EuroLeague - L’Olympiacos annichilisce il Maccabi senza pietà

I greci battono gli israeliani 94-64 al Pireo
 di Fabrizio Fasanella Twitter:   articolo letto 257 volte
EuroLeague - L’Olympiacos annichilisce il Maccabi senza pietà

L’Olympiacos (13-5) fa a pezzi il Maccabi (9-9) 94-64 in una sfida ormai storica del basket europeo. I Reds, infatti, dominano senza sosta dall’inizio alla fine, soffocando gli israeliani grazie alla loro difesa e muovendo bene la palla per tutti i quaranta minuti. Una serata da dimenticare per Jackson (13 punti, il migliore dei suoi) e compagni, autori di 23 punti complessivi nella seconda metà di gara. I conteggi degli assist e dei rimbalzi rendono perfettamente l’idea del piccolo capolavoro della truppa di coach Sfairopoulos: 26-11 nella prima voce, 45-35 nella seconda. Bravissimi i greci, guidati da Spanoulis (13 punti e 7 assist) e Milutinov (12 punti e 7 rimbalzi), a sfruttare le numerose palle perse dei gialloblu per scappare già verso la fine del quarto d’apertura.

 

Dopo tre minuti di assestamento, la gara si accende grazie alle due schiacciate consecutive di Milutinov (10-9). L’Olympiacos difende con grande intensità, il Maccabi perde troppi palloni (5 nel primo periodo) e McLean è una furia: l’ex lungo di Milano, infatti, segna 10 punti (con 2 rimbalzi offensivi) in meno di 5 minuti e spaventa gli israeliani con la sua incredibile energia sotto le plance. Il quarto d’apertura, di conseguenza, termina 24-16 per i greci, che poi volano in doppia cifra di vantaggio grazie all’ennesima schiacciata di McLean. Lo statunitense, però, va negli spogliatoi a causa di un infortunio e gli ospiti, dopo aver toccato il -12 (30-18), provano a risalire con l’and-one e la tripla di Jackson. La risposta dei padroni di casa arriva puntuale in seguito ai colpi di un solido Milutinov. Ancora una volta, Tel Aviv prova a ricucire con un 7-0 di parziale (Tyus, Jackson e Kane) e questa volta è Spanoulis a scuotere l’Olympiacos. Il veterano mette la tripla del nuovo +9, scrive 2 in penetrazione e serve un assist al bacio per il lay up di Printezis. Nonostante i tentativi del solito Jackson (stoppata clamorosa su Spanoulis e canestro con fallo), gli ellenici rimangono saldamente avanti anche all’intervallo: 53-40.

L’Olympiacos, nella ripresa, alza ulteriormente il livello della sua difesa (solo 11 punti concessi nella terza frazione) e soffoca un Maccabi privo di soluzioni per contrastare gli avversari. Le triple iniziali di Mantzaris e Spanoulis permettono ai Reds di volare sul +16 (60-44) a 6 minuti dalla fine del penultimo periodo, poi Milutinov schiaccia grazie a una fantastica circolazione di palla e i greci toccano il +18 (+19 al trentesimo sul 70-51). Quindi Roberts apre il quarto periodo con una tripla, Thompson fa lo stesso un minuto più tardi e la gara è già abbondantemente chiusa con 8 minuti rimasti sul cronometro. Vince e convince la truppa di coach Sfairopoulos 94-64.