Festa grande al PalaCarrara per la The Flexx Pistoia

 di Alessandro Palandri  articolo letto 1658 volte
Festa grande al PalaCarrara per la The Flexx Pistoia

Porte del Palacarrara che tornano ad aprirsi per tifosi e curiosi: primo allenamento per la The Flexx Pistoia, che ha iniziato oggi la sua stagione. Roster quasi al completo, con gli americani già a Pistoia tranne Corey Hawkins, atteso in città domani. Sì, Coach Esposito ha dichiarato di essere entusiasta di come è andato il mercato e di come la dirigenza sia riuscita ad esaudire ogni sua richiesta: per il coach casertano la formula 5+5 ha già un suo sviluppo nei piani di gioco creati o appositamente in base alle caratteristiche dei singoli. 
Primi contatti con i tifosi per i nuovi arrivati e dimostrazione di affetto e di voglia da parte di tutti. La Baraonda Biancorossa non è sembrata certo aver accusato il gran caldo del palazzetto che con la prima parte a disposizione, come di consueto, ha iniziato a riscaldare le corde vocali con cori di benvenuto riportando così l' aria familiare che distingue il PalaCarrara, seppur in fase di make-up per la ristrutturazione in corso. 
Quasi 1500 tifosi sono accorsi quest' oggi per essere i primi a vedere i giocatori all' opera, e sfatare così dubbi e sogni. Grande attesa per vedere Marcus Thornton in azione e non avere paure per una ricaduta dell' infortunio che lo bloccò la scorsa stagione, ma ancora di più per il talento Terran Petteway: giocatore di cui si parla molto bene e sicuro protagonista del prossimo campionato di Pistoia. Coach Esposito si aspetta molto dal "Bad Boy" ventitreenne del Nebraska, per la sua personalità e carisma, soprattutto nei momenti salienti delle partite dove già da tempo è abituato a caricarsi di responsabilità: giocatore di striscia che riesce ad accendersi in ogni momento della partita, con ottime doti difensive. Luci dei riflettori puntati anche sul centrone Nathan Boothe, che seppur simile ad Alex Kirk, saprà stupire su altri fronti grazie alla sua migliore visione di gioco e alla velocità di piedi simile a quella di una guardia. 
Non potevano certo mancare i grandi abbracci calorosi con i giocatori già protagonisti  della scorsa fantastica stagione: Antonutti, Lombardi e Moore. Il primo molto probabilmente sarà premiato con la fascia di capitano, anche se Coach Esposito vuole aspettare i primi allenamenti per vedere l' approccio alla stagione dei singoli; minutaggio sicuramente simile a quello dello scorso anno per lui, nel quale Antonutti saprà dimostrare esperienza e ordine in campo. Eric Lombardi invece ha lavorato duro senza quasi interruzione estiva, per migliorare ancora dopo la conferma lo scorso anno di poter essere giocatore protagonista anche ai massimi livelli: grandi soddisfazione durante la stagione conclusa nel quale il ragazzo ha avuto un upgrade evidente, riuscendo a ricoprire i vari spot richiesti dal coach. Grandi aspettative per lui in casa The Flexx Pistoia. Ronald Moore di rientro quest' oggi da Philadelphia, è il primo americano Biancorosso ad essere confermato dopo ben sette stagioni (ultimo fu Elton Tyler nell' allora Carmatic) in cui il pacchetto giocatori d' oltreoceano veniva completamente rinnovato: ha lasciato dunque un bel ricordo nei cuori di tutti, e la sua grinta in campo saprà conquistare ancora i cuori dei tifosi. Anche per lui estate americana intensa fra camp di basket per bambini e associazioni no-profit, sui quali Ronald è molto attivo in collaborazione anche con il Siena Saints College di Albany, New York. 
Il suono della palla che rimbalza sul parquet è quello che ai tifosi manca ogni estate, e respirare l'aria del palazzetto è sempre terapeutico per tutti: nervi saldi, grande voglia di stupire ancora e divertimento nel giocare lo sport più bello del mondo, sono i primi risultati che Coach Esposito vuole raggiungere tutti insieme: società, coach, giocatori e pubblico remeranno tutti nella solita direzione sognando insieme almeno fino all' ultimo minuto della regular season, perché si sa, a Pistoia i playoff sono sempre l' obbiettivo nascosto nei cuori di tutti.