A2 F - La Virtus Cagliari con i primi due punti, sconfitta Civitanova

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 97 volte
A2 F - La Virtus Cagliari con i primi due punti, sconfitta Civitanova

Bella, ma soprattutto meritata, la prima vittoria stagionale della Virtus Surgical Cagliari che, questo pomeriggio davanti al proprio pubblico ha battuto il Civitanova Marche con il punteggio di 61-57.  L’abbraccio generale a fine incontro, tra ragazze, tecnici, staff e dirigenti è il giusto epilogo per quanto è accaduto nei 40’ di partita. Una gara vinta nei minuti finali, grazie alle triple di Markovic e Orsini. Loro hanno firmato il successo ma tutto il gruppo (coach Ferazzoli e Calandrelli comprese) merita il 10 e lode per come ha condotto la sfida; lottando su ogni pallone, soffrendo, recuperando anche parziali pesanti, ma mai dando l’impressione di volersi arrendere.

La Virtus ci ha creduto, ha buttato anima e cuore su ogni centimetro del parquet di via Pessagno e alla fine ha ottenuto il giusto premio. Iva Georgeva, anche oggi è stata perfetta (o quasi). Tradita solo dal tiro da tre e da qualche fallo di troppo che l’ha costretta anzitempo alla panchina, la guardia bulgara ha fatto letteramente impazzire la retroguardia avversaria. Coach Ferazzoli ha chiesto e ottenuto il massimo dalla squadra e alla fine anche lei ha gioito e saltato come una bimba, perché il lavoro fatto nelle scorse settimana ha dato finalmente i giusti risultati. Cagliaritane che hanno fatto decisamente meglio sotto le plance riuscendo a prevalere sui centimetri avversari (42 contro 38).  Bene nel tiro da due. Georgeva e compagne hanno chiuso con il 46% (20 su 43) contro il 41% delle ospiti (23 su 56). Nel tiro pesante solo tre triple (due sicuramente decisive) su 14 tentativi. Meglio, decisamente meglio del Civitanova che di tiri pesanti neppure l’ombra (0/11). C’è da lavorare invece dalla lunetta. Poco precise questo pomeriggio le cagliaritane che hanno chiuso con il  57% (12 su 21) contro il 68% delle avversarie (11 su 16). Ma poco importa. Dopo quattro giornate la classifica finalmente si è mossa ed è certo di buon auspicio per il futuro.

 

La partita. Buon avvio della Virtus che sfrutta le iniziative di Markovic e Orsini per andare subito sul 7-2. La squadra di Ferazzoli è un tantino sfortunata, in quanto, costruisce tanto, lotta, tira ma la palla in diverse occasioni non riesce ad entrare. Dall’altra parte dopo il balck out iniziale si comincia a giocare (10-5 al 6’). Civitanova appare più decisa in questa frazione. La Virtus rimane a guardare e in un “amen” le avversarie piazzano un break di 14-0 , passando in testa e andando alla prima sirena sul 19-10. 

Comincia la rimonta con Georgieva e Raiola (19-14) anche se il Civitanova fa di tutto per impedire alla Virtus di “vedere” il canestro. La bulgara ci mette tanto entusiasmo (commettendo anche falli), quello che permette alla Virtus di portarsi a 2’ dalla sirena del riposo a-2 sul 23-21. Le ospiti però non demordono e in pochi minuti riescono ad allungare e andare alla sirena del riposo sul 31-24.

Al rientro Georgieva e Markovic riaprono le danze realizzando 5 punti di fila (33-29’).  La squadra ospite però non si fa intimidire e, sfruttando qualche ingenuità difensiva delle cagliaritane riesce a trovare il nuovo allungo (43-33 al 25’). Nel finale si scatena Georgieva, brava a trovare la via del canestro e a portare la Virtus, alla terza sirena a -4 (45-41).

Negli ultimi 10’ sale in cattedra Orsini. Geogeva a 7’ e 37 commette il 5 fallo (47-45 per Civitanova). La squadra però non cede e rimane in partita grazie alle iniziative di Raiola e Orsini. Al 35’ arriva il pareggio con Markovic (51-51) e a questo punto le due squadre vanno a braccetto. A 1’ e 37 è ancora parità (55-55) ma arriva la tripla di Orsini a far scaldare pubblico e panchina cagliaritana. E’ il vantaggio della Virtus (58-55), nel ribaltamento il Civitanova realizza (58-57), ma subito dopo Markovic è glaciale quando, a 7 secondi  dal termine prende la mira e dai 6.75 piazza la tripla che fa saltare in aria tutto l’impianto cagliaritano. Una tripla che vale oro, un tiro pesante che regala alla squadra di Iris Ferazzoli il primo successo dopo quattro turni di campionato.

 

IL COACH. “Le ragazze ci hanno creduto per tutti i 40’, nonostante gli errori. La squadra mi è piaciuta, mi è piaciuto il “gruppo” che non si è mai arreso. Ricordiamoci che sono ragazze giovani alle loro prime esperienze in un campionato nazionale. L’uscita per falli di Georgieva ha complicato la situazione, ma anche in questo caso le altre compagne hanno, in qualche modo sopperito alla mancanza della ragazza bulgara, difendendo, aiutando e anche segnando. Devo ammettere che sono soddisfatta per la vittoria, ma ancor di più per quello che hanno dato questo pomeriggio le ragazze isolane. Tutte hanno dato un valido contributo e sono felice di questo risultato. Ora è arrivata la prima vittoria e sono certa che d’ora in poi le ragazze avranno un atteggiamento diverso e scenderanno in campo con tanta voglia di fare e, speriamo di vincere”.

VIRTUS SURGICAL CAGLIARI-INFA FEBA CIVITANOVA MARCHE 61-57

VIRTUS SURGICAL: Sorrentino, Raiola 8,  Georgieva 22, Markovic 10, Orsini 21, Vargiu, Meli, Podda, Pellegrini, Puggioni, Pastena, Mancini. Allenatore: Iris Ferazzoli.

INFA FEBA CIVITANOVA: Rosier 12, Perini 12, Bocola 9 Mataloni 9, Ceccarelli 3, Orsili 8, Trobbiani 4, Marinelli, Stronati, Paoletti. Allenatore: Alessandro Matassini.

PARZIALI: 10-19; 14-12; 17-14; 20-12.

ARBITRI: Matteo Spinelli e Gianluca Cassiano di Roma.