NBA - Ettore Messina e The Vertical: un viaggio da Venezia a San Antonio

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 940 volte
Fonte: The Vertical
NBA - Ettore Messina e The Vertical: un viaggio da Venezia a San Antonio

Intervista a ruota libera, una lunga chiacchierata tra Adrian Wojnarowski di The Vertical e il suo ospite Ettore Messina, qualche giorno fa quando gli Spurs sono passati da New York durante il Rodeo Road Trip annuale. Assistente a San Antonio dal 2014, Ettore Messina, nella grande umiltà che lo caratterizza, si sente molto felice che gli Spurs gli abbiano offerto una seconda possibilità dopo che aveva rifiutato la loro prima chiamata, mentre era sotto contratto con il CSKA Mosca.

"Far parte dello staff Spurs è una reale opportunità per me. Da un punto di vista generale, sono stato in grado di confermare molte cose in cui ho sempre creduto nella mia carriera su come costruire una squadra. Dobbiamo fare le cose in modo professionale. Con passione. Senza prendersi troppo sul serio. Pop insiste molto su questo. Ma per mostrare il proprio carattere e dimostrare il proprio valore. Queste sono solo parole, ma il giocatore deve poi tradurle in comportamento. Si tratta di una visione che ho sempre condiviso."

Gregg Popovich è sempre un maestro. "E' l'altro aspetto della mia esperienza. Come gestire una squadra con un calendario molto stretto, con poco tempo per la formazione. E sviluppare le qualità che Pop possiede: sa esattamente cosa deve fare la squadra in un momento preciso. Sia durante un discorso prima della partita, o una sessione video dopo la partita, in allenamento o in shootaround. Bisogna sempre ottimizzare il tempo che si trascorre con i giocatori ma senza usare gli stessi, è un iinsegnamento qutidiano."

Rapporti. "In Europa, le cene sono anche molto importanti. In tutti i club italiani, si va sempre a cena insieme dopo le gare  come Pop fa con gli Spurs quando si è in movimento e siamo fuori casa diversi giorni. Situazioni al di là di basket. Il rapporto tra giocatori e allenatori, tra i giocatori ...  va al di là di vittorie e sconfitte. Non è solo quello che facciamo sul campo. Si arriva a conoscere la persona dietro il professionista. Perché di solito si parla solo raramente di basket in queste cene. C'è una vita accanto al basket, ci sono le amicizie, le cose più importanti. "

Un italiano che non è coinvolto nel calcio, per gli americani è una rivelazione. come ha fatto? "E' molto semplice. Sono cresciuto a Venezia. Ho vissuto sulla Terraferma e il mio insegnante di educazione fisica a scuola era anche l'allenatore della squadra di Venezia. A quel tempo, gli allenatori erano così mal pagati che dovevano avere un secondo lavoro. Così, abbiamo giocato a basket ogni giorno con lui. E la domenica, andavamo a vedere le partite. Il campo d'allenamento era un po' come Le Palestra [che gli Spurs hanno visitato di recente a Philadelphia, nota], una ex chiesa trasformata in una palestra. E poi c'erano molti campi all'aperto, una peculiarità di Venezia. E invece di giocare a calcio, abbiamo giocato a basket."

Manu Ginobili, Antoine Rigaudeau per Ettore Messina a Bologna. "Pochi lo sanno, eppure oggi ne rido con lui, ma Manu non era la nostra prima scelta. La Virtus Bologna era un club molto ben organizzato con un sacco di titoli e Manu era in un piccolo club, Reggio Calabria. Lui cresceva, ma noi trattavamo un internazionale italiano che alla fine ha firmato per la nostra rivale, la Fortitudo Bologna. Così Manu è diventato il nostro obiettivo. Ed è stata crescita a rotta di collo lui era uno molto competitivo. il nostro piano era di farne il cambio di Sasha Danilovic, il grande giocatore serbo. Ma Danilovic decise di andare in pensione e Manu è finito in quintetto. Non è stato subito tutto facile: nella prima partita di EuroLeague in Grecia perdemmo sulla sirena e Ginobili giocò così e così. Ma sei mesi dopo, era l'MVP delle finali. Questo è quello che mi impressiona di più di lui. Onestamente non pensovo però che potesse avere una carriera nella NBA come quella che ha fatto. Un ottimo giocatore, ma quattro volte campione e la Hall of Fame quando smetterà non era immaginabile. Ma non conoscevo molto bene la NBA né gli Spurs, di cui è un pilastro come lo sono stati Robinson e Duncan."