EuroLega - Milano avanti di 15, poi il Barça rimonta nel secondo tempo

 di Alessandro Palermo  articolo letto 1069 volte
EuroLega - Milano avanti di 15, poi il Barça rimonta nel secondo tempo

Milano doveva vincere per riaprire una porta, quella dei playoff, che forse chiusa lo era già da tempo. Un obiettivo ormai difficile da raggiungere, se non impossibile. L'aritmetica non condanna ancora l'Olimpia ma la classifica ed il calendario dicono già abbastanza, la truppa di Giorgio Armani è fuori dalla post season. A vincere al Forum è il Barcellona, che si impone con autorità per 83 a 78. Una vittoria in rimonta per i catalani, sotto anche di quindici lunghezze nel primo tempo (45-30 al 17'). Di seguito la cronaca del match:

Clicca QUI per le pagelle

OCCHI DELLA TIGRE - Il trionfo in Coppa Italia è ancora negli occhi e nella mente di Andrea Cinciarini: il capitano biancorosso inizia come aveva finito la quattro giorni di Rimini, con la stessa voglia e con la stessa determinazione delle sfide contro Reggio Emilia e Sassari. Smaltita in fretta la pancia per i festeggiamenti di domenica scorsa, il "Cincia" mette ancora sul parquet fame e grinta. Che fosse ancora la sua serata si era capito dalla stoppata su Rice in avvio, seguita da un assist dietro l'altro per i compagni. Al cambio con Kalnietis - a 48'' dalla fine del primo quarto - lo score di Cinciarini è già a quota 4 assist, così come i rimbalzi. Quattro anche quelli, niente male per uno come lui.

L'AVVIO - Cinciarini per Sanders, l'Olimpia gira alla grande. Applausi a scena aperta per la squadra di coach Jasmin Repesa. Hickman prende la mira e spara: 13-11 al 5'. Applausi su applausi. Bello il duello proprio tra Hickman e Rice, ex compagni di squadra in quel di Tel Aviv. Dalla panchina si alza Pascolo, osannato dal proprio pubblico come fosse un re. L'ala friulana prende il posto di Macvan, scaldando i cuori biancorossi nel giro di pochi minuti. Tomic sale di tono, sfruttando la propria superiorità fisica su McLean: sorpasso Barça (17-19) a due minuti dalla fine del primo quarto. Al 10' è 22 pari, con Fontecchio che - appena entrato - realizza subito una tripla dall'angolo.

FORCING BIANCOROSSO - Ad inizio secondo quarto è ancora Fontecchio a colpire dalla lunga, sua la tripla del +5 (27-22). Allo show milanese si iscrive anche un altro italiano: Abass, il quale schiaccia in testa a Claver il +9. Poco dopo sale in cattedra Kalnietis, protagonista indiscusso dell'allungo di Milano con una tripla e due assist consecutivi. A beneficiarne McLean e Abass, 36 a 29. Milano è ispirata, arriva dunque il (meritato) massimo vantaggio: 45-30 a tre minuti e mezzo dall'intervallo, decisive le triple di Macvan e Abass per il forcing biancorosso. Ritorno dei catalani, i quali approfittano del calo dell'EA7, forse troppo sicura del vantaggio. Rice e Tomic accorciano fino al -4, si ritorna negli spogliatoi sul 45-41.

REMUNTADA CATALANA - Al rientro in campo dopo la pausa lunga, il Barça non ci sta e, mentre l'Olimpia continua a faticare in attacco, gli ospiti rimontano fino al +10. Doppia cifra di vantaggio toccata più volte dal Barcellona, fino al 62-52 a proprio favore. A provare a ricucire lo strappo ci pensa Abass, ma la sua tripla viene subita "pareggiata" da Koponen. 55-65 al 30', nella ripresa tutto un altro Barça, tutta un'altra Olimpia. I catalani non si fermano: bomba di Vezenkov, 59-74 al 34'. Kalnietis, tra i più positivi di Milano, prova a scuotere i suoi con la tripla del -10. La sostanza, però, non cambia: Renfroe sigilla il vantaggio degli ospiti, +13 a quattro minuti dalla fine.

SPERANZA OLIMPIA - Nonostante lo scarto, l'EA7 (trascinata dalla grinta del suo capitano) tenta la rimonta impossibile. Cinciarini ci crede, con lui tutta Assago. L'Olimpia si porta sul -5 grazie alla disperata tripla di Macvan. Abass ha tra le mani il possibile -3 ma il suo tap-in è fuori bersaglio, non c'è più tempo. Milano alza bandiera bianca, vince meritatamente il Barcellona. Non una bella serata di pallacanestro, poco spettacolo e molti errori. Nel finale esce Fontecchio per 5 falli, al 40' il tabelone luminoso dice 83 a 78 per la squadra di coach Bartzokas.

L'MVP secondo Pianetabasket.com: Ante Tomic (Barcellona)
​19 punti, 9 rimbalzi e 24 di valutazione per il lungo croato, dominante contro un McLean in grandissima difficoltà.


EA7 Milano-Barcelona Lassa 78-83
​(22-22, 23-19; 10-24, 23-18)
MILANO: McLean 8, Fontecchio 6, Hickman 5, Kalnietis 10, Raduljica 4, Dragic 5, Macvan 10, Pascolo 5, Cinciarini 11, Sanders 2, Abass 14, Cerella n.e. All. Repesa.
BARCELLONA: Munford, Rice 10, Claver, Faverani 9, Vezenkov 13, Eriksson 5, Oleson 4, Koponen 16, Renfroe 7, Tomic 19. All. Bartzokas.
NOTE: 9.688 spettatori.

Alessandro Palermo,
Inviato a Milano