A2 F - Il Geas attende Pordenone, Zanotti "Gara da non sottovalutare"

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 66 volte
A2 F - Il Geas attende Pordenone, Zanotti "Gara da non sottovalutare"

Uscito vittorioso dai due durissimi scontri in trasferta a Crema e a Vicenza, sabato il Geas torna sul parquet del PalaNat per affrontare il G&G International Pordenone. Dopo le cinque gare di stop, tornerà disponibile Elisa Ercoli, mentre Virginia Galbiati e Camilla Mariani riprenderanno gli allenamenti in settimana. Le rossonere mantengono il primato in classifica con la miglior difesa del girone (440 punti subìti in nove gare). Pordenone è una delle squadre più giovani del campionato (a roster: una ’97, una ’98, quattro ’99, otto ’00, tre ’01 e una ’02): da anni funge da gruppo di sviluppo per le giovani promesse della Reyer Venezia, che risultano tesserate in entrambe le società. Con un record di due vittorie (contro San Martino e Cagliari) e sette sconfitte, attualmente occupano il penultimo posto della classifica, insieme con Albino, Cagliari e Carugate. Tra le friulane spiccano Giulia Zecchin, play/guardia nata nel 1997 che sta producendo 9,6 ppg, l’ala/pivot di 186 cm Sara Madera, stella delle nazionali azzurre, nata nel 2000, che in cinque gare disputate ha macinato 8,4 ppg, la play/guardia del ’98 Anna Togliani (7,8 ppg in sette gare, gemella di Giulia che quest'anno gioca a Crema), la lettone Laura Meldere, classe 2001, scesa in campo solamente nelle ultime due uscite (contro Selargius 12 punti, contro Costamasnaga 14) e Giovanna Elena Smorto, play/guardia del’99, che sta percorrendo il campionato con 10,3 ppg e 5,9 rpg.

 

COACH ZANOTTI – “Pordenone è una squadra di giovanissime. Sono affiliate alla Reyer: alcune giocatrici prendono parte agli impegni di entrambe le società, alternandosi tra loro. Le più promettenti sono sicuramente Togliani e Madera: giocano spesso con Venezia e, nonostante l’età, hanno già alle spalle esperienze europee e mondiali con le rappresentative azzurre nelle varie categorie. Sono due giocatrici di livello; nelle ultime due uscite di Pordenone non hanno giocato: a seconda della loro presenza o meno, l’assetto di squadra cambia notevolmente. La nostra attenzione sarà puntata a limitare loro due, nell’eventualità in cui sabato ci siano. Ma anche tutte le altre sono giovani prospetti: ci sono buone lunghe che possono alternarsi senza alcun problema con le esterne. Come tutte le squadre giovani, alternano buone prestazioni ad altre più modeste: da parte nostra, sarebbe un errore sottovalutare la sfida. Dobbiamo scendere in campo con concentrazione e grinta. Qualche giorno fa Ercoli ha fatto il suo primo allenamento di sola pallacanestro: sabato sarà a completa disposizione. Galbiati e Mariani rimarranno ferme ancora fino alla settimana prossima, quando entrambe riprenderanno a lavorare”. Geas – Pordenone, sabato ore 20.30 al PalaNat.