NBA - Paul George e i Thunder si lamentano dei pochi fischi a favore

27.02.2018 12:26 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 207 volte
NBA - Paul George e i Thunder si lamentano dei pochi fischi a favore

LeBron James ha gettato il sasso nello stagno (qui) e l'acqua si è davvero increspata, perché tutti pensano di aver diritto di dire la propria. Il tema sono i pochi fischi a favore che prenderebbe in rapporto alle numerose penetrazioni al ferro che fa ad ogni gara. Così di rimbalzo, Paul George si è accodato spiegando ad ESPN che è lo stesso metodo con cui gli arbitri maltrattano Russell Westbrook, Carmelo Anthony e lui stesso: "Siamo molto aggressivi, attacchiamo costantemente il canestro. Almeno uno di noi tre dovrebbe avere il beneficio del dubbio. Ma sul campo, nessuno ottiene i fischi a favore. Tuttavia, continuiamo ad attaccare, ad essere aggressivi. È il nostro lavoro, fare pressione su di loro. Prima o poi funzionerà."

Seguono dotte disquisizioni sul fatto che i tre giocatori di Oklahoma City ricevono meno fischi e tiri liberi a favore di una anno fa, nonostante due di loro - Anthony ha accettato un ruolo più defilato in questa stagione - attacchino il ferro con la stessa costanza. E Billy Donovan, il loro coach, copre le spalle: "I giocatori sono aggressivi ma mancano i fischietti, tutto qui. Paul causa errori ma non va sulla linea dei liberi. Non sto cercando di ottenere un fischio per ogni azione, ma quei due (George e Westbrook), a mio parere, devono avere più tiri liberi per il numero di penetrazioni che fanno."