Lega A - Vittoria sofferta per la Reyer contro una Trento in versione "finals"

 di Marco Garbin  articolo letto 1213 volte
Lega A - Vittoria sofferta per la Reyer contro una Trento in versione "finals"

Per il pubblico del Taliercio la nuova stagione inizia com'era terminata, con gli orogranata ed i bianconeri faccia a faccia, punto su punto, per una vittoria che puo' valere una stagione.
Oggi la posta in palio non e' cosi' grande e ci sono molti volti nuovi, ma il sapore e' lo stesso e le due squadre, entrambe a bottino pieno, non vogliono sbagliare.
Il percorso di avvicinamento al campionato per entrambi i team ha messo in luce un grande potenziale, frutto anche del mercato che, soprattutto per i veneti, ha privilegiato l'esperienza.
E le aspettative non vengono deluse: partita punto a punto con momenti di grande intensita' e vittoria veneziana solo dopo l'instant replay a cronometro scaduto.
Il match per i veneziani inizia in salita, con il bonus falli subito esaurito. Trento poi non e' squadra facile e Behanan fa fuoco e fiamme. La Reyer risponde con l'intensita' difensiva e si affida all'estro di Johnson e alla fisicita' di Orelik (MVP con 24p, 4r e 2a, val 24) e Watt per ricucire lo strappo e, in un finale da infarto, portare a casa la vittoria.

La gara
Pronti via, e' la Reyer a spingersi per prima in attacco con Watt che schiaccia sul ferro. Il successivo tentativo dall'arco di Johnson e' impreciso e tocca quindi a Behanan sbloccare il tabellone con un'azione da 2+1. Trento spinge e Watt spreca il secondo fallo mandando in lunetta ancora Behanan che porta i suoi sullo 0:5. La Reyer fa vibrare il ferro molte volte ma di punti non se ne parla quando il terzo minuto di gioco sta per passare agli almanacchi. A scacciare le nubi ci pensa Peric in gancio dal pitturato. Trento con Gomes risponde e De Raffaele prova la carta Biligha al posto di un Watt nervoso. La Reyer ritrova Haynes e la sua tripla fa esplodere il Taliercio. Gli risponde Shields da 2 mentre il match acquista intensita'. E' ancora Haynes a metterla dentro mentre nel contrattacco trentino a far la parte del leone e' la difesa orogranata, che respinge tutto fino allo scadere dei 24''. Jenkins sostituisce Johnson fra i padroni di casa e Buscaglia risponde mandando in campo Baldi Rossi e Flaccadori. Dopo l'1 su 2 di Forray dalla lunetta per fallo di Biligha tocca a Shields incrementare il ottino con un 2 su 2 per il fallo di Jenkins. Scarsa precisione e tanti falli sembrano essere il marchio di fabbrica della Reyer in questo inizio di match, ne approfitta Sutton che porta a casa altri 2 punti con Sutton dalla lunetta per il terzo fallo di Biligha. La testa e' altrove e Ress, entrato al posto di Biligha, perde palla consentendo il contropiede ospite che, con Silins, porta il punteggio sul 7:16 a 4'04'' dal termine del primo parziale. Per la Reyer ci mette la pezza De Nicolao dall'arco, ma Trento non ci mette molto a distanziare ancora il ritorno veneziano con Baldi Rossi. Entra in campo anche Orelik ma a schiacciare ci va Ress. Trento ha dalla sua i tiri liberi e con Baldi Rossi si ripota sul +8. Il lituano orogranata al tiro pecca di precisione, segnale per coach De Raffaele che qualche sessione di tiro e' da mettere in agenda al piu' presto. Non sbaglia Flaccadori per i trentini ed il vantaggio ospite torna a +10. Il parziale si chiude con i punti di Orelik e Franke dalla lunetta per il 14:23.
Il secondo parziale vede subito De Nicolao da 3 infondere nuova speranza ai padroni di casa, ma la stoppata di Peric su Flaccadori viene considerata fallosa ed i trentini dall'arco ristabiliscono il distacco. Rientra Watt per Peric ma andare a segno e' finalmente Orelik da 3. La Reyer riprende intensita' e trova 2 punti con Johnson in contropiede stoppato fallosamente da Flaccadori. Trento risponde con Shields ma Orelik ha scaldato la mano e piazza la seconda tripla consecutiva. Il lituano e' on fire e va a prendersi 2 punti di forza ed il fallo dal danese Shields. Palla dentro e 28 pari. Trento non si scompone e con Behanan si riprende la testa della gara. Il contrattacco veneziano e' affidato a Watt che porta a casa 2 punti in sospensione e riequilibra le sorti del match. L'antisportivo fischiato a Sutton evidenzia una gara nervosa. Orelik dalla lunetta fa bottino pieno e porta i veneziani avanti per la prima volta dall'inizio del match. Allunga Bramos e gli orogranata si portano sul +4. Trento e' all'erta e Behanan si prende punti e gloria intercettando un passaggio di Bramos e schiacciando a canestro i punti del 34:32. Il pareggio ospite arriva dalla lunetta con Gomes per fallo di Bramos. Le emozioni pero' non mancano, vedi tripla di Peric allo scadere dei 24'' che da sola vale meta' prezzo del biglietto. Shields dalla lunetta non riesce a fare bottino pieno ma ci mette il carico il solito Behanan schiacciando a canestro i punti del 37 pari a 2'18'' dal termine della prima parte di gara. Peric dalla lunetta si prende un punticino su due che permette alla Reyer di rimettere la testa avanti ma l'ennesimo fallo (quinto di squadra), questa volta di Orelik permette a Shields di riannullare il vantagio orogranata e, dopo 2 secondi, a Behanan di prodursi nell'ennesima schiacciata e accumulare ulteriori punti per un probabile titolo di MVP. L'ultimo minuto del parziale inizia con Flaccadori che fa 2 su 2 dalla lunetta per il 38:42. Dopo il time out richiesto da De Raffaele i tentativi da entrambe le parti vanno a vuoto e le squadre rientrano in campo sul 38:42.

