Lega A - Dinamo Sassari battuta dagli ex Green e Logan

 di Massimo Veroni Twitter:   articolo letto 1346 volte
Il grande ex, David Logan
Il grande ex, David Logan

La Scandone Avellino vince la seconda partita consecutiva senza Ragland e con Logan ormai pienamente inserito. L'atteso ex della sfida realizza 19 punti, ma il miglior giocatore della serata è l'altro grande "piccolo" ex. Infatti Marques Green sfodera una prestazione da quasi tripla doppia, con 11 punti, 8 rimbalzi e 9 assist, per 22 di valutazione finale. Sono loro due a condannare la Dinamo alla sconfitta con un ultimo quarto praticamente perfetto di entrambi. La squadra di Pasquini conferma che senza il tiro da 3 non riesce a essere pericolosa. Oggi 5 su 22. Stipcevic ha dovuto fare gli straordinari, visto la pessima serata e il poco utilizzo di Bell, che può diventare un caso. Per il play croato, gran cuore, 18 punti, ma anche 5 palle perse e un 2 su 6 da tre punti. Gli unici che si salvano insieme a lui sono Lydeka (14 pt) e Lacey (16 pt).

Per gli irpini, oltre ai già citati Logan e Green, il miglior realizzatore è stato Randolph con 21 punti. Buona la prova anche di Fesenko (9 pt e 10 rb), che ha fatto il bello e il cattivo tempo sotto le plance, e il "tuttofare" Leunen, sempre prezioso su tutti i fronti. La squadra di Coach Sacripanti continua la corsa al 2° posto in classifica, mentre per la Dinamo arriva la seconda sconfitta consecutiva che mette a rischio i play-off, in virtù anche del calendario (Cremona, Trento, Torino e Caserta fuori casa - Brindisi, Capo d'Orlando e Venezia in casa). La testa per i sardi ora è tutta sulla Champions League con la sfida di mercoledì a Montecarlo contro il Monaco, che oggi ha vinto in casa contro il Reims per 81-72.

Cronaca:

Primo Quarto: Sassari parte col solito quintetto formato da Bell, Lacey, Lydeka insieme agli italiani Sacchetti e Devecchi. Quintetto tutto straniero invece per la Scandone, col grande ex Logan inizialmente in panca. La Dinamo parte bene con Lydeka che segna i primi 4 punti per il parziale di 0-4. Un leggero infortunio di Green consente a Logan di entrare dopo un minuto in campo e realizzare i primi punti per la sua squadra (2-4). Sempre Logan firma il sorpasso con una tripla (8-7). Dopo il canestro di Stipcevic del 10-11 la Dinamo si blocca in attacco, subendo un parziale di 16-4, con le triple di Thomas, Randolph e Logan. Il periodo termina 26-15 per gli irpini.

Secondo Quarto: Lawal e Savanovic realizzano 5 punti a testa (32-25). Anche Lacey partecipa in attacco con una tripla e un canestro da 2 per il 38-36 e così Sassari piano piano riduce il distacco. L'ultimo canestro è però di Logan (12 punti per lui a metà gara) per il 40-36 di fine quarto.

Terzo Quarto: Parte in quintetto Stipcevic che realizza una tripla, ma Avellino scappa nuovamente sul +10 (49-39). Lacey, con l'aiuto di Stipcevic, riporta i sardi a -1 (49-48). In attacco per Sassari c'è solo il play croato, che segna il canestro del 56-54, ma Randolph allo scadere, da oltre gli otto metri, segna la tripla del 59-54 di fine periodo.

Quarto Quarto: La Dinamo ci crede e si affida ancora alla regia di Stipcevic e a Lydeka sotto canestro, che confezionano il -1 (64-63) a 6 minuti dalla fine. Ma i grandi ex Green e Logan con due triple e una schiacciata con giravolta di 360° danno lo strappo decisivo (72-63) e chiudono praticamente la sfida. Sassari non riesce più a lottare e subisce il finale di 77-65.

Tabellini:

Dinamo SassariBell 0 pt, Lacey 16 pt, Devecchi 0 pt, D’Ercole 0 pt, Sacchetti 0, Lydeka 14, Savanovic 7, Stipcevic 18, Lawal 5, Lighty 5, Ebeling ne, Monaldi ne . All. Federico Pasquini.

Scandone Avellino. Zerini 0 pt, Green 11 pt, Logan 19 pt, Esposito ne, Leunen 4 pt, Cusin 0 pt, Severini ne, Randolph 21 pt, Obasohan 4 pt, Fesenko 9 pt, Thomas 9 pt, Parlato ne. All. Pino Sacripanti.

Parziali: 26-15; 40-36 (14-21); 59-54 (19-18); 77-65 (18-11).

Sala stampa.

È Coach Federico Pasquini a commentare a caldo il match:

Voglio fare i complimenti ad Avellino che ha fatto una partita di ottimo livello. Noi siamo stati bravi a sporcare un po’ i loro attacchi, a fare in modo che si inceppassero: siamo stati bravi a riportarci in partita dopo un primo quarto dove non abbiamo avuto la giusta energia e abbiamo sbagliato tanti tiri aperti. La partita si è segnata quando, sotto di un punto, abbiamo fatto una gran difesa ma non abbiamo preso il rimbalzo offensivo e ha segnato Marques Green per il +4 davanti alla nostra panchina. E la nostra energia è andata a scemare mentre loro hanno continuato la loro partita. Complimenti a loro, andiamo avanti e ci concentriamo sulla prossima sfida”.