A1 F - Ragusa, mistero Erlana Larkins. La pivot americana non si presenta, arriverà?

LA SOCIETÀ PARLA DI "MOTIVI POCO CHIARI". LA GIOCATRICE DOVEVA ESSERE A CATANIA IERI POMERIGGIO
 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 314 volte
Fonte: Corriere di Ragusa
A1 F - Ragusa, mistero Erlana Larkins. La pivot americana non si presenta, arriverà?

Erlana Larkins (foto) dà buca. La giocatrice americana non era sull’aereo che la doveva portare a Catania e l’attesa per i dirigenti biancoverdi è stata vana. L’americana non ha dato finora nessuna spiegazione e vane sono stati i tentativi dei dirigenti di mettersi in contatto. La società parla di «motivi poco chiari» facendo dunque presupporre che un qualche contatto, seppur poco convincente, c’è stato. Sta di fatto che in tutto l’ambiente la delusione è stata tanta e quello che doveva essere il colpo per risollevare il morale dopo la pesante sconfitta di Broni è stata un’ulteriore mazzata. L’ambiente della tifoseria ha diversamente commentato tra il deluso e il faceto ma non c’è dubbio che lo stesso presidente Gianstefano Passalacqua che si era quasi fatto un regalo con l’arrivo di Erlana Larkins vuole vederci chiaro anche per salvaguardare il buon nome della società.

Coach Lambruschi è in attesa di novità e per il momento lavorerà con il gruppo delle giocatrici a disposizione sperando che almeno Laura Nicholls possa rientrare. Inutile parlare a questo punto di esordio di Larkins a S. Martino di Lupari domenica per il secondo preliminare di Coppa Italia per l’accesso alla Final Four. Lambruschi ha esaminato in modo lucido la sconfitta con Broni: «Abbiamo avuto una partenza ancora più lenta delle solite partenze lente di Ragusa L´influenza stagionale che è stata patita da alcune giocatrici ha lasciato il segno nella partita, così come ha lasciato il segno il perdurare delle assenze di Bagnara e Nicholls. Avevamo cambiato atteggiamento difensivo nel secondo quarto ed eravamo riusciti a ricucire lo strappo iniziale, ma la ripresa, nel terzo quarto, non è stata quella sperata. Alla fine pesano le 24 palle perse e il 4/16 da tre punti».