Coppa Italia - Archie illude, Kaukenas e Della Valle beffano l'Orlandina

 di Alessandro Palermo  articolo letto 1400 volte
foto IASENZA
foto IASENZA

E' la Grissin Bon Reggio Emilia la prima ad accedere alle Semifinali di Coppa Italia. I biancorossi allenati da coach Max Menetti sconfiggono 63 a 61 la Betaland Capo d'Orlando, dopo un finale di partita emozionante fino all'ultimo respiro. Ai siciliani resta soltanto l'amarezza, per aver sfiorato il colpaccio. A due minuti dal termine, infatti, i "paladini" erano avanti 61 a 56 ma Kaukenas e Della Valle hanno poi piazzato un micidiale parziale di 7 a 0, che ha lasciato l'Orlandina con un pugno di mosche. Di seguito la cronaca del match:

STRAPPO REGGIANO - A rompere il ghiaccio ci pensa Iannuzzi, con due canestri in fila che permettono all'Orlandina di portarsi sul 4-0. E' sempre Iannuzzi a sentirsi particolarmente caldo, la tripla del giocatore campano però è preda dei fischi: airball. Ci pensa allora Needham, con una tripla, a scaldare la gelida atmosfera del Polo Fieristico di Rimini. La Grissin Bon incominica a carburare, 7-4 dopo cinque minuti. Dopo un avvio a marce basse, la Reggiana sale di giri grazie al veterano Kaukenas. Proprio quest'ultimo - il più acclamato alla presentazione delle due squadre - firma l'allungo biancorosso, portando i suoi sul 14-9.

REAZIONE ORLANDINA - Della Valle, dopo aver stoppato un ingenuo Delas, ha tra le mani la palla del potenziale +8 ma la sua tripla finisce fuori bersaglio... e di molto. Dalla possibile fuga della Grissin Bon, al pareggio di Delas. 14 pari che, nei secondi finali del quarto, si trasforma nel controsorpasso della Betaland. Un canestro di Perl, da due, consente ai siciliani di chiudere avanti 16-14 dopo i primi dieci minuti.

BATTAGLIA VERA - Nella seconda frazione si combatte su ogni pallone, con i protagonisti in campo che non hanno paura di sbucciarsi gomiti e ginocchia. Le due squadre si rispondono punto su punto, fino al mini parziale firmato da De Nicolao: 5-0 del playmaker ex Varese, Grissin Bon avanti 30 a 27 al 18'. Time out obbligato chiesto da coach Di Carlo. All'intervallo lo score dice 35 a 33 per Reggio Emilia ma Capo d'Orlando è viva, trascinata da un buon Iannuzzi (9 punti e 4 rimbalzi alla pausa lunga).

TRIPLE - Pronti, via. Al rientro in campo Della Valle prova a rendere omaggio a Basile (premiato da Gianni Petrucci prima della palla a due), ma la tripla "ignorante" del classe '93 si spegne sul ferro. Ad inaugurare la sagra delle triple ci pensa Diener, al quale però Aradori prima e Della Valle poi, rispondono con la stessa moneta.

NERVOSISMO - Reynolds perde la testa, prendendosi un antisportivo ed un fallo tecnico nel giro di pochi secondi. Coach Menetti richiama prontamente il suo discepolo in panchina, con l'ex Recanati che non riesce a calmarsi. A farne le spese i tabelloni pubblicitari, presi i calci dal lungo biancorosso.

AIRBUS ARCHIE - Archie prende il volo. L'ala di Richmond prima schiaccia, poi si precipita dall'altra parte del campo per stoppare Cervi, lanciato in contropiede. I tifosi siciliani presenti in tribuna esultano, l'Orlandina va che è un piacere: 52-58 al 35'.

IL FINALE - Archie è on fire, sua la tripla del +5 (56-61). Needham, da oltre l'arco, ridà speranze alla Grissin Bon per gli ultimissimi minuti. Il resto lo fanno Kaukenas e Della Valle, protagonisti della rimonta reggiana con canestri pesanti. Ancor più pesanti i liberi messi a segno dal solito Della Valle, 2 su 2 e rimonta completata. Finisce 63 a 61 per Reggio Emilia, capace di ribaltare tutto con un parziale di 7 a 0. Capo d'Orlando beffata sul più bello.

REGGIO EMILIA: Aradori 11, Needham 6, Polonara 3, Reynolds 7, Della Valle 9, De Nicolao 6, Strautins 0, Kaukenas 8, Cervi 10, Williams 3. All. Menetti
CAPO D'ORLANDO: Galpò, Zanatta, Tepic 2, Iannuzzi 9, Laquintana 3, Perl 7, Nicevic, Delas 10, Diener 8, Ivanovic 6, Archie 14, Stojanovic 2. All. Di Carlo​


Cronaca a cura di Alessandro Palermo,
Inviato da Rimini