Lega A - Virtus Bologna, il commento di Alessandro Ramagli

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 210 volte
Fonte: via bolognabasket.it
Lega A - Virtus Bologna, il commento di Alessandro Ramagli

 Sala stampa con le dichiarazioni di Alessandro Ramagli al termine della gara persa per un pelo dalla Virtus Bologna con la Reyer Venezia: "Forse bastavano due tiri liberi per cambiare il risultato. Sono episodi. Nell’ultimo quarto non siamo riusciti a entrare nella loro area come avevamo fatto fino a prima, ma ci trovavamo di fronte ai campioni d’Italia e penso siamo stati sempre sul pezzo, parliamo di qualche tiro di troppo sbagliato ma abbiamo giocato con grande piglio e la voglia di fare l’impresa che abbiamo quasi fatto. Questa gara anche se persa ci deve far salire non scendere di consapevolezza più di altre giocate in precedenza. Sull’antisportivo posso dire che è stato un episodio, come possono essere altri che girano l’inerzia, ma sapevo che dopo l’intervallo le cose sarebbero cambiate, è la pallacanestro moderna, non si poteva pensare di averla chiusa lì, a prescindere dal fischio. Penso che ci siano più meriti della Reyer in questa vittoria, ha usato la pressione, ci ha costretto a violare i 24”, e tutto nei momenti decisivi. Io penso che fa parte del processo entrare in difficoltà in partite come questa con squadre più rodate. Abbiamo sbagliato diversi tiri anche ben presi, ma fa parte del gioco. Fra i nostri non vedo anelli deboli in questo momento, penso che tutti abbiamo dato il loro contributo positivo, dimostrando presenza. Certo un giocatore in più fa sempre comodo, ma non so se anche ci fosse stato avrebbe cambiato le sorti della gara.
Sono soddisfatto, non contento di quello che la squadra ha messo in campo. Ci è mancato qualcosa nel finale, un po’ di energia, ma abbiamo lasciato solo un punto, poteva venire da qualunque episodio. La partita di Trento è stata buttata, questa mi lascia solo il dispiacere di non averla vinta, ma nessun rammarico. ”Nei primi due quarti vincono i bimbi” si dice da me a Livorno. Questa sera è stato molto diverso."