Menetti: «Reynolds non è il classico matto, è soltanto emotivo»

 di Alessandro Palermo  articolo letto 1379 volte
foto IASENZA
foto IASENZA

Desio, conferenza stampa post MIA Cantù-Grissin Bon Reggio Emilia. Dopo i sorrisi e gli applausi per Charlie Recalcati, è il turno di coach Max Menetti. All'allenatore biancorosso abbiamo posto una domanda, ecco la sua risposta in merito:

«Come mai Reynolds è sempre nervoso? E' un giocatore emotivo ma non è il classico matto, è un ragazzo d'oro. E' evidente che in questo momento deve ancora capire in che realtà si trova, con tutto il rispetto per Recanati ma Reggio è un'altra cosa. E' un ragazzo giovane che si fa prendere dalla foga, Callahan ad esempio l'ha capito subito ed è riuscito a togliere Jalen dalla partita».

Alessandro Palermo,
Inviato a Desio