EuroLega - Gara3: Il Real soffre ma vince col Darussafaka, Llull ruggisce nel finale

 di Alessandro Palermo  articolo letto 855 volte
Ayon sfiora la doppia doppia
Ayon sfiora la doppia doppia

Il Real Madrid espugna il campo del Darussafaka, portandosi avanti nella serie per 2-1. Adesso alla squadra di coach Pablo Laso basterà una sola vittoria per accedere alla Final Four, raggiungendo così Fenerbahce e CSKA Mosca. 88 a 81 il finale di Gara 3, il primo match point per il Real sarà ancora ad Istanbul. Di seguito la cronaca:

LA GARA
Il Real Madrid parte subito fortissimo, ben diverso dalle prime due gare della serie. I blancos, grazie ad una schiacciata di Gustavo Ayon, volano sul +14 (11-25) a due minuti e spiccioli dalla fine del primo quarto. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere: parziale di 6 a 0 del Darussafaka, con il Real che paga un Sergio Llull superficiale in cabina di regia. Ad interrompere la striscia dei turchi ci pensa Rudy Fernandez, l'uno su due in lunetta del madrileno chiude la prima frazione. 17-26 al 10'. Nel secondo quarto gli ospiti tentano più volte la fuga ma il Darussafaka risponde con gli assist di Brad Wanamaker: l'ex Pistoia confeziona un cioccolatino per Luke Harangody, il quale ringrazia e scarta il regalo del compagno, segnando una tripla preziosa. Tuttavia, poco dopo, la fuga del Real si concretizza grazie all'estro di Llull. Il fenomeno in maglia 23 bianca segna una bomba pesantissima, allo scadere dei ventiquattro secondi, cadendo all'indietro. Una mazzata per il Darussafaka, 27-41 al 17'. All'intervallo i locali rientrano negli spogliatoi sotto di tredici lunghezze: 33-46 al 20'. Nel secondo tempo Jaycee Carroll spara una pallottola dietro l'altra, portando i suoi avanti 64 a 47 grazie ad un sontuoso 5/5 da tre punti. Partita in discesa per il Real che, ad un minuto e mezzo dall'ultimo quarto, è avanti di diciannove (49-68). Scottie Wilbekin non ci sta, sua la tripla della speranza: 58-70 al 30', Darussafaka ancora in partita. Nella quarta frazione i turchi giocano con gli occhi della tigre, Wanamaker in avvio realizza la bomba del -9. Il Darussafaka scaldano la mano, Dairis Bertans fa addirittura -7 (68-75), il pubblico di Istanbul ci crede. La squadra di coach David Blatt si porta ad un solo possesso di distanza dal Real (74-77) ma nel finale, a deciderla, è sempre Llull, dopo una prestazione a tratti opaca. Di quest'ultimo il canestro della vittoria, quello che vale il +7 (81-88) a 50'' dalla fine. Una parabola perfetta che spazza via le speranze di vittoria - e probabilmente del passaggio del turno - del Darussafaka. Fondamentale, tanto per cambiare, anche il giovanissimo Luka Doncic, autore di un canestro pesante nel finale che ha permesso ai madrileni di tornare a due possessi pieni di distanza, dopo aver rischiato una clamorosa beffa. Finisce 88 a 81 per gli ospiti.

DARUSSAFAKA: Zizic 20 (7/8 da due), Wilbekin 18, Wanamaker 17 e 9 assist, Moerman 11 (1/4 da tre)
REAL MADRID: Carroll 21 (5/8 da tre), Ayon 18 e 9 rimbalzi, Doncic 13 e 8 rimbalzi, Llull 12 e 6 assist.


Cronaca a cura di Alessandro Palermo