Inizia la seconda parte di gara con Watt che in penetrazione schiaccia a canestro i punti del 40:42. Risponde Shields dalla lunetta ma la Reyer e' precisa con Haynes dall'arco e dilagante con Watt ancora in schiacciata. 45:44 e time out chiamato da coach Buscaglia. Protestatissimo il fallo fischiato a Watt su Behanan che non accontenta nessuno con l'americano che dalla lunetta fa 1 su 2. L'ago della bilancia si sposta di nuovo verso Trento grazie a Shields in sospensione, ma e' un attimo perche' Peric rimette tutto in discussione. E' lo stesso croato a mandare in lunetta poi Behanan che fa 1 su 2 ma prende il concretizza il rimbalzo in attacco per il 47:50. Ottima la prestazione dell'americano numero 21 di Trento. Dopo il libero di Johnson e' ancora tempo di Behanan che dalla lunetta porta il suo personale a quota 19 punti. Scrive il suo nome nel tabellino dei marcatori anche Biligha che riduce lo svantaggio dei Campioni d'Italia a 2 punti. A pareggiare ci pensa Johnson con un bel canestro in sospensione dalla destra, ma la bomba di Sutton spegne subito l'entusiasmo. La risposta e' ancora di Johnson e vale il 55 pari. La bomba da ditanza siderale messa a segno da Orelik vale l'altra meta' del biglietto e, a 1'23'' dal termine del terzo parziale, porta la Reyer sul 58:55. A Franke dalla lunetta riesce a meta' il tentativo di recupero e la Reyer ne approfitta con Orelik per portarsi avanti di 5. A 38'' dalla sirena l'olandese di Trento si rifa' con una bomba dalla destra e De Raffaele chiama il time out per organizzare l'ultima offensiva orogrnata prima dell'ultimo quarto. Ed e' De Nicolao a concretizzarla, magistralmente imbeccato da Orelik. Ma Trento punisce subito e con Flaccadori da 3 sfrutta l'ultimo secondo di gioco e fa chiudere il terzo parziale sul 63:62. Squadre incollate e finale da brivido in vista.
L'ultimo parziale si apre con i canestri di Baldi Rossi e Behanan per il nuovo vantaggio ospite. =3 per Trento che non sfrutta a dovere lo scivolone di De Nicolao. Trento dilaga con Gomes, Franke e Behanan, e la tripla di Orelik serve solo a mitigare le sofferenze veneziane. 66:73 mentre ci si avvicina a meta' parziale. Venezia respira grazie a Johnson che s'inventa 2 triple magiche. Il vantaggio orogranata arriva da una tripla di Bramos fotocopia di quella di gara 5 2017, dal grande potere psicologico quindi. 75:73 per i padroni di casa. A dare un po' d'amaro in bocca al numero 6 della Reyer il tecnico fischiatogli, che consente a Forray di mettere a segno il punto del -1. E' tempo di dare una svolta alla gara e ci prova Johnson che segna in incursione e manca pero' il secondo tentativo in contropiede. E' Sutton in penetrazione a rispondere per Trento e a 1'49'' dal termine ci pensa Flaccadori a portare avanti di 1 i suoi. Gli ospiti hanno la hance per incrementare con Sutton dalla lunetta ma l'americano fa cilecca. Il cronometro inizia a scandire gli ultimi 60'' e la tensione sale mentre il contrattacco veneziano viene sprecato da Orelik. Il contrattacco trentino non ha esito posiivo e nella confusione generale e' proprio Orelik, a 14'' dal termine, a mettere dentro i punti del +1. Buscaglia si rifugia in un time out che ha l'obiettivo di disegnare l'azione conclusiva del match. Il fallo di Orelik interrompe pero' lo schema, cosi' come il quinto fallo di Bramos. L'ultimo tiro di Forray finisce dentro ma sara' solo l'instant replay a dare il verdetto. Canestro oltre il tempo limite e vittoria orogranata per 79:78.

 




Umana Reyer Venezia vs Dolomiti Energia Trentino 79:78 (14:23) (24:19) (25:20) (16:16)

Le squadre
Venezia
Haynes 8, Peric 5, Johnson 16, Bramos 8, De Nicolao 8, Jenkins 0, Orelik 24, Bolpin ne, Ress 2, Biligha 2, Cerella 0, Watt 6

Trento
Franke 8, Sutton 7, Silis 2, Czumbel ne, Baldi Rossi 6, Forray 2, Flaccadori 12, Gutierrez ne, Gomes 6, Behanan 23, Lechthaler ne, Shields 12

Arbitri
Lanzarini, Attard, Di Francesco