Champions League - FIBA Europe ci mette un cauto entusiasmo, saprà accendere l'interesse dei tifosi?

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 494 volte
Champions League - FIBA Europe ci mette un cauto entusiasmo, saprà accendere l'interesse dei tifosi?

La nuovissima Champions League che parte stasera alle 18 con tre partite contemporaneamente comincia già con un grosso punto interrogativo: avrà successo? Certo parte senza alcuna delle migliori formazioni del Vecchio Continente - sono tutte di là con Euroleague ovviamente - tuttavia comincia con un bacino di utenza molto più ampio e delle potenzialità che possono essere vanificate prima di tutto da una offerta di prodotto scadente a livello di "trasmissione di immagine" un neologismo che vuole racchiudere l'ormai ricchissima multimedialità dell'offerta comunicativa.

Quattro italiane sui parquet d'Europa: Avellino e Sassari in campo stasera, rispettivamente contro i serbi del Mega Leks (18:30) e i polacchi dello Stelmet Zielona Gora (20:30). Poi domani Varese e Venezia, che incontrano le francesi Villeurbanne e Le Mans. In tutto saranno 40 squadre di 22 paesi al via, con 324 partite di un calendario che dura 7 mesi. Si giocherà il martedì ed il mercoledì, giorni in cui non vi sarà sovrapposizione con l’Euroleague. Il tabellone è composto da 5 gironi da 8 squadre, di cui si qualificheranno per il turno successivo le prime quattro e le quattro migliori quinte. Le vincitrici dei gironi e le tre migliori seconde avanzeranno direttamente agli ottavi, le restanti 16 si affronteranno in un mini tabellone di un solo turno (partita di andata e ritorno) che qualificherà agli ottavi di finale le 8 vincitrici. Le migliori 16 si contenderanno gli ottavi di finale, per poi procedere a quarti, secondo la formula di andata e ritorno. Le 4 vincenti prederanno parte alla Final Four che si giocherà tra il 28 ed il 30 aprile 2017. I pericoli principali sono la possibilità che si ripeta l'esperienza negativa della Suproleague, campionato organizzato dalla stessa FIBA nel 2000-2001, al termine del quale ci fu la convergenza verso l'Euroleague che aveva messo in campo la Uleb, pur mettendo in campo società di altissimo calibro in quei tempi come Olympiacos Pireo, Virtus Bologna, Real Madrid, Barcellona, TAU Vitoria e Benetton Treviso.