Lega A - La Dinamo Sassari si inchina al break vincente della Vanoli Cremona

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 346 volte

La Dinamo Banco di Sardegna cede al PalaRadi contro la Vanoli Cremona: gli uomini di coach Pasquini tengono testa alla formazione lombarda per 30’ ma nell’ultimo quarto perdono le redini del match e permettono ai padroni di casa di infilare il break definitivo. I giganti non trovano il primo successo di campionato "on the road": domani mattina la squadra partirà per la Lituania dove mercoledì il Banco affronterà la Juventus Utena nel Game 5 di Basketball Champions League.

6°giornata di andata. Al PalaRadi si incontrano Dinamo e Cremona in un match carico di corsi e ricorsi. La rivalità tra queste due squadre affonda le radici nella Legadue quando queste due realtà si sfidarono nella finale playoff con in palio la promozione nella massima serie nella stagione 2008/2009. Ad accendere ulteriormente la sfida di stasera anche i tanti ex: per la prima volta i cugini Diener ritrovano insieme il Banco di Sardegna nelle vesti di avversari, con coach Sacchetti in panchina e anche Darius Johnson-Odom nel roster. Non sarà del match Rok Stipcevic rimasto in Sardegna per recuperare dall’infortunio.

La sfida. Coach Pasquini manda in campo Bamforth, Pierre, Jones, Hatcher e Polonara, coach Sacchetti risponde con Johnson-Odom, Martin, T.Diener, Sims e Melboure. I padroni di casa aprono le danze con un break di 5 punti firmati Sims e l’ex di giornata Travis Diener. I biancoblu si sbloccano con Shawn Jones in lunetta e Pierre in contropiede. Le due squadre si affrontano a viso aperto, botta e risposta tra il presente e il passato della Dinamo con il play di Fond du Lac e Scott Bamforth. Hatcher e Polonara si uniscono alla causa, il sorpasso dei sassaresi porta la firma di Darko Planinic in lunetta. I padroni di casa però chiudono la prima frazione con un parziale di 5 punti, Johnson-Odom in lunetta e la tripla di Portannese, per il 30-24. Nella seconda frazione si iscrive alla causa l’altro ex di giornata, Drake Diener, che punisce dall’arco. Reazione isolana con 5 punti di William Hatcher. Sims prova a far scappare Cremona ma Pierre dall’arco tiene i suoi a contatto. La bomba di Polonara scrive il sorpasso biancoblu: l’ala originaria di Ancona mette a segno la terza tripla di seguito. Sims infila il controsoprasso. Planinic dalla lunetta riporta la sfida in parità. Cremona trova l’allungo con Sims e Ricci, la preghiera di Spissu allo scadere si ferma sul primo ferro. Si va negli spogliatoi sul punteggio di 44-40. Al rientro dall’intervallo lungo si riapre la sfida: botta e risposta dall’arco tra Melbourne e un Polonara al 100% dall’arco. 4-0 firmato Martin per Cremona, la coppia Jones-Hatcher ferma l’emorragia. Il gioco da tre punti di Martin sigla il +6 lombardo. Il Banco risale la china con i canestri di Spissu e i liberi di Randolph e Planinic. È il centro croato in lunetta a firmare il 64 pari, Martin e Johnson-Odom chiudono al 30’ 68-64. Cremona prova a scappare via con Sims e Martin, non ci stanno i giganti che trovano in Randolph punti importanti per restare a contatto. La tripla di Portannese però scrive il vantaggio in doppia cifra, gli uomini di coach Pasquini provano a riportarsi in partita, ma la Vanoli infila un break da 14-2 che dice 91-72 con 2’ da giocare. Al PalaRadi scorrono i titoli di coda, il match si chiude 96-81.

Cremona 96 - Dinamo Banco di Sardegna 81

Parziali: 30-24; 14-16; 24-24; 28-17.

Progressivi: 30-24; 44-40; 68-64; 96-81.

Cremona. Johnson-Odom 14, Martin 20, Gazzotti 3, T.Diener 9, Ricci 3, Ruzzier 1, Portannese 8, Sims 14, D.Diener 3, Milbourne 21.  All. Meo Sacchetti

Banco di Sardegna. Spissu 2, Gallizzi, Bamforth 15, Planinic 11, Devecchi , Randolph 6, Pierre 11, Jones 5, Hatcher 15, Polonara 16, Picarelli, Tavernari. All. Federico Pasquini.

Sassari, 5 novembre 2017