A2 F - Geas, trasferta insidiosa a Marghera questa sera nel recupero

28.02.2018 07:28 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 163 volte
A2 F - Geas, trasferta insidiosa a Marghera questa sera nel recupero

Nel recupero della quarta giornata del girone di ritorno, il Geas sarà ospite della Giants Bk Marghera, stasera alle 20.30. La Coppa Italia di Alessandria – prima volta con final four di A1 e final eight di A2 riunite nella stessa sede – si è conclusa domenica: ad aggiudicarsela sono state Schio (A1) e Crema (A2), rispettivamente arrivate in finale contro Lucca e Bologna. È la nona finale in nove anni per Schio, che aggiunge l’undicesima coppa Italia al proprio palmarès; per le venete è il secondo trofeo della stagione, dopo la Supercoppa.  Mvp per la Famila la francese Isabelle Yacoubou (12 punti con 5/9 da due e 7 rimbalzi in finale, 23 punti e 10 rimbalzi in semifinale contro San Martino); bene anche il prodotto del vivaio Geas Zandalasini (8 punti e 7 rimbalzi contro Lucca, 10 punti e 4 rimbalzi contro la Fila).  Risultato storico per Crema, che conquista il trofeo per la prima volta.  Mvp la croata Benic (finale da 20 punti, 13 rimbalzi e 3 assist; media nella manifestazione: 15 punti e 8,7 rimbalzi), nonostante un’ottima D’Alie per le bolognesi (18 punti, 8 rimbalzi, 4 assist, 4 palle recuperate nel match di domenica).

Sesto è reduce da due sconfitte di fila: in campionato contro Castelnuovo e nel quarto di finale di coppa Italia contro Bologna, entrambe per un solo punto. Il Geas occupa la prima posizione della classifica, con 17 vittorie e 2 sconfitte, a pari punti con la seconda Costa Masnaga, che ha una gara in più. Marghera è ottava, con 10 vittorie e 9 sconfitte. Nelle ultime sei uscite, ha riportato cinque successi, dato che contrasta con quello di inizio campionato: due vittorie nelle prime sette gare disputate. Nella penultima partita, Marghera ha battuto in trasferta Castelnuovo, con uno scarto di 13 punti (doppia doppia da 18+13 per la giovanissima Toffolo, con 33 di valutazione); mentre nell’ultima ha superato San Martino di 16 (Llorente da 18 punti, 15 rimbalzi e 28 di valutazione, Granzotto da 20 punti, 4 rubate, 2 assist e 24 di valutazione). Le migliori in stagione tra le ragazze di coach Seletti: l’ala-pivot italo-argentina Llorente, con 12,4 punti e 9 rimbalzi, la guardia classe ’91 Pieropan, con 12,4 punti, la play-guardia nata nel 1992 Granzotto, 11,2 punti e 3,2 palle rubate (prima nella categoria in tutta la A2) e l’ala del 2000 Toffolo, con 7,8 punti e 7,8 rimbalzi.

COACH ZANOTTI – “Innanzitutto dobbiamo ritrovare noi stesse dopo la grande occasione che non abbiamo saputo sfruttare. È necessario fare buon uso delle occasioni perse, per riacquistare serenità e determinazione. Ci è sfuggita una grande opportunità: ad Alessandria abbiamo sprecato moltissimo, soprattutto in fase offensiva. D’ora in avanti, ci impegneremo per tornare a scendere in campo con energia ed armonia: ogni gara sarà fondamentale per noi. Marghera ha fatto passi in avanti rispetto all’inizio del campionato: schiera molte giovani, tutte con esperienza di A2 già dallo scorso anno. Sono riuscite a dare del filo da torcere anche a squadre d’alta classifica: l’attenzione e la grinta saranno ai massimi livelli”.

“Marghera gioca in modo estremamente aperto – dichiara Paolo Fassina, assistente di Zanotti –, alternando difese varie: usano la uomo e la zona, sia dispari sia pari, riuscendo a cambiarle rapidamente con difese a tutto campo, sempre tenendo alta l’aggressività. Sono pericolose perché possiedono talento e disciplina tattica: dovremo essere in grado di trovare il modo di creare loro difficoltà, come siamo riuscite a fare nella gara di andata. La più talentuosa è Granzotto, capace di giocate di classe e spettacolari, ma sempre con grande concretezza. Le giovani Cecili e Castria sono abili dalla lunga distanza, mentre Pieropan sa ferire da ogni zona del campo. In posizioni di ali e pivot, schierano Pastrello, Llorente e Toffolo, che assicurano punti sia da sotto sia dalla media”.