BBL - Andrea Trinchieri a Foxsports "Bamberg? Affetto, passione mi ricorda un poco Cantù"

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 313 volte
BBL - Andrea Trinchieri a Foxsports "Bamberg? Affetto, passione mi ricorda un poco Cantù"

All’interno dello speciale ‘Che fatica la vita da Bamberg, a cura di Emanuele Corazzi, messo in onda ieri sera alle 23.00 su Fox Sports (canale 204 di Sky) e in replica oggi 18 novembre alle 17.00 e sabato 19 novembre alle 12.00, è passata l’intervista integrale al coach ex Cantù Andrea Trinchieri. Eccone alcuni passaggi:

Qual è l’obiettivo di Bamberg?

“Fare le cose per bene senza lasciare indietro la parte umana del processo. Migliorare i giocatori per migliorare il prodotto finale”.

 

Valgono ancora i paragoni con il Borussia Dormund e l’Atletico Madrid?

“Si ma i paragoni sono come il pesce, durano due giorni poi puzzano. Bisogna sempre cercare di trovare qualcosa di nuovo. Il taglio che stiamo pendendo è abbastanza specifico e non so dirti a chi ci possiamo paragonare o forse qualcuno si paragonerà con noi. Per affetto, passione smisurata questa città mi ricorda un po’ Cantù”.

 

Ti capita di prendere ispirazione da altri sport?

“Ogni sport ti può insegnare qualcosa. Ad esempio il tennis esalta la capacità di concentrazione. Adoro la capacità dei grandi tennisti di condensare tutto il talento nella concentrazione”.

 

La tua passione per il Milan?

“Ho vissuto gli anni più belli del Milan. Andavo col mio babbo a vedere tutte le partite del Milan e ho visto tutte le finali di Champions. La partita che ho più nel cuore è Milan-Steaua perché ero giovincello ed è stata un’apoteosi. C’era un gioco incredibile, con giocatori come Van Basten e Rijkaard. Non si può cestinare qualcosa di grandioso solo perché le cose ora non vanno bene. Questa squadra di adesso fa fatica per una serie di motivi. Baresi, Maldini, il club è lo stesso, non riesco ad avere rabbia ma solo dispiace e spero che si tornerà a dare quel tipo di emozioni: non vedo questa possibilità dietro l’angolo ma tutti gli sport sono fatti di cicli”.