A2 F - Il Sanga cede a Crema nell'ultimo quarto

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 64 volte
A2 F - Il Sanga cede a Crema nell'ultimo quarto

Sfiora l’impresa il Ponte Casa d’Aste a Crema,
ma non basta un ottimo primo periodo per sbancare il campo della Tecmar
che si conferma una delle avversarie più ostiche per il Sanga. Si chiude
a 3 la striscia positiva, ora due turni casalinghi: Albino prima di
Natale e Villafranca all’Epifania.

LA GARA
E’ subito fuga per il Sanga: 0-9 dopo 3′, doppia cifra di margine
siglato da una tripla di Maffenini (8-19 al 9′) e addirittura +13 a fine
primo periodo, con la coppia Maffenini-Picotti che realizza 16 punti, ma
è soprattutto dietro che la squadra di Pinotti costruisce l’allungo,
dominando a rimbalzo (14-9) e tenendo le avversarie al 30% al tiro.
Crema argina il momento di difficoltà con un 10-2 nei primi 5′ del 2°
quarto, mettendosi a zona dietro per togliere ritmo alle Orange; un
provvidenziale 5-1 prima di arrivare all’intervallo consente di
mantenere solido il vantaggio (23-30 al 20′) ed anche nel 3° periodo, a
ritmi ancora più bassi, il Ponte Casa d’Aste tiene il comando delle
operazioni fino al 30-36 al 28′. Lì gira la partita: 7-0 di Crema, ma è
pesantissima la tripla di Mandelli che chiude il periodo e costringe il
Sanga ad inseguire per la prima volta in tutta la partita. Non mancano
le occasioni per riaprire i giochi, ma dopo il canestro di Canova del
39-38 Crema piazza un altro allungo (48-40 al 36′) e controlla una
rimonta possibile ma non completata del Sanga, che arriva fino al 50-46
al 38′ con una fiammata di Maffenini.

COACH PINOTTI: “Occasione non sfruttata e partita che possiamo dire
buttata via; abbiamo avuto un ottimo inizio, volando anche a +13 con
Maffenini e Picotti, la più continua per noi, ma nei quarti centrali
abbiamo iniziato a commettere errori banali, consegnando praticamente
l’inerzia della partita a Crema. Non possono bastarci le prove di un
paio di ragazze, così come il poco apporto che ci arriva dalla panchina.
Molti ci hanno fatto i complimenti per l’ottimo inizio e detto che non
meritavamo di perdere, ma vince chi segna un canestro in più
dell’avversario.”

TEC-MAR CREMA-IL PONTE CASA D’ASTE MILANO 56-51 (10-23, 23-30, 37-36)
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Pozzecco 5 (1/3, 1/3), Canova 4 (2/3, 0/4),
Maffenini 17 (5/12, 1/7), Picotti 9 (3/6, 1/3), Guarneri 3 (1/3); Novati
3 (1/3, 0/3), Martelliano 2 (0/6, 0/2), Rossi 2 (1/4, 0/1), Giulietti 1
(0/1), Trianti, Grassia (0/1), Perini ne. All. Pinotti.
Tiri da 2: 14/41, tiri da 3 3/23, tiri liberi 9/14, rimbalzi 37 (Picotti
10), recuperi 13 (Maffenini 4), assist 4 (Maffenini 3).
CREMA: Nori 10, Capoferri 2, Caccialanza 13, Parmesani 4, Rozzi 9,
Mandelli 10, Benic 3, Togliani, Visigalli ne, Cerri ne, Rossi ne, Moro
ne.