Immacolata concessione, il CSKA Mosca si concederà all'Olimpia?

 di Alessandro Palermo  articolo letto 1135 volte
I 4 cecchini del CSKA Mosca
I 4 cecchini del CSKA Mosca

Questa sera al Forum d'Assago, palla a due alle ore 20.00, l'Olimpia Milano (4-6) accoglierà la temibilissima corazzata russa del CSKA Mosca (9-1) per l'undicesima giornata di EuroLega. I campioni d'Europa in carica saranno orfani del loro giocatore migliore, Milos Teodosic, nonché probabilmente il giocatore più forte della competizione (nel dubbio citofonare a Vassilis Spanoulis). Teodosic non sarà della partita, la stella serba è rimasta a casa e salterà tutto dicembre per una tendinite ad un polpaccio.

Fuori una stella, dentro l'altra. Il CSKA, infatti, avrà modo ugualmente di addobbare l'albero di Natale, inserendo in alto - in tutto il suo splendore - la stella Nando De Colo. Il francese - fermo dalla settimana giornata di EuroLega - a sorpresa, sarà in campo contro l'Olimpia.

SPECIALISTI
L'EA7, in questo avvio di stagione fin troppo morbida in difesa, dovrà fare particolare attenzione al tiro da fuori degli avversari. L'armata sovietica, infatti, dispone di un arsenale mica da ridere. Il cecchino più freddo della squadra è Vitaly Fridzon, veterano ex Khimki che raramente sbaglia quando conta davvero. Proprio un suo tiro, sulla sirena, ha regalato la vittoria a coach Itoudis in quel di Bamberga. Tuttavia, il russo, non è il più preciso della squadra (47.4% da tre). Oltre l'arco, sono ben tre i giocatori del CSKA Mosca a superare il 50%:

Nando De Colo, 54.5%
Aaron Jackson, 58.8%
Andrey Vorontsevich, 62.1%

Percentuali altissime, soprattutto quelle di Vorontsevich che fino a poche settimane fa viaggiava intorno al 70%.

PRECEDENTI
Quello di stasera sarà il sesto confronto nella competizione per le due squadre, con il bilancio in parità (3-3). In casa, le statistiche sorridono all'Olimpia che al Forum è avanti 2-1. La sfida più nostalgica e più emozionante, che è rimasta nei cuori dei tifosi biancorossi, è probabilmente quella del 3 dicembre 2008. Allora la squadra di coach Piero Bucchi vinse, in rimonta, 80 a 79 contro il CSKA di Ettore Messina. Quarto periodo epico e rimonta completata, grazie ad uno straordinario David Hawkins. "Il Falco" chiuse con 20 punti, mentre furono 17 i punti di Luca Vitali (5/6 da tre) e 10 quelli di Jobey Thomas.


Alessandro Palermo