A2 F - Pordenone va ko in casa del Sanga Milano

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 79 volte
A2 F - Pordenone va ko in casa del Sanga Milano

Brinda il Sanga che festeggia il compleanno
battendo con autorità Pordenone, onora la memoria del grande Aldo
Giordani e di riflesso la moglie (92 anni) Francesca Cipriani,
campionessa di basket. Insieme Coach Giordani e la moglie hanno vinto
uno scudetto con l’Indomita Roma. Un omaggio alla figlia Claudia,
celebre campionessa della valanga rosa negli anni’70, rappresentante di
una famiglia di veri sportivi.  Gara non facile per le Orange, le due
nette sconfitte con Vicenza ed Udine avevano minato la convinzione delle
ragazze di coach Franz Pinotti. Dopo un primo tempo con qualche errore
di troppo nella ripresa Ponte Casa d'Aste d'assalto, Guarneri è la
solita guerriera, Novati e Grassia si battono in area colorata, la vera
sorpresa è un'intraprendente Quaroni che amministra la regia da
veterana. Sabato si volerà ancora in Sardegna, la sfida con Cus Cagliari
può mettere di nuovo le ali a Canova e compagne.

CRONACA – E' un Sanga assai diverso in avvio rispetto alle partenze ad
handicap delle ultime due uscite. Guarneri è il motore del primo break
delle padrone di casa, la lunga novarese è un vero demonio a rimbalzo
d'attacco, 11-3. Pordenone reagisce dando spazio alla stella Madera, la
lunga di scuola Reyer piazza il break che riporta in parità la sfida a
quota 12. Arrivano i falli prematuri di Pozzecco, l'assenza di Rossi
regala spazio e minuti a Quaroni. La giovane regista Orange incanta per
personalità e controllo, 20-14 al termine della prima frazione. Può
scappare il Sanga ma qualche banale errore da sotto limita la fuga
milanese che non valica i 9 punti, le friulane ricuciono con Smorto
prima della pausa lunga, 34-30. Dopo l'intervallo continua l'inerzia di
Togliani e compagne, ancora Smorto dall'arco mette la freccia, 37-38.
Non si perde d'animo Il Ponte Casa d'Aste, una fiammata di Grassia,
l'esperienza e la difesa di Canova ed ancora la meravigliosa incoscienza
di Quaroni nel parziale che rimette Milano al comando, 51-41 alla
penultima sirena. Martelliano sale ancora di colpi in difesa per dare
l'ultima spallata alla gara, c'è spazio per le triple di Novati e
Pozzecco che dilatano il margine, la bomba finale di una positiva
Trianti regala il più 21 proprio sulla sirena, 71-50.
PINOTTI: “ Per prima cosa vorrei spiegare la grande esultanza per la
tripla finale di Trianti. Bomba che ci ha permesso di superare quota 71,
le ragazze volevano fare un regalo al nostro vice allenatore Luigi
Cesari che compiva oggi 70 anni valicando questa quota in partita.
Missione compiuta direi. Grande prova collettiva di tutte ma oggi mi
piace sottolineare la grande prova delle nostre U20, la classe '98 ha
spaccato la partita, Grassi, Novati ma soprattutto Quaroni ha fatto una
gran bella gara. C'è da recuperare qualche senior, in particolare
Pozzecco, che adesso deve guardarsi le spalle vista la concorrenza di
questa Quaroni ed, al rientro, di Giulia Rossi. Siamo felici di aver
festeggiato il nostro compleanno (i 18 anni del Sanga) e di aver onorato
il grande Aldo Giordani (scomparso 25 anni fa) attraverso la consegna di
un omaggio floreale a sua figlia Claudia”.
IL PONTE CASA D'ASTE MILANO VS – G&G INTERNATIONAL 71-50 (20-14, 30-30;
51-41)
Milano: Pozzecco 6 (0/1, 2/3), Martelliano 11 (3/7, 1/3), Canova 6 (1/7,
0/2), Picotti 7 (3/4, 0/1), Guarneri 15 (6/9); Novati 7 (2/9, 1/3),
Giulietti , Grassia 8 (3/5), Trianti 5 (1/2, 1/2), Quaroni 6 (1/3, 0/1).
All. Pinotti.
Pordenone: Smorto 14, Zecchin 11, Madera 8, Stangherlin 6, Togliani 5,
Maniero e Grattini 3. All. Bonivento
Tiri da 2: M 20/48, P 14/42; tiri da 3: M 5/15, P 4/14; tiri liberi: M
16/23, P 10/21; rimbalzi: M 47 (off 20, Grassia 9), P 38 (off 16, Smorto
11); assist: M 20 (Martelliano 5), P 10 (Togliani 4).