MERCATO A - Cantù, su Burns in tanti sull'albero a cantare

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1377 volte
MERCATO A - Cantù, su Burns in tanti sull'albero a cantare

La Pallacanestro Cantù edizione 2017-18, quella da figurine Panini con allenatore compreso, potrebbe essere una formazione dal grande futuro, con molti pregi e talento diffuso. Solo che le vicende societarie degne di un Sor Tentenna ci costringono a raccontare cose diverse. Christian Burns sta bene a Cantù, ha una bella casa, è stato pagato (come almeno tutti gli stranieri) e non ha alcun motivo, a oggi, di chiedere di essere ceduto. Però con un presidente assente come Dmitry Gerasimenko e silenzioso come la facente funzioni signora Irina ogni spiffero diventa tempesta, ogni venticello bora alla triestina. 

Così si deve registrare che Cremona l'abbia chiesto, disposta anche a versare un buyout. La condizione per la cessione dell'Azzurro vedrebbe però la necessità che i russi cedano le armi a una nuova proprietà che ne ricaverebbe quanto serve per diminuire i costi da qui a fine anno. Attenzione però: come si aprisse uno spiraglio per Burns sono pronte a gettarsi dentro Bologna e Reggio Emilia e allora ne vedremmo delle belle!