovenia riscrive la storia del basket europeo: Serbia ko!

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 3324 volte
LIVE EuroBasket 2017 - Fuori Doncic e Dragic, la Slovenia riscrive la storia del basket europeo: Serbia ko!

Sold out la Sinan Erdem Arena di Istanbul per la sfida che conclude il torneo EuroBasket 2017. Di fronte due Nazioni dell'ex Jugoslavia che non hanno mai vinto il titolo continentale nella configurazione politica attuale: Serbia e Slovenia. Con due squadre che hanno espresso il miglior gioco e le individualità di spicco di questa estate FIBA: Bogdan Bogdanovic e Boban Marjanovic da una parte, Goran Dragic e Luka Doncic dall'altra.  

Non sapremo mai quanto sia stato importante il lavoro di Igor Kokoskov nel preparare questa Slovenia e nel saperla gestire nella sequenza di momenti difficili, con l'abbandono del match di Doncic scavigliato prima e di Dragic nell'ultimo periodo quando con 35 punti era stato il fattore di vantaggio per la sua squadra, che hanno gestito il secondo tempo della finale di Istanbul. Quando Macvan pareggia con la tripla a quota 80, abbiamo pensato tutti che la Serbia stesse per piazzare il colpo finale. Che Djordjevic avesse trasmesso così bene la sua rabbia agonistica ai giocatori, che la gara fosse segnata per glorificare definitivamente l'astro di Bogdanovic. Invece Kokoskov ha trovato in Nikolic il play preciso per scandire i tempi per i punti di Prepelic, nello small ball di Randolph e Vidmar i rimbalzi decisivi contro i fisiconi avversari. Mai, in tutto il campionato Kuzmic e Marjanovic avevano così poco inciso in una gara, Viva la Slovenia.

La cronaca: primi due punti di Kuzmic, uno dei fattori che possono spostare l'equilibrio, Muric risponde da tre. Doncic accelera la transizione slovena, porta il 7-4 ma Kuzmic (autore dei primi 6 punti) e Macvan con 6'23" sorpassano. Entra Marjanovic e Kokoskov inserisce Dimec per non sporcare di falli Vidmar. E Marjanovic trova poco dopo la lunetta, ma è pronto Dragic a cominciare a segnare, 9-12 al 5'. Anche Bogdanovic e Doncic si iscrivono al tabellino punti, la gara è ormai decollata e il gigante Boban è sempre perfetto con i liberi 13-16. Tenta di fuggire la Serbia 13-18 con 2'45", ma il nuovo entrato Prepelic comincia a far sentire il tiro da tre che funziona. Il bonus raggiunto non favorisce la Slovenia, un fallo di Marjanovic su Doncic potrebbe essere antisportivo e accende un pò gli animi. Serbia superiore al rimbalzo, Dragic che vola in contropiede rimediando al cattivo tiro da tre. Il fallo in attacco serbo lascia l'ultima palla ai verde-blu ma c'è il muro sotto canestro. Slovenia-Serbia 20-22.

Il tiro da tre non va (2/8) ma Randolph ci guadagna il fallo con tre liberi seguito dalla rubata di Dragic 25-22 e timeout Djordjevic. Randolph ci riprova da tre, andando a segno, nell'azione seguente alla magìa di Bogdanovic crossover e tripla. Slovenia che si carica di falli, un problema che Bircevic dall'arco acuisce. Ma è la sera di Prepelic che da tre allarga il campo della difesa serba cui segue il coast to coast di Doncic 32-28 con 6'31". Timeout serbo seguito da sfondamento di Marjanovic. Il break sloveno è pesante 11-0 chiuso da Macvan ma Prepelic da quasi dieci metri fa 41-30 con 4'40". Gioco da tre punti per Lucic, tripla di Guduric con Macvan da centro per poter correre è la scelta di Djordjevic. Strappo 0-6 per risalire ma Lucic si prende un tecnico per simulazione. La Slovenia mantiene un piccolo gruzzoletto di 5/8 punti per alcuni minuti; due triple consecutive di Dragic (26 punti all'intervallo) seminano il panico tra i serbi 54-43. Doncic sulla sirena non mette la ciliegina sulla torta slovena, si va al riposo lungo sul 56-47.

