Lega A - The Flexx Pistoia davvero sottotono si piega alle giocate di Cantù

The Flexx Pistoia 82 - Red October Cantù 93
 di Alessandro Palandri  articolo letto 889 volte
Lega A - The Flexx Pistoia davvero sottotono si piega alle giocate di Cantù

Stasera Pistoia si è trovato di fronte una Cantù ben organizzata e con tanti stimoli a proprio favore per fare bene. È arrivata infatti la prima vittoria sul parquet del PalaCarrara per la Squadra Canturina che mai negli ultimi cinque  anni aveva conquistato qui i due punti in palio. Per la The Flexx Pistoia sono mancati le pedine fondamentali per sopperire alla mancanza di McGee: Moore su tutti non ha dettato i tempi di gioco come abitualmente fa, Bond dalla sua ha trovato molte difficoltà a esprimersi in attacco e un difesa non ha saputo far valere la sua stazza, Sanadze davvero inconcludente e poco attento in più occasioni. Con una The Flexx Pistoia così in emergenza se non si rimettono in riga certi standard a livello tattico e mentale, Pistoia rischia di finire in una striscia negativa davvero pericolosa per la classifica. 

1  The Flexx Pistoia che cerca di iniziare la gara imponendo il proprio ritmo: non è cosa così facile però visto che Culpepper e Smith non hanno proprio intenzione di passare inosservati stasera. Crosariol fa la voce grossa sotto i ferri e giocarsela spalle a canestro non è ancora cosa fattibile per i lunghi Biancorossi. Red October Cantù ottiene il vantaggio e lo porta avanti fino alla sirena finale della frazione. 17-24

2 Rimessa da centrocampo e ancora ritmo di gioco a favore dei Biancoblu: 20-31 dopo 3 minuti di gioco con Pistoia in completa difficoltà a giocare di squadra anche per la serata no in cabina di regia di Moore. Cantù è brava a martellare dalla media e tenere la The Flexx Pistoia sempre a distanza di dieci punti più o meno. Markus Kennedy unico giocatore Biancorosso ad essere determinante. Duda Sanadze in serata davvero negativa entra ed esce dal campo velocemente non convincendo Coach Esposito; anche il nuovo arrivato Gordon, cerca di farsi trovare pronto ad ogni chiamata di Coach Esposito, mostrando una buona intelligenza tattica e tanta grinta da mettere in campo: a chiusura di primo tempo 34-50. 

3 Apre Cantù da sotto con Crosariol che scrive più venti sul tabellone dopo nemmeno un minuto di gioco: 34-54. Kennedy prova a tenere su la squadra ma i primi cinque minuti del quarto scrivono ancora 61-44 Red October Cantù, affievolendo le speranze di tutto il popolo Biancorosso. A due minuti dalla fine fallo e tecnico a Thomas che pare riaprire la gara: Pistoia segna dalla lunetta 3/3 ai liberi e dopo la rimessa riesce a rientrare  sul 55-65. Duda se ne doveva mettere uno importante stasera, è riuscito a segnare la tripla sulla sirena del quarto rimandando tutti agli ultimi dieci minuti di gioco, riaprendo la partita sul 63-70. 

4 Ancora la The Flexx Pistoia che con tutta l’ inerzia della partita a suo favore prova a respingere le offensive di Cantù. Per fortuna di Coach Esposito va a referto anche l’ assente fino ad ora Ronald Moore con due nelle triple che riavvicinavano ancora la The Flexx Pistoia: 74-77 si legge sul tabellone, quasi increduli dopo il più venti e un gioco non proprio esaltante. Basta però un minuto di confusione da parte di Pistoia per far riscappare Cantù e tornare sul 77-84 con altri quattro minuti di gioco, ma sopratutto con il pallino del gioco dalla sua parte ormai. Pistoia ha provato a giocarsela nell’ ultimo quarto, ma non è bastata la grinta e la voglia per impensierire i fuoriclasse Smith e Culpepper, che hanno martellato fino alla fine senza remore. Cantù ha tenuto botta agli attacchi di Pistoia che ha provato solo nell’ ultimo quarto a rimettere in piedi una partita davvero iniziata male: 80-87 ad un minuto dalla fine, ma le facce dei Biancorossi non lasciano sperare niente di eclatante. Un paio di passaggi sbagliati in contropiede fanno dissolvere le ultime speranze di tutti a Pistoia, con la sirena finale che sancisce il risultato finale di 82-93. 

 

Stasera la The Flexx Pistoia era chiamata a gran voce alla vittoria davanti al suo pubblico contro i rivali storici di Cantù e invece è andata proprio al contrario da ogni punto di vista. La squadra non ha risposto a tono alle scorribande Canturine subendo sin dalla prima azione: squadra disunita e poco organizzata è sembrata la The Flexx Pistoia di stasera. Per Coach Esposito a questo punto il lavoro sarà molto più intenso perché anche l’ appassionato Tifo Biancorosso per la prima volta dopo molti anni ha accompagnato la squadra al tunnel in un mare di fischi. Fischi che non vogliono essere certo una separazione o una protesta, ma per lo meno un incitamento a fare meglio perché se sugli spalti si perde la voce, in campo è giusto vedersi sbucciare i ginocchi se necessario. Nota positiva per Markus Kennedy che seppur contro un avversario ostico come Thomas e Crosariol ha messo a segno 26 punti e 8 rimbalzi. 

PARZIALI: 17-24, 17-26, 29-20, 19-23. 

MVP: Culpepper 36 punti con 10/17 al tiro. 

The Flexx Pistoia: Kennedy 26, Laquintana 8, Mian 8, Gaspardo 12, Onouha, Bond 4, Magro 2, Gordon 6, Sanadze 10, Moore 6. 

Red October Cantù: Smith 5, Culpepper 36, Cournooh 6, Parrillo 6, Tassone, Crosariol 13, Maspero, Raucci, Chappell 8, Burns 14, Thomas 6.