Lega A - Sassari blocca il volo dell'Aquila

 di Massimo Veroni Twitter:   articolo letto 2398 volte
B.Sacchetti, migliore dei suoi
B.Sacchetti, migliore dei suoi

La Dinamo vince a Trento una sfida importante in chiave play-off. Raggiunge in classifica i padroni di casa ed Avellino (che domani gioca in casa contro Cantù), ma rispetto ai trentini ha il vantaggio della vittoria nel doppio confronto. Non è stata una sfida bella e spettacolare, ma era normale aspettarselo viste le assenze a cui hanno dovuto far fronte le due squadre. Alla fine la mancanza di Baldi Rossi e Marble hanno inciso negativamente nelle rotazioni per le Aquile di Coach Buscaglia, mentre Sassari ha saputo sopperire all'assenza di Lacey col collettivo e col solito cuore.

Per Trento non è bastato un ottimo Sutton, autore di 16 pt, 10 rb e 24 di valutazione finale. E' stato l'unico ad andare in doppia cifra dei suoi, che hanno dominato a rimbalzo (46-40 totali e 18-9 in attacco), ma hanno avuto brutte percentuali al tiro (16 su 47 da 2 e 5 su 24 da 3). Le scarse rotazioni hanno inciso alla lunga, coi soli Flaccadori e Moraschini che hanno potuto dare supporto ai cinque titolari.

Per Sassari il migliore è stato sicuramente Sacchetti, che ha giocato 32 minuti di sostanza e cuore, sfiorando la doppia doppia (9 pt e 10 rb con anche 4 assist) e 22 di valutazione finale.

Miglior realizzatore per i sassaresi è stato Bell con 20 pt, ma poco altro (7 palle perse!!!). Più che sufficienti le prove di Lydeka e dell'ex Lighty. Carter si è rivisto in campo, vista l'assenza di Lacey, ed è stato autore di una discreta prova, come anche Stipcevic, ancora non al meglio. Preoccupa un po' la condizione fisica di Savanovic, anche oggi molto in ombra.

CRONACA:

Primo Quarto: Coach Pasquini per sostituire Lacey ripropone Carter, ma il quintetto iniziale è composto da Bell, Lighty, D'Ercole, Sacchetti e Lydeka. Per Trento iniziano Craft, Forray, Sutton, Hogue e Gomes. L'inizio è di marca casalinga col 4-0 firmato Craft. Sacchetti sblocca i suoi con una tripla. Lydeka firma il +6 (5-11) e poi Bell da 3 firma il +7 (7-14). D'Ercole gioca forte su Craft e riesce a limitare il gioco offensivo delle Aquile. Iniziano i primi cambi. Gomes dalla lunga distanza segna il 13-14. Il periodo finisce 15-20 con l'ultimo canestro segnato da Carter.

Secondo Quarto: Sutton porta i suoi subito sotto (19-20), ma Bell subisce fallo sul tiro da 3 e realizza i tre liberi a disposizione (21-25). Ancora Sutton riduce il distacco (26-27) e Flaccadori firma il sorpasso (28-27). Stipcevic non ci sta e segna dalla lunga distanza, ma Trento chiude meglio e Moraschini piazza la giocata finale con una bella azione personale conclusa con una schiacciata per il 33-30 di fine quarto.

Terzo Quarto: Sassari riparte nel terzo periodo con lo stesso quintetto iniziale e con Lydeka, Sacchetti e Bell piazza un parziale del 7-0 (33-37). Ma ancora Sutton consente agli uomini di Coach Buscaglia di non andare sotto (37-37). La partita inizia a viaggiare di pari passo. Carter mette a segno la tripla del 45-47. Savanovic mette dentro solo un libero per il 47-48 di fine terzo periodo, visto che Hogue allo scadere sbaglia i due liberi a disposizione.

Quarto Quarto: Il periodo inizia male per Sassari. Savanovic prende un tecnico per proteste e Forray pareggia (48-48). Hogue prima segna il canestro del 50-48, poi commette fallo e protesta troppo prendendo anche lui un tecnico. Stipcevic segna il 50 pari dalla lunetta. Nell'azione successiva, con Trento un po' nervosa, prima Carter, poi Bell ed infine Stipcevic sbagliano la tripla che poteva dare un segnale importante alla sfida. Ma gli uomini di Pasquini sono più vivi e freschi rispetto ai padroni di casa e si portano avanti (52-57). Gomes realizza il 55-57 e poi anche Trento spreca l'occasione di tre triple consecutive del possibile sorpasso. Stipcevic, dal canto suo, non sbaglia e realizza da lontano (55-60). Bell perde palla e Flaccadori realizza il 57-60. Il play americano della Dinamo si fa perdonare subito, realizzando la tripla che affossa Trento (57-63). I trentiini non riescono più a segnare e la Dinamo va un paio di volte in lunetta con Sacchetti e Stipcevic che firmano il finale sul 57-66.

Dolomiti Energia Trento.  Sutton 16, Bernardi, Craft 7, Moraschini 7, Forray 3, Conti, Flaccadori 9, Lovisotto, Gomes 8, Hogue 7, Lechtaler. All. Maurizio Buscaglia

Dinamo Sassari. Bell 20, Devecchi, D’Ercole, Sacchetti 9, Lydeka 6, Savanovic 3, Carter 6, Stipcevic 11, Lawal 4, Monaldi, Lighty 7, Ebeling. All. Federico Pasquini.

Tabellini: 15-20; 33-30 (18-10); 47-48 (14-18); 57-66 (10-18).

SALA STAMPA:

È coach Federico Pasquini a commentare a caldo il match:

Avevo chiesto alla squadra una grande prestazione a livello difensivo, tenendo Trento sotto gli 80 punti. La squadra è stata fin troppo brava concedendone solo 57, a dimostrazione della grande qualità, del grande cuore e presenza che hanno portato in campo. Eravamo preparati ad andare a difendere con la zona nel caso in cui giocassero con i 4 e 5 piccoli, con Sutton e Gomes insieme. Siamo stati bravi a fare la zona adattata contro le caratteristiche individuali dei giocatori di Trento, così li abbiamo mandati fuori ritmo e gli abbiamo tolto il contropiede. Da lì viene fuori il risultato e un secondo tempo dove hanno tirato con 3/18 da tre, in cui siamo stati bravi a tenerli a 24 punti in 20’. Sono soddisfatto, ho avuto la risposta che mi aspettavo dalla squadra”.