 

 

Il dato eclatante è la perfezione ai liberi: 12/12 la Slovenia, 4/4 la Serbia. Parità nei rimbalzi 16-16 dopo l'iniziale predominio serbo: top i 5 di Doncic. Parte a palla il secondo tempo con una bomba di Dragic, ma i serbi tengono, con qualche difficoltà. 63-53 al 24' con il solito Dragic che si diverte a saltare Marjanovic in penetrazione. Purrtroppo con 4'44" arriva un infortunio alla caviglia per Luka Doncic che viene accompagnato in panchina sul 63-55. La violazione dei 24" di Dimec sembra far girare l'inerzia per la Serbia: Bogdanovic segna sull'azione seguente per il 63-59, mentre Kokoskov tiene in panchina anche Dragic, mentre Doncic è in lacrime. Ma Randolph stoppa Stimac e per fermare il contropiede la Serbia va in bonus. Stimac però da sotto realizza il -2 e tutto si rimette in discussione. Timeout, tocca a Cancar. Randolph fa pentole e coperchi, Dragic è tornato (Bogdanovic a riposo) e la Serbia strappa 6-0. Djordjevic rimanda in campo Bogdanovic che liber Bircevic per la tripla che accorcia nel minuto finale. In cui Bogdanovic segna da tre dopo aver mandato Prepelic a farfalle e Dragic riconquista la lunetta in penetrazione, al 30' è 71-67.

 

Primo minuto di grande confusione delle due squadre, ma è Guduric che commette l'errore più grave, perdendo palla e beccandosi l'antisportivo. Lo sloveno Nikolic fa 2/2 in lunetta mentre torna Marjanovic in campo. E Jaka Blazic fa l'enplein segnando in faccia al gigante serbo 75-67 con 8'45". Triple in fila per Macvan e Blazic di una gara intensa. Micic vale il -3, Vidmar agli straordinari sui lunghi serbi, poi tecnico per simulazione per Micic, ma Dragic sbaglia il libero guadagnato con 6'20" e mostra segni di stanchezza. Così quando un solitario Lucic firma il -1 e la rimonta quasi completata, Kokoskov è costretto a prendersi un timeout con 5'47".

 

 

 

Un lungo attacco sloveno finito con il quarto fallo di squadra e il sorpasso di Macvan arriva 77-78. Doncic si è levato la scarpa, dando forfait definitivo, ma Prepelic non ci sta con una tripla che Macvan pareggia subito 80-80 al 36'. Problemi di crampi o qualcos'altro per Dragic. Randolph tiene in piedi la Slovenia 82-82 con 3'10", poi Vidmar manda in lunetta Kuzmic che fa 0/2 e Prepelic ringrazia con l'arresto e tiro dell' 84-82, timeout Djordjevic con 2'20". La Serbia torna in campo con la paura di vincere, la Slovenia trova Nikolic play e Randolph realizzatore 86-82 pur sbagliando i liberi aggiuntivi. Djordjevic ha già rinunciato a Jovic, i suoi uomini sbagliano un altro attacco poi regalano tre liberi a Prepelic, è ancora gioco fermo 1'05". Liberi 2/3 per la guardia slovena, +6. attacco dei serbi, Bogdanovic tenta la tripla, la Slovenia prende rimbalzo prima in difesa poi in attacco, secondi preziosi, poi Nikolic 2/2 in lunetta, per vincere senza la coppia d'oro Dragic-Doncic in campo. Incredibile.

Bogdanovic ci riprova da tre ma sbaglia ancora, Blazic segna i liberi che mandano a sedere Lucic per quinto fallo. Disperata reazione degli uomini di Djordjevic che però si devono inchinare al destino. Con i due avversari più prestigiosi fuori gioco, la Slovenia trova le risorse morali, tecniche e fisiche per chiudere la strada agli avversari e portare a casa la Storia di un paese di due milioni di abitanti che sale sul cielo d'Europa.

Finisce 93-85. Boxscore:

Slovenia: Randolph 11, Dragic 35, Rebec, Nikolic 4, Prepelic 21, Muric 5, Blazic 7, Vidmar 2, Zagorac, Dimec, Cancar, Doncic 8.

Serbia: Macvan 18, Bogdanovic 22, Lucic 9, Milosavljevic 2, Bircevic 8, Stimac 2, Lazic, Micic 4, Guduric 6, Jovic 2, Kuzmic 6, Marjanovic 6.