A2 F - Il Geas soffre un poco, ma passa anche a Udine

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 99 volte
A2 F - Il Geas soffre un poco, ma passa anche a Udine

Sesto ottiene due punti contro Udine, in una gara quasi sempre condotta, ma riaperta dalle organizzate padrone di casa, dopo un importante break nella fase centrale della partita che pareva decisivo. Pur con qualche pausa di troppo, il Geas ha risolto con due armi principali: una gran Galbiati e il contropiede primario, che ha fruttato decine di punti. Primo quarto combattuto: dopo 5’ il Geas allunga sul +6, ma è ripreso dalle avversarie, che chiudono sopra di 2 punti. Nella seconda frazione, dopo 3’, Udine tocca il massimo +3, ma trova la risposta delle rossonere, che si staccano: la difesa contiene meglio gli efficaci tagli nel pitturato delle friulane e in attacco le cose funzionano. All’intervallo è +11 per il Geas, dopo un parziale di 11-0, che si dilata ancora nei primi minuti della ripresa, fino al 15-0. Ma a quel punto, Udine è lesta a sfruttare il blackout di Sesto, che perde palloni sanguinosi in serie nell’avvio delle manovre offensive, e le ragazze di Amalia Pomilio si rifanno sotto con un contro-break che le porta fino al -2. Nell’ultimo tempino il Geas si affida totalmente ad una scatenata Virginia Galbiati, di nuovo ai suoi massimi livelli, che trascina il gruppo con due triple e un gioco da tre punti in 4’, rimettendo la partita in ghiaccio. Sesto torna a +13 a 2’30’’ e a quel punto è fatta.

Vittoria importante per le sestesi, che dimostrano di saper ritrovare lucidità dopo momenti di oscuramento totale. La difesa non convince nei primi 13’, ma ritrova tempra e ordine tra secondo e terzo periodo. Regina della serata Virginia Galbiati, con 25 punti (9/18 da due e 3/6 da tre, 4/4 ai liberi), 5 rimbalzi, 3 assist, 25 di plus/minus e 26 di valutazione in 27’ di utilizzo. Protagonista della prima parte di gara Bea Barberis, con 13 punti (9 nel primo quarto), con 4/7 da due, 1/2 da tre, 3 steals e 13 di valutazione. Bene anche le lunghe Veronica Schieppati (8 punti, 12 rimbalzi, 3 palle recuperate, 3 assist e 21 di valutazione) ed Elisa Ercoli (11 punti, 9 rimbalzi, 4 stoppate, 3 assist e 23 di valutazione). Strenua nella tenuta difensiva, capitan Giulia Arturi, con 9 punti e 4 assist e una vagonata di tenuta mentale nel finale. Il Geas mantiene la vetta della classifica e i 4 punti di vantaggio su Costa Masnaga, mentre cadono Crema e Vicenza (rispettivamente ad Albino e in casa contro Sanga), che cedono il quarto gradino in solitaria a Castelnuovo.

Ottima figura della Delser Udine, che mostra buona circolazione di palla e movimenti efficaci in area. Ritrovata l’ala croata Blazevic, con 11 punti e 6 rimbalzi dalla panchina. Top scorer con 14 punti Vicenzotti e Da Pozzo, che aggiunge anche 9 rimbalzi.

Prima della gara il presidente della Fip Friuli, Adami, ha premiato tre rossonere: Barberis, Ercoli e Gambarini erano parte della nazionale Under 20 che ottenne la medaglia di bronzo agli europei Under 20 del 2014 proprio sul campo di Udine, nella finale terzo-quarto posto vinta contro la Serbia.

 

COACH ZANOTTI – “Stasera la nostra prestazione non è stata all’insegna della continuità, aspetto che ci aveva sorretto su altri campi, ad esempio a Costa Masnaga. Lungo i quattro quarti si sono visti alti e bassi: uno dei motivi è stata la difficoltà di gestione dei cambi. Nel primo periodo il nostro attacco ha lavorato egregiamente, ma non è stato supportato da un’adeguata fase difensiva. Quando la difesa ha cominciato a funzionare, abbiamo avuto poche occasioni in attacco. Abbiamo dovuto alternare varie difese dal momento che la uomo iniziale non ha dato i suoi frutti. Udine è una squadra pericolosa, molto ben allenata e organizzata: è un gruppo efficace che sa ferire in più modi. Sono soddisfatta dei due punti ottenuti questa sera: era una trasferta dall’alto tasso di difficoltà”.

 

CRONACA – Schieppati si iscrive alla gara con un suo tipico piazzato; è poi Galbiati ad appoggiare al vetro su assist di Arturi. Con 7’25’’ da giocare Barberis fa centro dall’arco: ancora Bea trova poi 2 facili da sotto su passaggio di Ercoli. 2’ dopo si ripete la stessa azione: Ercoli trova il taglio di Barberis che non sbaglia (+6). Vicenzotti segna da tre, ma le risponde Arturi, sempre dai 6,75. Con Da Pozzo e Rainis, Udine rimonta fino al +2, poi Bea segna 2 con un tiro in sospensione. A 1’ dalla fine Blazevic riporta le sue in vantaggio.

Ercoli segna da sotto; Schieppati ruba un pallone e segna dall’altra parte. Blazevic è precisa da tre: +3 Udine. Con 6’ sul cronometro Galbiati strappa il rimbalzo offensivo e chiude il gioco da tre punti: tap-in e libero. Un appoggio di Barberis riporta Sesto a +2. Gambarini è abile a trovare Schieppati libera dall’angolo, che non delude. Galbiati penetra in area e segna, nell’azione dopo ancora lei, ancora 2 punti, su assist di Arturi. Sulla sirena la capitana segna in jumper: +11 Geas, con 11-0 in 4’30’’.

La volata prosegue nella ripresa: Schieppati segna da sotto, imitata poi da Arturi, per il +15. Dopo 2’30’’ Galbiati fa 2/2 dalla lunetta, ma le friulane spezzano il ritmo a Sesto: 5-0 Udine, con Da Pozzo e Mancabelli. Barberis scippa l’avversaria ed è brava a servire Arturi (+13). Ma il Geas subisce il secondo calo di attenzione della gara: 5 punti di Vicenzotti, 3 di Da Pozzo e 2 di Sturma (10-0 in 3’).

Le friulane si issano fino al -2 quando Galbiati risveglia le compagne. Virginia sale in cattedra e realizza il secondo gioco da tre punti della serata. Schieppati vede Galbiati libera dai 6,75: bersaglio. Neanche 15’’ dopo è Arturi a servirla: terza bomba a referto (+11). Ercoli sgomita sotto le plance e su rimbalzo offensivo trova il canestro in tap-in. Con 2’ da giocare, Ercoli si smarca bene e Galbiati la premia, per il +13. Un canestro di Rainis e uno di Vicenzotti ritoccano il punteggio. Onore al bel gioco di Udine, ma le rossonere esultano per il sedicesimo sigillo stagionale.