Lega A - Pistoia non regge il ritmo della Virtus Bologna e cede sul finale

 di Davide Trebbi Twitter:   articolo letto 867 volte
Lega A - Pistoia non regge il ritmo della Virtus Bologna e cede sul finale

Una partita maschia e molto nervosa ma la Virtus Bologna trova un importante e meritata vittoria contro una Pistoia Basket 2000 orfana di Tommaso Laquintana.

Terza vittoria di fila per la Segafredo dopo il 75-67 salendo all’ottava posizione in coabitazione con Sassari e Trento. 

Terza sconfitta di fila per la The Flexx che rimarrà a 8 punti in graduatoria. 

I bianconeri saranno più precisi al tiro (47% contro 37%) e condurranno la contesa 38 minuti e 18 secondi in vantaggio contro i soli 29 secondi dei biancorossi apparsi disattenti in difesa e spuntati in attacco nonostante i 4 rimbalzi conquistati in più a fine gara (35-31).

 

Buonasera dal vostro inviato Davide Trebbi direttamente dal Paladozza, dove per la tredicesima giornata del campionato di Serie A Poste Mobile, la Segafredo Virtus Bologna incontrerà in casa la The Flexx Pistoia 2000.

La Virtus parte forte in con una gran schiacciata di Slaughter sulla linea di fondo, Pistoia fatica a far canestro, così Gentile prima e Baldi Rossi in penetrazione completamente libera segnano il primo parziale di 6-1 interrotto subito da coach Esposito con il timeout al tre minuto di gioco (6-1).

La pausa farà bene ai viaggianti che recupereranno lo svantaggio con McGee da tre prima e Moore dopo in penetrazione (6-6) ma è in difesa che continuano le difficoltà, Aradori ne approfitterà cosi come Slaughter lasciato completamente libero nuovamente in area (17-8).

Pistoia in attacco riuscirà a trovare continuità prima con il solito McGee da fuori poi con Diawara riaccorcerà in attacco fino al -2 (17-15) ma sarà solo un caso, perche Lawson prima e LaFayette risponderanno da 3 punti, alla tripla del giovane Della Rosa e Ivanov e infine i liberi di Aradori diranno alla fine del primo quarto 25-20 per la Segafredo.

 

Rientrati in campo McGee riprenderà da dove aveva iniziato con una tripla e riportando i suoi sotto il possesso di svantaggio, Umeh entra nella gara con un bel canestro e la sfida tra Ivanov e Slaughter sarà interessante anche nel box score, Aradori con la tripla riporterà la Virtus sopra i 4 punti e coach Esposito chiamerà immediatamente minuto per fermare l’inerzia bianconera (32-28).

L’interruzione farà bene alla The Flexx portando due Lakers perse e dopo il canestro del solito Mcgee sarà stavolta coach Ramagli a fermare il gioco sopra nuovamente di soli due punti (34-32).

Della Rosa con la seconda tripla personale (34-35) darà speranza alla truppa toscana e primo vantaggio della partita ma sarà purtroppo un fuoco di paglia: Lawson e Stefano Gentile riporteranno subito la contesa su i binari bianconeri, nonostante l’altra tripla del solito Moore, con un grande Aradori che insieme ad un ombroso Alessandro Gentile diranno a fine primo tempo il vantaggio in doppia cifra (48-38) dopo i tanti errori al tiro dei biancorossi.  

 

Nella ripresa Pistoia entra subito nella gara spinti dalla grinta del suo coach e con un 10-2 di parziale con grande protagonista Ivanov e dopo la schiacciata di Gaspardo sarà subito coach Ramagli a richiamare i suoi in panchina dopo 3 minuti di gioco (50-48 al 23’). 

La nuova interruzione farà bene alla Segafredo perche nella prima azione della gara un alley opp tra Stefano Gentile e Marcus Slaughter (52-48) sarà un highlights della gara.

Nonostante questo i biancorossi si metteranno a zona e torneranno nuovamente a contatto con Ivanov protagonista della partita (54-52) ma sarà un tecnico ad un troppo nervoso Esposito a fermare la fisicità espressa fin qua in campo, cosi dopo i tre liberi messi da Umeh e la tripla di Moore sarà al trentesimo 57 a 55 senza ancora un vero padrone dell’incontro.

 

Ultimo quarto pioggia di triple per entrambe le squadre ma Ndoja sarà quello che tirerà l’ultima e sarà Esposito a fermare subito il gioco al 31’ (63-58).

La The Flexx ricorrerà alla zona 2-3 portando le consueti difficolta alla Segafredo e con Mcgee e Moore pronti a portare la contesa in parità (65-65), ma Ndoja nel momento del bisogno dall’angolo imbeccato da Ale Gentile troverà un importante tripla (68-65) e sarà pesantissima per gli ospiti da digerire, cosi Aradori allungherà ma nonostante i tanti rimbalzi recuperati non riusciranno più a rendersi pericolosi nell’incontro; Stefano Gentile con un libero segnato su tre a disposizione poteva dare la possibilità di rimonta, ma i toscani non ne avranno più e dopo i due liberi di Aradori sarà al quarantesimo 75-67.

 

25 punti e 7 rimbalzi per Aradori, 12 punti (5/6 al tiro) e 6 rimbalzi per Slaughter, saranno i protagonisti della vittoria. 

Dall'altro lato 16 punti  per McGee, 13 punti per Moore, 8 punti e 9 rimbalzi per Diawara, 11 punti e 6 rimbalzi per Ivanov purtroppo non basterranno per portarsi a casa questa partita.